L’uomo di Monaco

Album

È contenuto nei seguenti album:

2003 Nomadi quaranta (disc 1)

Testo Della Canzone

L'uomo di Monaco di Nomadi

E guardai, scrutai quel vecchio a Monaco

quel sorriso quella birra, quante cose poi pensai

la mia mente ha una folla di sguardi fissati

dietro a quei fili spinati.

E lo spiai, scrutai, divisa immaginai

di uno che marciò, l’Europa calpestò,

la mia mente ha una folla di sguardi spietati

fuori da quei fili spinati.

Lo guardai nel fondo dei sui occhi,

lo fissai insistendo sempre più

per vedere se c’era colpa o paura,

perché per quale ragione.

E guardai scrutai, niente poi notai,

solo rughe sul viso dal tempo seminate,

non avevan artigli tremavan le sue mani

come quelle di mio padre.

Lo guardai nel fondo dei sui occhi,

lo fissai insistendo sempre più

per vedere se c’era colpa o paura,

perché per quale ragione.

Ritornai poi ancora a Monaco lo cercai,

ma ormai lui non era più,

la mia mente quella folla,

quelle mani fra un volo di gabbiani.

La mia mente quella folla,

quelle mani fra un volo di gabbiani.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
E guardai, scrutai, quel vecchio a Monaco
     Dom                 Solm
quel sorriso, quella birra quante cose poi pensai
        Fam                       Dom
la mia mente a una folla di sguardi fissati
       Mib                  Dom
dietro a quei fili spinati.
Sib      Solm          Dom
E lo spiai, scrutai, divise immaginai,
                         Solm
di uno che, marcio', l'Europa calpesto'
       Fam                Dom
la mia mente a una folla di sguardi spietati
       Mib                  Dom
fuori da quei fili spinati.
Sib      Solm        Dom

Lo guardai
       Lab
nel fondo dei suoi occhi
    Solm            Dom
lo fissai
      Lab
insistendo sempre piu'
    Sib           Mib
per vedere se c'era
      Fam
colpa o paura
Dom
perche', per quale ragione.
   Sib               Sol
E guardai, scrutai, niente piu' notai
      Dom           Solm
solo rughe sul viso, dal tempo seminate,
     Fam                 Dom
come quelle di mio padre.
Sib  Solm          Dom

Dom Solm Fam Dom Mib Dom Dib Solm Dom

Lo guardai
       Lab
nel fondo dei suoi occhi
    Solm            Dom
lo fissai
      Lab
insistendo sempre piu'
    Sib           Mib
per vedere se c'era
      Fam
colpa o paura
Dom
perche', per quale ragione.
   Sib               Sol

Ritornai poi, ancora a Monaco,
      Dom         Solm
lo cercai, ma ormai, lui non c'era piu',
      Fam            Dom
la mia mente, quella folla, quelle mani
       Mib                  Dom
tra un volo di gabbiani
Sib    Solm        Dom
la mia mente, quella folla, quelle mani

tra un volo di gabbiani

Mib  Dom  Sib  Solm  Dom

Mib  Dom  Sib  Solm  Dom



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here