Scummunicato – canzone napoletana

Testo Della Canzone

Scummunicato

(FioreNardella)
Egisto Sarnelli

T’arricuorde? T’aspettavo
dinta cchiesa do Gesù:
tu trasive e i’ suspiravo…
suspirave pure tu…
Po’ venive e, leggia leggia,
t’assettave a fianco a me
ca tenevo sempe ‘a seggia
priparata giá pe’ te!

Mme dicive: “Vita mia!
prega e dice appriesso a me…”
e i’ dicevo
e i’ dicevo: “Avemmaria”
“Gloriapate” appriesso a te!

Te spiavo sottavoce:
“Mme vuó’ bene sempe a me?”
Rispunnive: “Fatta croce…
voglio bene sempe a te!”
Ma stu munno comm’è tristo!
Chi puteva ‘mmagginá
ca, ‘int
a casa ‘e Gesù Cristo,
mme venive a repassá?!

Mme dicive: “Vita mia!

Io mo só’ scummunicato
e, inta cchiesa do Gesù,
da che tu mm’hê abbandunato,
nun ce traso proprio cchiù!
Ma tu no! Si’ sempe ‘a stessa…
Tu si’ sempe chella llá
ca te siente ancora ‘a messa
pe’ fá ancora ‘nfamitá!…

Ca si mo nun só’ cchiù io,
certo n’ato aspettarrá…
Primma ‘o ‘mpare,
primma ‘o ‘mpare ‘e ccose ‘e Dio…
Doppo, ‘o ‘mpare a ghiastemmá!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here