Non piangere oi bella

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Non piangere oi bella di Alfredo Bandelli

Non piangere oi bella se devo partire, se devo restare lontano da te,
non piangere oi bella, non piangere mai che presto, vedrai, ritorno da te.
Addio alla mia terra, addio alla mia casa, addio a tutto quello che lascio quaggiù;
o tornerò presto, o non tornerò mai, soltanto il ricordo io porto con me.

Partono gli emigranti, partono per l’Europa sotto lo sguardo della polizia;

partono gli emigranti, partono per l’Europa i deportati della borghesia.

Non piangere oi bella, non so quanto tempo) io devo restare a sudare quaggiù;

le notti son lunghe, non passano mai e non posso mai averti per me.

Soltanto fatica, violenza e razzismo ma questa miseria più forza ci dà;
e cresce la rabbia, e cresce la voglia la voglia di avere il mondo per me.

Partono gli emigranti…

(Voce: Cara Antonietta, io sono più stanco di te a pensare a questo distacco,
ma purtroppo non sono un turista che gira per i suoi capricci,
ma sono per scontare una condanna senza aver commesso reati.

Cara Antonietta, mentre scrivo questi righi sono le tre del pomeriggio e la gente a C.
si mette a passeggio per la festa. Ma io sono come un uccelletto
e purtroppo non posso volare perché il volo è lontano
e non farei mai a tempo a godere la festa di sant’Anna.

Termino il mio dire dandoti tanti saluti).

Partono gli emigranti…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

     
Fa
Non piangere oi bella se devo partire,
                           Do7
se devo restare lontano da te,

non piangere oi bella, non piangere mai
                               Fa
che presto, vedrai, ritorno da te.

Addio alla mia terra, addio alla mia casa,
addio a tutto quello che lascio quaggiù;
o tornerò presto, o non tornerò mai,
soltanto il ricordo io porto con me.

 Fa             Do7 
 Partono gli emigranti,
                  Fa
 partono per l'Europa  

 sotto lo sguardo
 Do7       Fa
 della polizia;

 partono gli emigranti,
 partono per l'Europa
 i deportati
 della borghesia.

Non piangere oi bella, non so quanto tempo
io devo restare a sudare quaggiù;
le notti son lunghe, non passano mai
e non posso mai averti per me.

Soltanto fatica, violenza e razzismo
ma questa miseria più forza ci dà ;
e cresce la rabbia, e cresce la voglia la
voglia di avere il mondo per me.

 Partono gli emigranti...
 partono gli emigranti

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here