L’uomo che vola

Nella foto distribuita dall'ufficio stampa il 3 maggio 2013 Enrico Ruggeri che si presenta al pubblico con il nuovo album 'Frankenstein' pubblicato assieme al libro 'Al centro del cerchio'. ANSA/UFFICIO STAMPA GOIGEST +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Album

È contenuto nei seguenti album:
2000 L’uomo che vola

Testo Della Canzone

L'uomo che vola di Enrico Ruggeri

L’uomo guarda ancora la finestra
dove il sole fugge via
e l’orizzonte non c’è mai.
Gli basta un attimo, poi
porta le mani in su.

Sfiora il davanzale col respiro,
vede un angelo che spia;
lo sente più vicino a lui.
E più veloce che mai,
ride e si butta giù.

Adesso vola sopra di noi
e vede tutta la sua città.
Vola e non si ferma ancora.
Molto più sorridente di noi,
fuori dal tempo va.

Il signore passa la campagna,
guarda gli alberi, poi
scende verso il giallo dei granai.
Gli basta un attimo, poi
porta le mani in su.

Punta sulla spiaggia piano,
supera la linea azzurra
e guarda più vicino i marinai.
E più veloce che mai,
ride e li lascia giù.

E ancora vola sopra di noi,
su quelle nuvole senza età.
Vola e non si ferma ancora.
Vola; come vorrei
guardare il mondo con gli occhi suoi.
Vola e non ha più paura.
Molto più sorridente di noi, fuori dal tempo va.

Vola sopra di noi,
perchè c’è un sogno che non ha età.
Vola, non ti fermare ancora.
Vola; come vorrei
guardare il mondo con gli occhi suoi.
Vola e non ha più paura.
Molto più sorridente di noi,
fuori dal tempo…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here