Serenata trasteverina – Alvaro Amici

Architect looking at blueprints in a building site

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Serenata trasteverina – Alvaro Amici

Gli Stornellatori

Bella regazza che cjai cent’amanti

affaccete ‘n tantino a la loggetta

se semo riuniti tutti quanti

te vojo fa sentì sta canzonetta.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò.

C’è Peppino, c’è Ninetto, ce sta Pippo l’avvocato

c’è Giggeto ce sta er mago, viè a vedè che bisca c’è.

Vieni giù bell’angioletto, te li conti co le mano,

c’è persino er sacrestano, semo centoventitre

Paraponzipò, paraponzipò,

Paraponzipò, paraponzipò

Co tutti noi cjai fatto ‘n po’ l’amore

a tutti cjai giurato amore eterno

nissuno t’ha saputo legge er core

sol’io te l’ho esplorato ‘n po’ all’interno.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

Baci e pizzichi de Nino, l’abbracciate de Pippetto

l’attastate de Cencetto te le sei scordate già.

Io t’ho visto pure un neo, in un sito ‘n po’ niscosto

ma nun vojo dì in che posto pe’ nun fatte svergognà’.

Paraponzipò, paraponzipò,

Paraponzipò, paraponzipò

De te sapemo tutti quarche cosa,

che cjai li nastrì alle mutande

le giarrettiere so’ color de rosa

e in mezzo c’è ‘na rosa così grande.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

Le carezze che cjai fatto, li bacetti che cjai dato

quante vorte cjai abbracciato nun se ponno più contà’.

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here