L’orizzonte di K.D.

Album

È contenuto nei seguenti album:

1971 L’isola non trovata

Testo Della Canzone

L'orizzonte di K.D. di Francesco Guccini

K.D. si svegliò quel mattino e guardò le cose accanto a lei,
gli occhi ancor velati dalle briciole dei sogni
mentre il sonno scompariva accanto a lei lentamente,
il sonno scompariva accanto a lei…

K.D. si affacciò alla finestra, vide il mondo solito ad di là:
svaniva il suo orizzonte sulla ruggine del ponte
dove il fiume scompariva e la città finiva,
dove il fiume scompariva…

K.D. non seppe mai dire che sensazione la prese,
sentì il suo corpo svanire, le braccia eran ali rapprese.
Pianse qualcuno lontano che forse non conosceva
ed il suo pianto pian piano quell’orizzonte scioglieva…

Ma poi sorrise sorpresa di quella stupida ebbrezza,
il suo orizzonte tornato reale
le dava la solita sua sicurezza,
solita sua sicurezza…

Quando anche noi qualche volta ci sentiam tristi per niente
forse c’è K.D. che piange lontana,
fantasma che è in noi e ci accompagna per sempre,
che ci accompagna per sempre,
che ci accompagna per sempre!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Lam	Do	    Mi4/7 Mi7
K.D. si svegliò quel mattino
Lam    Do	        Mi4/7 Mi7
e guardò le cose accanto a lei
   Lam	       Do	      
gli occhi ancor velati 
       Re           Fa
dalle briciole dei sogni
	   Lam	  Sol                  Lam
mentre il sonno scompariva accanto a lei
     Sol
lentamente, 
   Lam	  Sol	     Lam9
il sonno scompariva accanto a lei.
K.D. si affacciò alla finestra
vide il mondo solito ad di là
svaniva il suo orizzonte
sulla ruggine del ponte
dove il fiume scompariva 
e la città finiva,
dove il fiume scompariva.
Lam	  Sol	Lam
K.D. non seppe mai dire
Lam	  Sol	Lam
che sensazione la prese
Do	       Re	 Mi4/7 Mi7
sentì il suo corpo svanire
   Do		Re           Mi4/7 Mi7
le mani e le braccia rapprese.
Pianse qualcuno lontano
che forse non conosceva
ed il suo pianto pian piano
quell'orizzonte scioglieva.
Ma poi sorrise sorpresa
di quella stupida ebbrezza
il suo orizzonte
tornato reale
le dava la solita sua sicurezza,
solita sua sicurezza
Quando anche noi qualche volta
ci sentiam tristi per niente
forse c'è K.D. 
che piange lontano
fantasma che in noi ci accompagna 
per sempre,
che ci accompagna per sempre.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here