L’uomo a metà – Enzo Jannacci

Album

È contenuto nei seguenti album:

2003 L’uomo a metà
2008 Jannacci: The Best

Testo Della Canzone

 

Sotto la pioggia è inutile il freno
passano i giorni ci si parla sempre di meno
finisce il lavoro non c’entra l’età
di un uomo pulito diviso a metà
chissà se da giovane ha avuto un amore
chissà se qualcuno gli avrà spezzato il cuore
ah, la memoria ha dei risvolti curiosi
più dentro ci vai più niente viene di fuoriDopo i temporali non viene più il sereno
c’è poca minestra, va beh, ne faremo a meno
poterla spartire con qualcuno che sai
c’è anche il telefono… non si sa mai

La vita si aggiusta ma non ci saremo
ore su ore a tirare quel freno
e arrivi tardi a una porta sbagliata
la pasta va bene, anche un pò riscaldata

E certo che da giovane ha avuto un amore
per forza qualcuno gli avrà spezzato il cuore
ah, la memoria ha dei risvolti curiosi
più dentro ci vai più niente viene di fuori

Adesso è sera e l’uomo è da solo
balla su un disco di musica a nolo
verrebbe da ridere con gli anni che ha
come tutti quegli uomini divisi a metà

Dai temporali ormai non piove nemmeno
là dietro l’angolo non c’è più neanche il sereno
poco più in alto c’è l’areoplano
puzza di guerra neanche tanto lontano

Guarda più in alto se c’è l’areoplano
puzza di guerra
per molti niente di strano…

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

 
G

Sotto la pioggia e' inutile il freno Passano i giorni ci si parla sempre 

     D7                B7                G6                A

di meno Finisce il lavoro non c'entra l'eta' di un uomo pulito

                  D7               G                     G9

   diviso a meta' Chissa' se da giovane ha avuto un amore Chissa' 

                               D7               B7

se qualcuno gli ha spezzato il cuore Ah, la memoria ha dei risvolti 

G                          A                    Dm

curiosi Piu' dentro ci vai piu' niente viene di fuori Dopo i 

     E7                       Am                 Cm6

temporali non viene piu' il sereno C'e' poca minestra, va beh, 

            G9                 E7                  Am

ne faremo a meno Poterla spartire con qualcuno che sai C'e' 

             G

anche il telefono... non si sa mai La vita si aggiusta ma non ci 

                    D                 D7                   B

saremo Ore su ore a tirare quel freno E arrivi tardi a una porta 

          Em                      D                 G

sbagliata La pasta va bene, anche un po' riscaldata E certo che da 

                                                                     D7

giovane ha avuto un amore Per forza qualcuno gli avra' spezzato il cuore

                 B7                G                        A7

  Ah, la memoria ha dei risvolti curiosi Piu' dentro ci vai, 

                         Dm6            E7                Am

piu' niente viene di fuori Adesso e' sera e l'uomo e' da 

                 D7                  G             E7

solo balla su un disco di musica a non lo Verrebbe da ridere con 

                Am                  G9                 G E7 Am

gli anni che ha Come tutti quegli uomini divisi a meta'     


D7 G9 E7 Am D G A E F#m B E Em6                 Bm


                            Dai temporali ormai non 

                  Dm6                 A9

piove nemmeno la' dietro l'angolo non c'e' piu' neanche il sereno

A                      Bm          A

Poco piu' in alto c'e' l'aeroplano Puzza di guerra neanche tanto 

        Em6                    Bm               Dm6

lontano Guarda piu' in alto se c'e' l'aeroplano Puzza di 

              E7                     A                      B

guerra Per molti niente di strano... Poco piu' in alto c'e' 

             A

l'aereoplano puzza di guerra per molti niente di strano...   



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here