‘Na sera ‘e Maggio

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

'Na sera 'e Maggio di Squallor

‘Na sera ‘e maggio, ‘n’addore ‘e rose

dicitencéllo ca è fernuto tutto cose

nun vaco cchiù sbarianno sotto a ‘stu terrazzo,

m’ha rutto ‘o cazzo

Dicitencéllo cha voglio bbene

ma aggio passato troppi guaje e troppi ppene

‘na storia ‘e merda e mò ca nuje stamme alla fine,

tira ‘a catena.

A Marechiaro è nata ‘sta passione

manella into cazone, cuppulone cuppulò’

je nun tenevo manco ‘e sorde pè magnà’

e lei diceva: «Si tu nun me vuò spusà’,

ccà nun se chiava!»

Io la pregavo: «’Stu coso tuosto

fammelo mettere, Rosina, in qualche posto»

e lei inflessibile: «Io no, non te lo sbuccio,

‘stu cazzo ‘e ciuccio.»

Cagna ‘a città, ma la storia è sempre quella,

scuordatella addò va,

muzzarella è addiventato ‘stu babbà

e mò belle papà chi m’alliscia chist’ ambrello

‘Na sera ‘e maggio, ‘n’addore ‘e rose

nun vaco cchiù sbarianno sotto a ‘stu terrazzo,
m’ha rutto ‘o cazzo

Dicintincéllo cha voglio bbene

‘na storia ‘e merda e mò ca nuje stamme alla fine,
tira a’ catena

A Marechiaro è nata ‘sta passione
manella ‘into cazone, cuppulone cuppulò’
Je nun tenevo manco ‘e sorde pè magnà’
e lei diceva: «Si tu nun me vuò spusà,
ccà nun se chiava»

Dicintencéllo povero ammore
ca nun m
a scordo, je tengo ‘a fessa dinto core
però non torno a sfruculïà’ sott
o terrazzo,
m’ha rutto ‘o cazzo
Je nun so’ pazzo,
…m’hê rutto cazzo…..

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here