Pecchè nun sapevo leggere e nun sapevo scrivere

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Pecchè nun sapevo leggere e nun sapevo scrivere di Canzoni Napoletane

E s’affacciava sempe a na fenesta
o primmo piano dint’a strada mia
teneva na faccella trista trista
ma rinta a l’uocchie na malincunia
e io m’ero tanto annammurato
e a vulette parlà senza speranza
e ce ricette “io sono fortunato
se posso fare con lei la conoscenza”.

Essa pigliai e se mettette a ridere
ma io po scuorno me scappai a chiagnere
pecchè io nun sapevo leggere
pecchè nun sapevo scrivere.

O core nun vo sentere raggione
io chiù a vedevo e chiù m’annammuravo
n’amico me segnava e lezione
e io comme nu guaglione mo mparavo
doppo tre mise pure finalmente
scrivette sulo “cara signorina,
l’uomo che ti ama veramente
è l’uomo che ti ama è chist ccà”.

Essa pigliai e se mettette a ridere
ma io po scuorno me scappai a chiagnere
pecchè m’avevo mparato e leggere
pecchè m’avevo mparato e scrivere.

Dopp tre mise pur finalmente
na lettera ma arrivai “mio signore
le mie condizioni non permettono”
songo nu figlio, nu figlio e lavoratore
ma se spusaie nu ricco titolare
ca nun a penza e nun a cura mai
va trova quanta vota s’ha sunnato
l’ammore e chisto misero operaio.

Mo voglio bene assaje a n’ata femmena
bella, sincera, appassiunata e semplice
che ffà ca nu sape leggere
che ffà ca nu sape scrivere.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here