Notte di lune

Testo Della Canzone

Notte di lune di Canzoni Abruzzesi

Testo di Luigi Dommarco
Musica di Rocco Marino

Che nnotta diliziose,
che llune che ‘nnamore!
Tu duòrmi da quattr’ore
e j’ stiemgh’a ccantè.
Tu rose ‘nfra li rose,
tu stelle fra li stelle,
fra tanti cose bielle
chi sé si ssuonn’a mme.

Nen ‘siste ‘m paradise
n’angiulette
che tè tanta virtù;
n’ ci stè fra l’urtinise
ggiuvinette
come sci bbelle tu.

E’ quese mezzanotte,
la vije è sulitarie,
nen fere manche n’arie
ma ‘i stiengh’ a trimè.
Se passe n’atra notte
senz’arsintì ssa voce,
è nnu turment’ atroce
che mi fè dispirè.

Nen ‘siste ‘m paradise
n’angiulette
che tè tanta virtù;
n’ ci stè fra l’urtinise
ggiuvinette
come sci bbelle tu.

Annì, s’è fatte tarde,
la lune mò ci lasse,
lu tempe se ne passe
e ttu n’t’ affècci mè’.
Stu core treme e arde
d’amore e passione,
zi strujj’ a ccon’ a ccone
pinzènne siempr’ a tte.

Nen ‘siste ‘m paradise
n’angiulette
che tè tanta virtù;
n’ ci stè fra l’urtinise
ggiuvinette
come sci bbelle tu.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here