Ma che razza de città – Gianni Nebbiosi

Nebbiosi

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Ma che razza de città – Gianni Nebbiosi

 Gianni Nebbiosi 

Dice l’aria c’e’ piu’ bona che a Milano
Specialmente pe’ chi campa solo d’aria.
Specialmente pe’ chi torna a casa a sera
E nell’aria ce po’ solo bestemmia’.
Le matine de gennaio ce sta’ ‘n sole
Tanto bello che je sputeresti ‘n faccia.
Come dentro a quer grugnaccio der capoccia
Che fa i sordi mentre tu stai a lavora’.
Ma che razza de citta’ (2 volte).E ce vengono pe’ fame da lontano
Perche’ Roma vuole di’ la capitale
Ma ‘n borgata pe’ strada che ‘n imbuto
Roma vole di’ sortanto sei fottuto.
Sei fottuto e puro tocca tira’ avanti
E li giorni te li fanno co lo stampo
E ‘na sera compri ‘n etto de castagne
E te metti a sede e t’aritrovi a piagne.
Ma che razza dei citta’ (2 volte)

E ‘ner manna’ ‘n gola pianto e callaroste
T’aricordi che c’e’ puro l’artra gente,
t’aricordi che quarcuno t’ha spiegato
se comincia a resta’ solo sei fregato.
E cammini e te li guardi bene ‘n faccia
E t’accorgi tutto a ‘nbotto che so’ tanti.
Tante callaroste assieme a tanti pianti
E nun sai piu’ s’hai da ride o da trema’.

Ma che razza de citta’ …..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here