L’unico maestro

Introduzione

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Testo Della Canzone

L'unico maestro di Liturgica e Sacra

Le mie mani, con le tue, possono fare meraviglie
possono stringere e perdonare e costruire cattedrali.
Possono dare da mangiare e far fiorire una preghiera.

Rit.
Perché tu, solo tu, solo tu sei il mio maestro e insegnami
ad amare come hai fatto tu con me,
se lo vuoi, io lo grido a tutto il mondo che tu sei,
l’unico maestro sei per me.

Questi occhi, con i tuoi, potranno vedere meraviglie,
potranno piangere e luccicare, guardare oltre ogni frontiera.
Potranno amare più di ieri se sanno insieme a te sognare.
Rit.

Questi piedi, con i tuoi possono fare strade nuove,
possono correre e riposare, sentirsi a casa in questo mondo.
Possono mettere radici e passo a passo camminare.
Rit.

Tu sei il capo, noi le membra, diciamo un’unica preghiera,
Tu sei il maestro noi, testimoni della parola del vangelo.
Possiamo vivere felici in questa chiesa che rinasce.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here