La società  dei magnaccioni – Canzone Romana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

La società dei magnaccioni di Canzoni Romane

 

 

Fatece largo che passamo noi
sti giovanotti de’ sta Roma bella
semo ragazzi fatti cor pennello
e le ragazze famo innamora’
e le ragazze famo innamora’
Ma che ce frega ma che ce ‘mporta
se l’oste ar vino ci ha messo l’acqua
e noi je dimo e noi je famo
c’hai messo l’acqua
nun te pagamo ma pero’
noi semo quelli
che j’arrisponnemmo ‘n coro
e’ mejo er vino de li Castelli
de questa zozza societa’
E si per caso vi e’ er padron de casa
de botto te la chiede la pigione
e noi jarrispondemo a sor padrone
t’amo pagato e ‘n te pagamo piu’
t’amo pagato e ‘n te pagamo piu’
Che ce arifrega che ce arimporta
se l’oste ar vino ci ha messo l’acqua
e noi je dimo e noi je famo
c’hai messo l’acqua
nun te pagamo ma pero’
noi semo quelli
che j’arrisponnemmo ‘n coro
e’ mejo er vino de li Castelli
de questa zozza societa’
Ce piacciono li polli
li abbacchi e le galline
perche’ son senza spine
nun so’ come er baccala’
La societa’ dei magnaccioni
la societa’ della gioventu’
a noi ce piace de magna e beve
e nun ce piace de lavora’
Portace ‘nantro litro
che noi se lo bevemo
e poi jarrisponnemo
embe’ embe’ che c’e’
E quanno er vino embe’
c’arriva al gozzo embe’
ar gargarozzo embe’
ce fa ‘n figozzo embe’
pe falla corta pe falla breve
mio caro oste portace da beve
da beve da beve

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
G

    C
Fatece largo che passamo noi 

                              G
sti giovanotti de' sta Roma bella 

Dm
semo ragazzi fatti cor pennello 

e le ragazze famo innamora' 

G
e le ragazze famo innamora' 

C
Ma che ce frega ma che ce 'mporta 

                                 Dm
se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua 

                         C
e noi je dimo e noi je famo 

               Dm6
c'hai messo l'acqua 

           G
nun te pagamo ma pero' 

            C                            G
noi semo quelli che j'arrisponnemmo 'n coro 

             F             C
e' mejo er vino de li Castelli 

            G            C G7 G
de questa zozza societa'      



     C
E si per caso vi e' er padron de casa 

                              G
de botto te la chiede la pigione 

Dm
e noi jarrispondemo a sor padrone 

t'amo pagato e 'n te pagamo piu' 

G
t'amo pagato e 'n te pagamo piu' 

C
Che ce arifrega che ce arimporta 

                                 Dm
se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua 

                         C
e noi je dimo e noi je famo 

               Dm6              G
c'hai messo l'acqua  nun te pagamo ma pero' 

            C                             G
noi semo quelli  che j'arrisponnemmo 'n coro 

             F             C
e' mejo er vino de li Castelli 

            G
de questa zozza societa' 

C
Ce piacciono li polli 

                      G
li abbacchi e le galline 

        Dm
perche' son senza spine nun so' come er baccala' 

G           C
La societa' dei magnaccioni 

la societa' della gioventu' 

G           Dm            C
a noi ce piace de magna e beve 

            G
e nun ce piace de lavora' 

   C
Portace 'nantro litro 

                  Dm
che noi se lo bevemo 

      F          C
e poi jarrisponnemo 

      G
embe' embe' che c'e' 

C
E quanno er vino embe' 

                  G
c'arriva al gozzo embe' 

ar gargarozzo embe' 

                 C
ce fa 'n figozzo embe' 

                           Dm
pe falla corta pe falla breve 

          Em               C
mio caro oste portace da beve 

da beve da beve ole'

***



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here