Pinotta, bella Pinotta

Testo Della Canzone

Pinotta, bella Pinotta di Canzoni Fiorentine

Canzoni della Toscana

«Pinotta, bella Pinotta,
una grazia vorrei da te».
«E dimmi, amore, che grazia vói».
«Una notte a dormì con te».
«Vieni, vieni su l’undici ore
quando il babbo e la mamma ‘un c’è».
L’undici so’ già sonate:
«O Pinotta vienmi aprì».
«Sono scarza in camicetta,
aspetta amore mi sia vestì».
«Non occorre che tu ti vesta,
tanto ignuda ti vò vedé».
Co ‘na mano apre la porta,
con quell’altra lo tira a sé.
«O Pinotta, bella Pinotta,
chi è quell’omo ch’è giù con te?»
«Gli è un fornaro di questi posti
che parlare volea con me».
«Sarà il diavolo che t’inforchi,
gli è l’amore ch’è giù con te».
«Gli è l’amore di questi posti
che farina volea da me».
«Non ci ho grano né granella
né farina da macinà».

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here