Perchè

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Il soleAleandro Baldi
1994 Ti chiedo onestàAleandro Baldi

Testo Della Canzone

Perchè di Festival di Sanremo 1992

(di Aleandro BaldiGiancarlo Bigazzi)
Fausto Leali

L’ANNO NUOVO PER MAGIA DEPONEVA REGALI

LA TRISTEZZA, L’ALLEGRIA ED I GIORNI NORMALI

L’ANNO VECCHIO STAVA LI’ MENTO IN MEZZO ALLE MANI

COME CHI HA FINITO ORMAI I DOMANI E NON SA PERCHE’

PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’.

NELLA LUMINOSITA’ DI UN TRASCORSO NATALE

CON IL VENTO CHE DA NORD DAVA UN FREDDO GLACIALE

L’ANNO NUOVO SI GIRO’ E COLPI’ DI PUGNALE

L’ANNO VECCHIO CHE MORI’ SENZA AVERE ALCUN MALE.

L’ANNO NUOVO SCESE GIU’ IN UN MONDO DI FESTA

SEMINANDO GIOVENUTU’ E ALTRE FELICITA’

E BALLO’ SUI GRANDI AMORI E SUGLI ONORI COME UN RE

UBRIACATO DA QUEL SUCCO CHE LA VITA HA DENTRO SE’

PRIMA DI SCOPRIRE IL TRUCCO DEI PERCHE’

PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’.

SI SPOSO’ IL SUO PRIMO FIGLIO FU UN GENNAIO GENTILE

MA A FEBBRAIO SI DROGO’ E LO PERSE AD APRILE

IL SUCCESSO LO INSEGUI’ SVELTO COME UN LEOPARDO

LUI PIAN PIANO SI INGHIOTTI’ NEL SUO PRIMO MILIARDO.

POI D’ESTATE SI BUTTO’ NELLE ONDE DEL MARE,

FRA LE ALGHE E I PEDALO’ E AUTOSTRADE DI GAS,

A SETTEMBRE UN PO’ DI TOSSE NELL’ORGOGLIO LO FERI’

E CAPI’ DI AVER VISSUTO TROPPO IN FRETTA, ADESSO CHE

STAVA STRETTO NELL’IMBUTO DEI PERCHE’

PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’…

NELL’INVERNO..

NELL’INVERNO SI SPECCHIO’ GLI AFFITTO’ UNA STANZA

SU CON LA VITA SUL MONDO QUANDO POI LO ACCAREZZO’

COME UN ULTIMO FIGLIO LA SUA MANO GLI SEMBRO’

UN INUTILE ARTIGLIO.

L’ANNO NUOVO STAVA LI’ CON LA FACCIA DA KILLER

L’ANNO VECCHIO SI SENTI’ COME MILLE ANNI FA

E PARTI’ SENZA CAPIRE QUEL DOLORE CHE COS’E’…

QUELLA FAVOLA INFINITA DEI PERCHE’

PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’,

PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’, PERCHE’.

PERCHE’…..

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
Gm D7 Gm Cm9


                           Gm
L'anno nuovo per magia deponeva regali

                              D
la tristezza, l'allegria ed i giorni normali

    Gm
l'anno vecchio stava li'

      Cm9
mento in mezzo alle mani

  Gm
come chi ha finito ormai

    D7               Gm
i domani e non sa perche'

        D7     Gm
perche' perche'

perche'...

Am               Dm9
Nella luminosita'

                    Am
di un trascorso Natale

                        Am9
con il vento che da nord

                     Am
dava un freddo glaciale

                     Dm
l'anno nuovo si giro'

                   Am
e colpi' di pugnale

                        Am9
l'anno vecchio che mori'

                    C
senza avere alcun male.

                       G
L'anno nuovo scese giu'

                 Am
in un mondo di festa

                   F6
seminando gioventu'

                 Am9
e altre felicita'

                     Dm6
e ballo' sui grandi amori

                      Am
e sugli onori come un re

                       G                      F
ubriacato da quel succo che la vita ha dentro se'

   A#
prima di scoprire il

              Am
trucco dei perche'

        Dm6    Am
perche' perche'

        Dm6
perche' perche'...

      Gm6
Si sposo', e

il suo primo figlio

         F#m6
fu un Gennaio gentile

ma a Febbraio si drogo'

e lo perse ad Aprile.

Il successo lo insegui'

         C#m6
svelto come un leopardo

lui pian piano si inghiotti' nel suo primo miliardo

poi d'estate si butto' nelle onde del mare

fra le alghe e i pedalo' e autostrade di gas.

A settembre un po' di tosse nell'orgoglio lo feri'

e capi' di aver vissuto troppo in fretta adesso che

stava stretto nell'imbuto dei perche'

perche' perche' perche'

perche' perche'...

Nell'inverno

nell'inverno si specchio'

in un giovane biondo

gli affitto' una stanza su con la vista sul mondo

quando poi lo accarezzo' come un ultimo figlio

la sua mano gli sembro' un inutile artiglio.

L'anno nuovo stava li' con la faccia da killer

l'anno vecchio si senti'

come mille anni fa

e parti' senza capire

quel dolore che cos'e'

quella ruvida ferita

che ogni uomo ha dentro se'

quella favola infinita

dei perche'

perche' perche' perche'

perche' perche'

perche' perche' perche'

perche' perche'... 

***

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here