L’indovina de le carte

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

L'indovina de le carte di Trilussa

di Trilussa

– Pe’ fa’ le carte quanto t’ho da dà?
– Cinque lire. – Ecco qui; bada però
che m’hai da dì la pura verità…
– Nun dubbitate che ve la dirò.

Voi ciavete un amico che ve vô
imbrojà ne l’affari. – Nun pô stà
perché l’affari adesso nun li fo.
– Vostra moje v’inganna. – Ma va’ là!

So’ vedovo dar tempo der cuccù!
– V’arimmojate. – E levete de qui!
Ce so’ cascato e nun ce casco più!

– Vedo sur fante un certo nun so che…
Ve so’ state arubbate… – Oh questo sì:
le cinque lire che t’ho dato a te.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



1 COMMENTO

  1. La vocale ò (aperta) vuole l’accento grave, non quello circonflesso ô, che sia in italiano e sia in romano (anche, dopo l’invasione francese – romanesque) non determina alcun suono. Per la ó chiusa 8come nel caso di ora = mó) si usa l’accento acuto della vocale chiusa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here