Oriente – Nomadi

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

2004 Corpo estraneo
2007 Nomadi & Omnia Symphony Orchestra (Cd 2)

Testo Della Canzone

Oriente – Nomadi di Nomadi

Sento come un sapore amaro

Tra i fasti di questa civiltà

Tenui segnali che non decifriamo mai

Insonnoliti come siamo nei tram

Provo sempre nostalgia

Per le conchiglie sparse in riva al mare

E le seguo come grandi impronte

Sul diario dell’ umanità

L’esilio del pensiero poi

Si consuma dentro ai bar

E dentro vuote autobiografie

Intendo prive di protagonista

Amor che guardi verso oriente

Verso il mare

Qual è il nome che pronunci piano

Prima di dormire

Amor che guardi verso oriente

Verso il mare

Qual è il nome che pronunci piano

Prima di dormire

Preferisco l’analfabetismo

Alle false astrazioni

A questo modo così un po’ socratico

Al riparo dalle passioni

L’esilio del pensiero poi

Si consuma dentro ai bar

E dentro vuote autobiografie

Intendo prive di protagonista

Amor che guardi verso oriente

Verso il mare

Qual è il nome che pronunci piano

Prima di dormire

Amor che guardi verso oriente

Verso il mare

Qual è il nome che pronunci piano

Prima di dormire

L’esilio del pensiero poi

Si consuma dentro ai bar

E dentro vuote autobiografie

Intendo prive di protagonista

Amor che guardi verso oriente

Verso il mare

Qual è il nome che pronunci piano

Prima di dormire

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here