Il mongolo

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1993 Contro

Testo Della Canzone

Il mongolo di Nomadi

Non so se ricordate quel ragazzo traviato

quello lungo con lo sguardo estraniato,

quello che veniva al bar alla sera

e tutti lo chiamavano mongolfiera,

quello che di lui la gente diceva

“Quello è un mongolo che fa solo fiera!”

Si racconta ancora quando a scuola

andavano tutti dietro i tempi allora

butto nei cessi un sacco di cemento

apri il rubinetto allago il casamento

si ritirò e scontò la condanna

e festeggio con fragole e panna.

Viveva solo in casa con la mamma

e alla mattina vedeva la Gianna,

nel pomeriggio giocava ai soldatini,

ma la notte vendeva ai giardini,

fece carriera e diventò ligera,

ma lo chiamaron mongol senza fiera.

Fece presto una collocazione,

tagliava il fumo col calco di mattone

la sua ero era naftalina

e i suoi tiri tutti metadrina,

fece carriera e diventò canaglia,

ma lo chiamaron mongoltaglia.

Il più bel colpo della sua carriera

è stato quello che l’ha messo in galera

quando la pula l’ha trovato un giorno

diceva: “La roba toglie il medico di torno!”

la sua carriera si sgonfiò di colpo

e tutti lo chiamavan mongolstolto.

La gente dice che dentro al parlatorio

mongol racconta la storia di quel giorno

quando la pula pensò fosse strano

vedendo due seduti a cavalcioni sul ramo,

erano due della banda dei giardini

dicevano convinti d’essere uccellini.

La sua carriera si sgonfiò di botto

e tutti lo chiamaron mongolrotto.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here