Nanneddu

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Nanneddu di Peppino Mereu

– Da una poesia di: Peppino Mereu
– Musicata da: Tonino Puddu

* Tazenda1991 Murales1993 Il popolo rock1997 Il sole di Tazenda2001 Bios2006 Reunion
2007 Vida2009 Il nostro canto (Live in Sardinia)

Nanneddu meu
su mundu est gai,
a sicut erat
non torrat mai.

Semus in tempos
de tirannias,
infamidades
e carestias.

Como sos populos
cascant che cane,
gridende forte:
“Cherimus pane! “

Famidos, nois
semus pappande
pan’e castanza,
terra cun lande.

Terra ch’a fangu
torrat su poveru
senz’alimentu,
senza ricoveru.

Semus sididos
in sas funtanas,
pretende s’abba
parimus ranas.

Peus su famene
chi, forte, sonat
sa janna a tottus
e non perdonat.

Nanneddu meu
su mundu est gai,
a sicut erat
non torrat mai.

Cuddas banderas
numeru trinta,
de binu’onu,
mudad’hant tinta.

Appenas mortas
cussas banderas
non piùs s’osservant
imbreagheras.

Sos tristos corvos
a chie los lassas?
Pienos de tirrias
e malas trassas.

E gai chi tottus
faghimus gherra,
pro pagas dies
de vida in terra.

Nanneddu meu
su mundu est gai,
a sicut erat
non torrat mai.

Semus in tempos
de tirannias,
infamidades
e carestias.

Adiosu, Nanni,
tenedi contu,
faghe su surdu,
ettad’a tontu.

A tantu, l’ides,
su mund’est gai,
a sicut erat
non torrat mai.
———————————-
TRADUZIONE IN ITALIANO:

—— Nonnino ——

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
infamie
e carestie

Ora il popolo
sbadiglia come un cane
gridando a gran voce:
“Vogliamo pane!”

E noi, affamati
mangiamo
pane e castagne
terra con ghiande

Terra che in fango
riduce il povero
che è senza alimenti
e senza riparo

Siamo assetati
alle fontane
lottando per l’acqua
sembriamo rane

Peggio ancora,la fame
che bussa insistentemente
ad ogni porta
e non perdona

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Quelle trenta cantine
del buon vino erano
come bandiere
ora hanno cambiato colore

Appena spente
quelle bandiere
non si vedono
più persone sbronze

I corvi avidi
a chi li lasci?
Pieni di perfidia
e di inganni

E così tutti
facciamo guerra
per pochi giorni
di vita in terra

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
soprusi
e carestie

Arrivederci, Nanni
riguardati
fai il sordo
fingi di non capire

Tanto, lo vedi
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Asus4 A F#m A A9 A Asus4 A9 A A9 Dm9 A9 A9


                                        NANEDDU MEUNANEDDU 
MEUNANEDDU MEU SU MUNDU EST GAI, A SICUT ERAT NON TORRAT MAI. A SICUT 
ERAT NON TORRAT MAI SEMUS IN TEMPOS DE TIRANNIAS, INFAMIDADES E CARESTIAS. 
COMO SOS POPULOS CASCANT CHE CANE, GRIDENDE FORTE: 'CHERIMUS PANE'  

        Asus4     A A9

(STRUMENTALE)  FAM     IDOS, NOIS SEMUS PAPPANDE PAN'E CASTANZA, 
TERRA CUN LANDE. TERRA CH'A FANGU TORRAT DU POVERU SENZ'ALIMENTU, SENZA 

A                                                                A
RICOVERU. SEMUS SIDIDOS IN SAS FUNTANAS, PRETENDE S'ABBA PARIMUS 

                           A                              D
RANAS. PEUS SU FAMENE CHI, FORTE, SONAT SA JANNA A TOTTUS DEUS NON 

          B
PERDONAT. NANNEDDU MEUNANNEDDU MEUNANNEDDU MEU SU MUNDU EST GAIA SICUT 
ERATNON TORRAT MAIA SICUT ERAT NON TORRAT MAICUDDAS BANDERAS NUMERU 
TRINTA, DA BINU'ONU, MUDAD'HANT TINTA. APPENAS MORTAS CUSSAS BANDERAS NON 
PIU'S SI'OSSERVANT IMBREAGHERAS. SOS TRISTOS CORVOS A CHIE LOS LASSAS? 
PIENOS DE TIRRIAS E MALAS TRASSAS. E GAI CHI TOTTUS FAGHIMUS GHERRA, PRO 

                                         E           B
PAGAS DIES DE VIDA IN TERRA. NANNEDDU MEUNANNEDDU MEUNANNEDDU MEUSU 

E            B
MUNDU EST GAIA SICUT ERAT NON TORRAT MAIA SICUT ERATNON TORRAT 

                                               E   B
MAI SEMUS IN PEMPOSDE TIRANNIAS INFAMIDAD E SE CARESTIAS COMO SOS 

                                                             D
POPULOS CASCANT CHE CANEGRIDENDE FORTE'CHERIMUS PANE' (STRUMENTALE)
ASIOSU, NANNI, TENEDI CONTU, FAGHE SU SURDU, ETTAD'A TONTU. A TANTU, 
L'IDES, SU MUND'EST GAI : A SICUT ERAT NON TORRAT MAI.NANNEDDU MEUNANNEDDU 
MEUNANNEDDU MEUSU MUNDU EST GAIA SICUT ERATNON TORRAT MAIA SICUT ERATNON 


          BmM7 Bm F# D Bm Gm F# G Dm F D A D


TORRAT MAI                                 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here