La sposa rubata

Album

È contenuto nei seguenti album:
1977 La pulce d’acqua

Testo Della Canzone

La sposa rubata di Angelo Branduardi

(di Angelo BranduardiZappa)

Da tre notti non riposo
resto ad assoltare :
è la vipera che soffia,
soffia presso l’acqua.
Ho composto un canto nuovo,
vieni ad ascoltare
della sposa che al banchetto
mai più ritorno fece.
C’era un invitato in più
che la rimirava:
“Alla mia gente vorrei mostrare
il tuo abito da sposa”.
Lei ingenua lo segui`
cerca di tornare,
fino a notte attesa,
lei non ritornò.
Se ne andava in piena notte
da solo un suonatore,
ma davanti gli si parò
il signore sconosciuto:
“Forse tu cerchi la sposa
che andò perduta,
se hai cuore di seguirmi
da lei ti condurrò”.
E una barca lo portò
lungo un’acqua scura,
ritrovò la sposa
e aveva vesti d’oro.
“Il mio anello ti darò,
portale al mio uomo,
qui non soffro più
nè male nè desiderio”.
Il suonatore si girò,
fece un solo passo
poi gridare ia senti`
nell ‘acqua che la soffocava,
Come luce lei brillava
quando sposa andò,
dove mai l’avrà portata
il signore che la rubò.
Da tre notti non riposo
resto ad ascoltare:
è la vipera che soffia,
soffia presso l’acqua.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

              RE- DO LA- FA DO RE- 
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
Da tre notti non riposo resto ad ascoltare:
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
è la vipera che soffia, soffia presso l'acqua.
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
Ho composto un canto nuovo vieni ad ascoltare
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
della sposa che al banchetto mai più ritorno fece.
 
FA           DO          RE-        LA-
C'era un invitato in più che la rimirava:
 SIb               LA-             Sib   DO    RE-
"alla mia gente vorrei mostrare il tuo abito da sposa".
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
Lei ingenua lo seguì certa di tornare,
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
fino a notte attesa, lei non ritornò
 
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
Se ne andava in piena notte da solo un suonatore,
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
ma davanti gli si parò il signore sconosciuto:
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
"forse tu cerchi la sposa che andò perduta,
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
se hai cuore di seguirmi da lei ti condurrò".
 
 
FA           DO          RE-        LA-
E una barca lo portò lungo un'acqua scura,
SIb               LA-             Sib   DO    RE-
ritrovò la sposa e aveva vesti d'oro
RE-           DOLA-     FA            DOLA-
"il mio anello ti darò portalo al mio uomo,
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
qui non soffro più né male né desiderio".
 
RE- DO LA- FA DO RE- 
 
RE-             DOLA-     FA            DOLA-
Il suonatore si girò, fece un solo passo
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
poi gridare la sentì nell'acqua che la soffocava.
FA           DO          RE-        LA-
Come luce lei brillava quando sposa andò,
SIb               LA-             Sib   DO    RE-
dove mai l'avrà portata il signore che la rubò?
 
RE-              DOLA-     FA            DOLA-
Da tre notti non riposo resto ad ascoltare:
RE-      RE-DO  FA      FA     DO     RE-
È la vipera che soffia, soffia presso l'acqua.
 
RE- DO LA- FA DO RE- RE



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here