Mondo nuovo

Album

È contenuto nei seguenti album:

1978 Amerigo

Testo Della Canzone

Mondo nuovo di Francesco Guccini

Corre veloce, ma in che senso
il nostro tempo sconosciuto e strano
e i nostri occhi spaventati
guardano ciò che ci circonda
e non sanno credere ad un tecnico sortilegio che
pian piano e indifferente ci rapina
e ci trascina verso una realtà
che non vedremo mai (fra entità sconosciute e computers)
che non vedremo mai (fra le schede cifrate e le città)
che non vedremo mai…

E corre l’ uomo confuso verso
ciò che neanche lui capisce,
chi ha programmato la sua vita
non sa chi sia e dove; ma che
importa, se solo questo lo fa
già dubitare del suo equilibrio
e aperta è già la strada oscuramente
verso una nuova realtà
che non capirà mai ( fra entità sconosciute e computers )
che non capirà mai ( fra le schede cifrate e le città )
che non capirà mai…

E non sapremo perchè e come
siamo di un’ era in transizione
fra una civiltà quasi finita
ed una nuova inconcepita.
Se quasi nessuno ormai più crede,
quale mai sarà la nuova fede,
quali mai saran le nuove mete
che spegneranno la nostra eterna sete
di poter essere sé…

Anche se poi qualcuno soccomberà
io non so dire chi fra noi due sarà
quest’ uomo nuovo
che avvince anche me
nel mondo nuovo che
noi non vedremo mai ( fra entità sconosciute e computers )
noi non vedremo mai ( fra le schede cifrate e le città )
noi non vedremo mai…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Sol Sol dim Sol7+ Do Do6 Do# dim
Do6 Sol La7 Do Do6 Do7+ Do6

Sol
Corre veloce, ma in che senso
La dim
il nostro tempo sconosciuto
  Sim7                           Lam7
e strano; e i nostri occhi spaventati
	               Sol
guardano ciò che ci circonda
	                  La dim
e non sanno credere ad un tecnico sortilegio
	 Sim7
che pian piano e indifferente ci rapina
Lam7                        Si4/7
e ci trascina verso una realtà 
Si7             Mi+
che non vedremo mai
(fra entità  sconosciute e computers)
Re              Mi+
che non vedremo mai
(fra le schede cifrate e le città )
Re              Sol
che non vedremo mai.
E corre l'uomo confuso
verso ciò che neanche lui capisce
chi ha programmato la sua vita
non sa chi sia e dove;
ma che importa, se solo questo
lo fa già dubitare del suo equilibrio
e aperta è  già la strada oscuramente
verso una nuova realtà 
che non capirà  mai
(fra entità sconosciute e computers)
che non capirà mai
(fra le schede cifrate e le città)
che non capirà mai.
Sol
E non sapremo perchè  e come
La dim
siamo di un'era in transizione
Sim7
fra una civiltà  quasi finita
Lam7
ed una nuova inconcepita.
   Sol
Se quasi nessuno ormai più crede
La dim
quale mai sarà la nuova fede
Sim7
quali mai saran le nuove mete
Lam7
che spegneranno la nostra eterna sete
Re7             sol
di poter essere sì.
Sol Lam7 Sim7 La7 Do
An--che  se   poi
      Sol Do Sol Re7 Sol
qualcuno  soccom-be--r? 
Lam Sim7 La7 Do6
io  non  so
     Sol Do  Sim7 Lam Sol Re Do Sol
dire chi fra no---i   du--e  sa-r? 
Do dim           Sol
quest'uomo nuovo che
Do dim        Sim7
avvince anche me
Lam7            Fa#M7
nel mondo nuovo che
Si7             Mi+
noi non vedremo mai
(fra entità sconosciute e computers)
Re              Mi+
noi non vedremo mai
(fra le schede cifrate e le città)
Re              Labm Rebm Fa#
noi non vedremo mai.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here