Madonna dell’Urione – Canzone romana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Madonna dell’Urione – Canzoni Romane

Alvaro Amici – Claudio Villa

Se rincontramo tra ‘sta confusione
appena che so uscito da le pene…
so’ stato drento e tu sai la raggione:
ma zitta, nun è tempo de fà scene.

Ner mentre sfilerà la processione
tu m’hai da dì si ancora me voi bene,
tu m’hai da dì si sei la stessa a quanno
te sospiravo cantanno così;

Fior de limone,
so’ tutte nelle le trasteverine
ma Nina è la più bella dell’Urione
perché ne le pupille sue turchine
nun ce vedrò l’inganno
nun ce vedrò finzione.

Sei diventata pallida, ho capito.
Allora è vero quello che ho saputo.
Ah scema, perché tremi si arzo un dito?
Nun vedi? Passa Cristo e lo saluto.

Ma pé ‘sto pòro cristo ch’hai tradito
er labbro tuo che inganna resta muto,
te coce forse che ce vede assieme
quello che adesso te preme più de me.

Fior de limone,
chi mai sarà ‘sto giovine per bene?
Un popolano oppure un gran signore?
Co’ te che me fai vive ne le pene
l’agguanto e lo strascino,
lo porto in processione.

Mo te inginocchi: a chi fai, ‘ste preghiere?
… Viè la Madonna… cambio de colore;
me casca l’arma e come l’incensiere
io sento in petto sollevasse er core.

Và, Nina, và, sparisci, fà er piacere
ch’io do la spalla in cambio ar portatore,
cor petto alleggerito da ‘na donna
io porto la Madonna co’ me.

Fior de limone
pregate assieme a me gente cristiane
perché ho sfuggito er male all’occasione;
sonate a stesa tutte le campane
io porto la Madonna
che veja nell’Urione

Sonate a stesa tutte le campane
me benedice mamma
che veglia dar cantone.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here