Rumore di niente

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Canzoni d’amore

Testo Della Canzone

Rumore di niente di Francesco De Gregori

L’avevi creduto davvero che avremmo parlato Esperanto?
L’avevi creduto davvero o l’avevi sperato soltanto?
Ma che tempo, e che elettricità.
Ma che tempo che è, e che tempo che sarà.
Ma che tempo farà, non lo vedi che tuona?
Non lo senti che tuona già? Non lo senti che tuona?
È lontana però, sembra già più vicina,
questa musica che abbiamo sentito già.
Babbo c’è un assassino, non lo fare bussare.
Babbo c’è un indovino, non lo fare parlare.
Babbo c’è un imbianchino, vestito di nuovo,
c’è la pelle di un vecchio serpente appena uscito da un uovo.
E c’è un forte rumore di niente, un forte rumore di niente.

L’avevi creduto davvero che avremmo parlato d’amore?
L’avevi creduto davvero o l’avevi soltanto sperato col cuore?
Gli occhi oggi gridano agli occhi, e le bocche stanno a guardare
e le orecchie non vedono niente tra Babele e il Villaggio Globale.
Babbo c’è un assassino, non lo fare bussare,
babbo c’è un indovino, non lo fare parlare.
Babbo c’è un imbianchino, vestito di nuovo,
c’è la pelle di un vecchio serpente appena uscito da un uovo.
E c’è un forte rumore di niente, un forte rumore di niente.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here