Idillio ‘e mmerda

">

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Idillio 'e mmerda di Ferdinando Russo

Nu juorno na cacata sulitaria,
meza annascosta dint’ ‘a nu sentiero,
c”o sole ‘e luglio e c”o profumo ‘e Il’aria
s’annammuraie d”o strunzo ‘e nu pumpiero.

Essa era tonna, acconcia, piccerella,
isso era niro, gruosso, frisco frisco;
essa era fatta a fforma ‘e cuppulella,
isso rassumigliava a n’obelisco.

E, cu Il’ intermediario ‘e nu muscone
na bella sera tutta prufumata,
‘o strunzo avette ‘a dichiarazione
d’ammore d”a cacata nnammurata.

Isso era nato sotto mala stella;
ca maje nisciuno l’aveva guardato …
Vulette bene a chella cacatella
cchiù assaie d”o culo ca l’avea cacato.

Ma stevano luntano; e sulo ‘a luna,
e sulo ‘e pprete e sulo ‘e ffrasche verde
sapevano ‘e turmiente, a uno a uno,
‘e chilli duie sperdute piezze ‘e mmerda.

E na matina, erano verso Il’otto,
nu cato d’acqua ‘a copp”a na fenesta
facette comm”o libbro galeotto
‘e ‘onna Francesca e Paolo Malatesta.

Benedicenno nzieme chella secchia,
s’astrignèttero forte. Erano sule:
essa Ile regalaje na pellecchia,
isso Ile regalaje dduie fasule.

Chiano, sciulianno dint’a ll’acqua ‘alice,
cu nu curteo ‘e muschille int”o sentiero,
sotto ‘o sole, ‘a cacata ‘e stiratrice
se mrnaretaje c”o strunzo d”o pumpiero.

E in viaggio ‘e nozze stetteno abbracciate
mmiez’a dduie piezze ‘e càntere scassate.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *