Nun me portà a casa – Franco Califano

Album

È contenuto nei seguenti album:

1979 Ti perdo
1998 Gli anni ’70 (Disco 2)
2000 I grandi successi (Disco 2)
2002 White Collection – The Best of Franco Califano (Cd 3)
2005 Non escludo il ritorno (Cd 2)

Testo Della Canzone

 

Se sei n’amico nun me portà a casa
quanno ci andrò me ‘nventerò ‘na scusa
nun ce la laccio più co’ la famija
mi moje che m’aspetta sempre sveja
come volesse famme er terzo grado
no, no stanotte a casa nun ce vado
nu m’ammollà stasera amico mio
e famose ‘n’antro litro, pago io
magnamo ‘n po’, che er vino scenne mejo
oste, un ‘po’ de bruschetta, ma poc’ajo.

È già da’n pezzo che me so’ stufato
ma co’ nessuno mai me so’ sfogato
se guardo li mij fiji me vergogno
e questo è ‘n brutto segno
sapranno ‘n giorno che so’ arcolizzato
e ‘sto pensiero me sta a mozza’ er fiato
perciò nun vojo vede’ più nessuno
e anna’ più che possibile lontano.

Senti, già le campane de la chiesa,
si sei ‘n’amico, nun me portà a casa.
Te chiedo solo ‘n po’ de compagnia
‘n’amico, a vorte, è più de ‘na famija.
Sai, che c’ho ‘n fijo in quinta elementare?

Mo’ quanno che c’ha li compiti da fare
comincia a di’: “papà, me dai ‘na mano”
e io, me sento ‘n cane bastonato
perché nun so che dije,
a scola chi c’è annato
a lavorà nun ce so’ mai riuscito
e a di’ che mille vorte ci ho provato
solo che m’hanno sempre licenziato
dopo l’apprendistato.

Forse nun so’ portato.
Vivo co’ lo stipendio de mi’ moje
che pe’ fortuna a lavorà ce coje
io la famiglia è mejo che la scordo
perchè so’ ‘n’omo che nun vale ‘n sordo
a’ li miji fiji posso solo di’
che a letto nun se deve fa’ pipì
ma poi pe’ er resto devo stamme zitto
te giuro che ce sto’ a diventa’ matto
perchè so bene che la vita mia
serve a riempi’ du’ metri d’osteria
tu si che sei ‘n ber padre de famija, amico mio
te chiedo ancora scusa,
resta co’ me, nun me ce porta’ a casa.

Adoro tutti quanti, te lo giuro
e vojo solamente er bene loro
dovrei sparì co’ ‘n’atto de coraggio
per evita’ che vada sempre peggio!

Mi’ moje è sempre sveja poveraccia
me ‘nteroga così pe’ fa’ ‘na cosa
ma nun rinfaccia, nun è mai lagnosa
me chiede ‘n do’ so’ stato
che cacchio ho combinato
se ‘nforma su li litri c’ho bevuto
e sì me metto a sede’ ar tavolino
lei s’arza e me fa ‘n ovo ar tegamino,
della verdura, a vorte ‘n invortino
tutto pe’ damme ancora ‘n po’ de vino
povera donna come l’ho delusa
pe’ questo nun vorrei più torna’ a casa.

Ma tu stai già guardanno l’orologio,
nun sei mai stato peggio?
Hai fatto tardi te pe’ colpa mia
tu c’hai i doveri verso la famija
e dopo ‘sta nottata fatta ‘n bianco
andrai a lavora stanco
ma credeme, m ‘ha fatto proprio bene
parla’ sfogamme co’ ‘n’amico vero
dentro me sento come più leggero
e co’ la mente ‘n po’ meno confusa
chissà se è er caso
de ritornà a casa.

Mi’ moje, mi’ moje farà
finta d’esse’ offesa,
ma solo pe’ ‘n momento,
basta che me rivede se rilassa
va a lavorà tranquilla, più distesa.

Poi, stamattina devo anna’ ar mercato,
l’ho sempre fatto da che so’ sposato.
Sai che mi’ moje mentre che cucina
le cose che io compro la mattina
me dice sempre che nun c’è nessuno
che compra come me e che spenne meno?

E sì magnamo come vole Dio
er merito diventa pure mio
e un ruolo in fonno ce l’ho pure io
nun sarà niente, sarà poca cosa,
ma è quarche cosa.

Me chiedono “che fai?”
Faccio la spesa, faccia la spesa, si,
faccio la spesa;
e c’ho mi’ moje che ne va orgogliosa!
Amico mio è l’urtima ‘sta scusa,
damme ‘no strappo fino a sotto casa,
poveri fiji e, povera Teresa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here