Passione nuova – Liturgica e Sacra

Testo Della Canzone

Passione nuova – Liturgica e Sacra

canto di questua del Venerdì Santo
Canzoni Laziali
Graziella Di Prospero 1970

E le grazie a migliaia la Vergine beata
Maria dell’Annunziata, m’infonda di pietà.
Sentite voi signori, mantenetevi in diletto,
ma io con molt’effetto vi voglio raccontà.

Era marito e moglie assieme a ‘na creatura,
l’avevano allevata con tanta carità,
l’avevano allevata con tanta carità.

Con tanta carità, tanti sospiri e ‘nfanni,
ma in capo alli cinqu’anni la creatura poi morì,
ma in capo alli cinqu’anni la creatura poi morì.

La sera torna il babbo, gli disse: babbo mio,
i qui c’è quello zio che fuor mi vuol mandà,
i qui c’è quello zio che fuor mi vuol mandà.

La mamma ostinata, de na vecchia consigliata,
la morte de sua figlia fu bona lei a fà,
la morte de sua figlia fu bona lei a fà.

La figlia sta nel letto nel mentre che dormiva,
gli dà na cortellata, nel letto la lasciò,
je dà na cortellata, sul letto la lasciò.

E pe maggior disprezzo gli leva il fegatello,
al babbo poverello pe farglielo mangià,
e al babbo poverello pe farglielo mangià.

La sera torna il padre, domanda: «D’è mia figlia?»
«Da stamattina che manca, non se pole trovà,
da stamattina che manca, non se pole trovà.

Ma ora mangia e taglia cotesto fegatello,
che l’è di puro agnello, ma poi va a repusà,
che l’è di puro agnello, ma poi va a repusà».

«E prima di mangiare voglio saper mia figlia,
io spero che Maria me la faccia ritrovà,
io spero che Maria me la faccia ritrovà».

Il padre uscì ‘nda casa piangendo e lacrimando
e la Madonna in bianco la vide a comparì,
ma la Madonna in bianco la vide a comparì.

Glie disse: «Torna a casa, piglialo lo cortello,
toccalo il fegatello, lo sentirai parlà,
toccalo il fegatello, lo sentirai parlà».

Il padre torna a casa, lo piglia lo cortello,
lo tocca ‘r fegatello: «Papà, non mi taglià.

Mia mamma ostinata, da na vecchia consigliata,
m’ha fatti tutti a pezzi e su un fosso mi buttò,
mi ha fatti tutti a pezzi e su un fosso mi buttò.

E pe maggior disprezzo m’ha levato er fegatello,
a te babbo poverello pe fattelo mangià,
a te babbo poverello pe fattelo mangià.

Tu senti, caro padre, ma vieni passo a passo,
tu vieni sotto a un sasso ma vienimi a piglià,
tu vieni sotto a un sasso ma vienimi a piglià».

Il padre presto s’incammina, raccolse tutti i pezzi,
ma presso alla giustizia li ‘nnette a presentà,
e presso alla giustizia li ‘nnette a presentà.

La mamma ostinata, de na vecchia consigliata,
e come due addannate l’annéttero a brucià,
e come due addannate l’annéttero a brucià.

E la Passione è questa, ma questa è quella nova,
signora dacci l’ova, ce ne dovemo annà,
signora dacci l’ova, ce ne dovemo annà.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here