Le nostre serate

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Le nostre serate di Giorgio Gaber

Molti mi dicono:
sei fortunato
tu che hai trovato un lavoro sicuro,
bello, tranquillo,
interessante
e che ti rende decentemente.

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…
ti passo a prendere, cosa facciamo,
che film vediamo, no, l’ho già visto,
tutto previsto.
Molti mi dicono:
non hai diritto di lamentarti,
ti puoi permettere qualche parentesi,
qualche evasione,
tu che hai un lavoro di soddisfazione.

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…
vuoi bere qualcosa, grazie, ho già preso
il caffè su in casa, che cosa vuoi?
niente, ti annoi.
Molti mi dicono:
ma cosa cerchi? cosa pretendi?
non fare il nevrotico, hai una ragazza
che ti vuol bene,
ti lascia libero, non ti fa scene.

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…
le nove e un quarto, due passi al centro,
destinazione al solito bar,
televisione.

Io penso alle nostre serate stupide e vuote…
Io penso alle nostre serate stupide e vuote…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here