Il matrimonio fallito

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Il matrimonio fallito di Alvaro Amici

Armandino Bosco

Un paro de strofette ve vojo cantare
Der mio matrimognio ve vojo parlare.
Era de maggio quella matina
Quanno ‘ncontrai ‘na bella bambina.
Era si bella, era graziosa,
Solo a vedella sembrava ‘na rosa.
Quer dì che me sposai a casa mia
Se fece ‘na gran festa in allegria.
Appena finito de beve e magnare
Se semo messi tutti a ballare.
Poi verso sera co’ tanto affetto
Je dissi “a Marisa, annamo a letto!”.
Appena semo entrati nella stanzetta
Se torze i guanti e ppuro la veletta.
Je dissi “mia cara, fa presto a spojatte,
Nun vedo l’ora de abbracciatte”!
Lei me rispose come in un sogno
“Spegni la luce che me vergogno!”.
Io per accontentalla luce smorzai,
Ma quanno l’ho riccesa, ahimé che guai!
Lei s’era tòrta in pochi istanti
Er petto, er busto ed anche i fianchi.
I riccioli biondi se li levava
E sur divano lei li posava.
Deluso persi i sentimenti
Quanno l’ho vista levasse i denti.
“Che schifo che fai, nun sei più quella,
Me pari er manico e ‘na ‘mbrella”!
“Tu fumi la pippa, tu bevi barbera,
Sei sempre ‘mbriaca da matina a sera”.
“E se te faccio ‘n’osservazione
Me tratti peggio de ‘n mascarzone”.
E mo’ che l’ho sposata, devo tenella,
Me pare de mantenere… ‘Na vaccarella!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here