Penziero ca… cunviene – Peppino De Filippo

Testo Della Poesia

Penziero ca… cunviene – Peppino De Filippo

Muglièrema me dice
“Si’ veziuso!
Abbasta ca ‘na femmena
vide ‘e passà
subbeto ‘a guarde
e cu ll’uocchie maliziuse
t’ ‘a vulisse magnà!
Chesto vò di’
ca ‘i sola nun t’abbasto!
Nun t’abbasto, è ove’?”.
E nun m’abbasta, no!
Io che ce pozzo fa’?Non è, come si dice,
mancanza d’affezione,
d’affetto
o di rispetto.
Quello è tutto un bisogno naturale
che l’uomo, il maschio,
bene o male,
pe’ grazia ‘e Dio conserva per natura…
da che è stato creato.
E fin che dura
‘a fémmena lle’ piace.
Pecché? Perché ci trova
quel certo che di “fascino”…
quel certo che di “cosa”…
ca ll’ommo perde ‘a mummera
e se sposa!
La “moglie” è un altro affare:
è una cosa sòlita.
Materialmente è ‘nu piatto ‘e carne
che il “marito” ha gustato,
che gusta e può gustare…
ma ogni ttanto,
dicimmo ‘a verità,
‘a qualità di carne
se pò pure cagnà.
‘Na vota manzo,
‘na vota carne ‘annecchia…
‘n’ ata vota vitella…
‘nzomma me pare giusto
cambiare un poco gusto…
si no sempe “chella”, “chella”, “chella”… !

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here