‘O malamente

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

'O malamente di Canzoni Napoletane

(Raffaele Viviani)

Peppe Barra

E sissignore,
mm’ha fatto piacere
che t’hê truvato a n’atu ‘nnammurato!
Ma pe’ favore, almeno ‘into quartiere,
nun fá accapí ca mm’hê licenziato…
si no t’aggi
a sfriggiá…
pe’ dignitá…

Pe me, ‘a prigione,
è comme fosse nu casino
ca ce vaco a villeggiá…
Senza ragione,
na carriera ‘a malandrino,
nun mma pòzzo arruviná
pe’ fá ‘ammore cu te!

I’, dint’a niente,
mme sceglio n’ata amante:
Tengo a cinquanta femmene ‘e riserva…
C’è l’avvenente,
ce sta l’affascinante…
e ognuna ‘e chesta mme facesse ‘a serva,
p
o sfizio ‘e se vedé vicino a me…

Sciurillo giallo,
ch’aggia fá si sóngo bello?
Te ne vaje? Peggio pe’ te!
Vutanno ‘e spalle,
doppo n’uocchio a zennariello,
vide ‘e ffemmene ‘e cadé
comm
e ccarte ‘a jucá!

Mo, per favore,
mi devi ritornare
‘o fazzuletto ‘e seta: sta tre lire.
Certo, un signore
non se lo fa ridare…
ma io mmo piglio poi per non sentire:
“Ll’oggette comme va, nun s
e ffa dá?!”

Rutto pe’ rutto,
damme pure ‘e seje ferriette
e ‘a butteglia ‘e brillanté…
Certo fa brutto,
ma ‘e riale ca te dette,
nun te ppozzo rummané:
Ll’aggi’ancora ‘a pavá!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here