La villegne

Testo Della Canzone

La villegne di Canzoni Abruzzesi

LE FANCIULLE Manna celeste,
segne di feste,
ogne ricciàppile ariempie na ceste.
Chi è ch’ha viste mè’
se mejje di stu frutte si po’ dè?

GLI UOMINI Fiamma d’amore,
rubbine e ore,
ogne bicchiere ariscalle lu core.
Chi è che po’ truvè’
na cose che chiù mejje fè cantè’?

TUTTI La campagne è pe l’amore
gne lu ciele pe le stelle:
ste ragazze tutte belle
brille tutte come l’ore.
Gna finisce la villegne
ogni core te’ nu segne.

LE FANCIULLE Uva sucose,
uva pastose,
ogne ricciàppile è d’ambra priziose.
Chiù mejje di cuscì
nisciune mè’ l’ha côte e le pò dì’.

GLI UOMINI Vine frizzante,
vine brillante,
ogne bicchiere rinforze lu cante.
La botte pò’ finì’,
ma lu gran pregge te’ nen pò’ murì’.

TUTTI Capistènne a lu tinacce
z’incaténe tanti file;
tra li ceste e li varile
tiè’ l’amore a faccia a facce.
Gna finisce la villegne
ogni core te’ nu segne.

BIANCA Dispettosa dispettose,
zi pò’ sapè
che vvuò’ da me?

ADELAIDE Sciè na serpa vilinose.
Fàmmene j’:
méjj’ a fuggì’.

MARIA Sete proprie du’ gattucce:
musce di qua,
musce di là.

REGINELLA Armettémele a la cucce;
nen si po’ cchiù
lasciarle ‘n du’,

TUTTI La campagne è pe l’amore
gne lu ciele pe le stelle:
ste ragazze tutte belle
brille tutte come l’ore.
Gna finisce la villegne
ogni core tè nu segne.

ADELAIDE e ALEARDO Tu mi può’ fè’ cuntente
sole nghe nu surrise:
mi menni ‘m paradise
se mi vuò’ bbene tu.
Pe mme ssu core è tutte,
è l’uniche cunforte;
dell’âtre nen m’importe
se mi vuo’ bbene tu.

BIANCA (a ADELAIDE) Statte zitte, dispettose,
ca se vienghe a ésse ‘m bacce,
vide mo che bella cose
nghe ssi ciurle che ci facce.

ATTILIO (a BIANCA) Sient’a mme, meluccia-rose,
nen dè’ rette a chela facce;
nen mi fè’ la vruvignose,
su, vien’écche, tra ste vracce.

CORO Siempre, siempre, a ogne dove,
è d’amore la canzone,
tante viecchie, tante nove
e di tutte li stagione.

BRINDISI

PASQUALE Vine doce,
che nen dice buscìje,
quande tu parle è sincere la voce,
Vine vine,
che mi diè’ l’alligrije,
quande tu chele la mente s’affine.

CORO E lu vine dè lu cante
e lu cante dè l’amore:
su, bevéme tutti quante,
su, cantéme tutti ‘n core!

ALEARDO Vine bone,
che ristore la vite,
diétti a stu core na bella canzone.
Vine sante,
ogge è sempre gradite,
fa che chiù bbene mi porte l’amante.

CORO E lu vine dè lu cante
e lu cante dè l’amore:
su, bevéme tutti quante,
su, cantéme tutti ‘n core!

ATTILIO Vine chiare,
vine fatte di miele.
Puorte stu cante di là da lu mare.
Vine scure
che c-i-à dète lu ciele,
parle a lu core di chi mi trascure.

CORO E lu vine dè lu cante
e lu cante dè l’amore:
su, bevéme tutti quante,
su, cantéme tutti ‘n core!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here