Quando un musicista ride

Autosave-File vom d-lab2/3 der AgfaPhoto GmbH

Album

È contenuto nei seguenti album:

1998 Quando un musicista ride

Testo Della Canzone

Quando un musicista ride di Festival di Sanremo 1998

(di Enzo Jannacci)
Enzo Jannacci

Perché quando sto male mi dici
è tutta una ruota che gira
Perché quando ti dico
Magari porta fuori un’amica
Mi arrivi con una
Che sembra un mirtillo
E per di più se la tira
Perché cerco lavoro
E non lo trovo
Risultato non ci ho mai una lira
Perché spari cazzate
E spari e non ci hai neanche la mira
Perché mi tratti male
E mi chiami straccione
Ah, forse è per la sciarpa del Milan
Che non fa pendant con la mia faccia marrone
Ah, n,no ho capito
Per l’odore che mi porto dietro
Di uno che non ci ha mai avuto una lira
Con l’aria che tira
E il sole che gira
Mi piace pensare, pensare che
Quando un musicista ride
Depone il suo strumento e ride, e non si guarda in giro
E non teme, non ha paura della sua semplicità
Quando un musicista ride
è perché sente dentro come una strana gioia vera
O forse perché gli han mangiato una pera, una pera
O una mela, sì ma a part time
E sente che la sua angoscia è buona
Perché è la sua tristezza che suona
è come in un concerto che piove ma all’aperto
Si guarda in giro e gli viene voglia di cantare
E sente che la sua tristezza è buona
E allora prende lo strumento e suona
è come in un concerto che piove ma è all’aperto
I suoi occhi gli chiedon di scusar.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
C9


F
PERCHE QUANDO TI DICO CHE STO MALE

MI DICI" E TUTTA UNA RUOTA CHE GIRA "

Fm
PERCHE SE TI CHIEDO " MAGARI PORTA FUORI UN AMICA "

                             A#
MI ARRIVI CON UNA CHE SEMBRA UN MIRTILLO

                     G
E PER DI PIU SE LA TIRA PERCHE CERCO LAVORO E NON LO TROVO

RISULTATO NON C'HO MAI UNA LIRA PERCHE SPARI CAZZATE NO SPARI CAZZATE

SPARI E NON C'HAI NEANCHE LA MIRA

C6                 F
PERCHE MI TRATTI MALE

Am7                 C6
E MI CHIAMI STRACCIONE

F9
AH FORSE E PER VIA DELLA

                 F
SCIARPA DEL MILAN CHE NON FA PENDANT 

A#
CON LA MIA FACCIA MARRONE

G7                         Dm6
AH NO HO CAPITO E PER VIA DELL'ODORE

                Am
CHE MI PORTO DIETRO DI UNO CHE NON C'HA

                Dm9
MAI AVUTO UNA LIRA

                 G9               G
CON L'ARIA CHE TIRA E IL SOLE CHE GIRA

              C             F
MI PIACE PENSARE PENSARE CHE

              GmM7  G
QUANDO UN MUSICISTA RIDE

C7                          F
DEPONE IL SUO STRUMENTO E RIDE

Dm                   F          G
E NON SI GUARDA IN GIRO E NON TEME

          G7                 Cm   Em
NON HA PAURA DELLA SUA SEMPLICITA'

F             D7    G
QUANDO UN MUSICISTA RIDE

C7
E PERCHE' SENTE DENTRO

                        F
COME UNA STRANA GIOIA VERA

Dm9            Dm7                     G
O FORSE PERCHE' GLI HAN MANGIATO UNA PERA

                 G7         G         Cm C9
COME UNA PERA O UNA MELA SI MA PART TI   ME

F              D7              G
E SENTE CHE LA SUA ANGOSCIA E BUONA

A7                                Dm
PERCHE E' LA SUA TRISTEZZA CHE SUONA

F  F6              A#m
E COME IN UN CONCERTO

F9                      D7
CHE PIOVE MA E ALL'APERTO

               Dm6             A#m6       F
SI GUARDA IN GIRO E GLI VIEN VOGLIA DI CANTAR 

           F D7 G7 Dm6 C7 F Dm F G7 G G7 G F E
E QUI CANTA                                  



F                D7          G
E SENTE CHE LA SUA TRISTEZZA E BUONA

A7                             Dm
E ALLORA PRENDE LO STRUMENTO E SUONA

F7 F6                        Dm               Gm
E COME IN UN CONCERTO CHE PIOVE MA E ALL'APERTO 

         Dm                A#m6  F G#m6 A#6 F
I SUOI OCCHI TI CHIEDON DI SCUSAR           

***



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here