Miercurì d’o Carmine – Ernesto Murolo (Poesia)

Testo Della Poesia

Miercurì d’o Carmine – Ernesto Murolo

1916

Chiove. Cupa è ‘a campana a Chiesia ‘o Carmene
’stu Miercurì d”e muorte.
Fanghiglia e ssecatura tutt’a Chiesia;
gente nzeppata fino a ssott”e pporte.

E so’ zantraglie ‘e dint”o Lavenare;
neguziante ‘e vascio ‘a Cunciaria;
so’ pezziente, pezzente;
ferrar”e Sant’Eligio, marenare,
femmene malamente
d”o Llario d”e Bbarracche e ‘a Ferrovia…

E pe’ mmiez’a ’sta folla ‘e facce gialle
– scemunute pe’ guaie, miserie e schiante –
‘na tanfa ‘e pezzecaglie e de sudore.
Guardano tuttuquante,
cu”e ccape dint”e spalle,
‘ncopp”Aldare Maggiore
addò, una mass”argiento,
mentre s’aspetta ‘a benediziona,
cu ll’organo ca sona,
luce, fra cere e ncienzo, ‘o Sacramento.

Ma ’sta folla nun è – cumme penz’io –
chella d”e >… primm”e ll’Està:
nfanatecuta, strellazzera, ardente,
chien”e fede, speranza e >
Mo – par’a mme – ca prega pe’ prià,
ma scuraggiatamente.

E trase e gghiesce ‘a dint”a Sacrestia,
– cumm’a ffile ‘e furmicule – ata gente.
… E chi se ferma nnanz”a screvania
pe’ ffà dì quacche messa a nu parente
… chi è pronto c”o di sorde e c”o libretto
p”a firma d’>….
Veco nu richiamato d”o Distretto,
cu”a lente a ll’uocchie, ‘e pile ianche ‘nfaccia,
cu”a mugliera vicino,
cu nu figlio p”a mano e n’ato ‘nbraccia.

Chi guarda, appesa ‘o muro, ‘na giacchetta,
– ‘na giacchetta ‘e surdato –
c”o pietto spertusato
‘a ‘na palla ‘e scuppetta.

E appiso ce stà scritto:
>

Chi tocca e vasa ‘na medaglia ‘attone
d”a >, ammaccata
e cusuta vicino a ‘na cammisa.
E ‘a palla, sturzellata, scamazzata,
dint’a ‘na buttigliella, ll’hanno misa
pur’essa esposta pe’ divuzione…

Quacche femmena chiagne… ‘N’ata… E n’ata:
Se stà furmanno ‘na prucessiona
nnanz”a Cappella addò stà cunzacrata
‘a Maronna ‘nperzona.

Arde ‘a Cappella p”o calore e ‘e ccere.
Veco, attuorno, ’sti mmure cummigliate
‘e ritratte ‘e surdate:
guardie ‘e finanza, muzze, berzagliere
E ognuno ‘e lloro tene ‘a sora o ‘a mamma,
ch”a vascio ‘o guarda fisso…
E chiagne… E ‘o chiamma…
E dà n’uocchio ‘a Maronna e n’ato a isso…

Quanta prighiere! Che scungiure! E quanta
vute, prumesse, lagreme!… – >
(stà dicenno ‘na femmena gravanta
‘nfacci”a Maronna) …>

– > – dice ‘na vecchia.
E chell’ata, cchiù forte: – >

(Chiagneno tuttuquante. ‘A puverella,
c”a voce cchiù abbrucata,
scaveza, arrampecata
p”e ggrare addò stà ‘o quatro, arditamente,
mo’ amminaccia ‘a Maronna >)
>
(E spalle d”a Cappella,
‘a folla ‘e dint”a Chiesia ha visto, sente,
se move, sta spianno…)

(E cu”e capille
sciuovete, cumme a ppazza, ha stesa ‘a mana,
e ha tuzzuliato ‘nfaccia a lastra santa…
Ma tutto nzieme ha date tali strille
ch’ha revutata ‘a Chiesia tuttaquanta…)

> Ll’uocchie nfuse…
… A lastra nfosa…

(Doi, tre voce cunfuse,
nnanz”a ’sta mana stesa, cunzacrata,
ca nisciuno ha tuccata…
e po’ ciento… E po’ tutte:)

1 COMMENTO

  1. […] Potete leggere la poesia intera qui. Ernesto Murolo (1876-1939) è stato un poeta, drammaturgo e giornalista italiano. Insieme a Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio ed E. A. Mario è stato un artefice della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana. In questa poesia si legge la devozione e l’amore che il popolo napoletano nutre per la “Mamma del Carmine” e la fede che le manifestano nel giorno di mercoledì a lei consacrato. […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here