Sotto il tiglio

Album

È contenuto nei seguenti album:
1976 Alla fiera dell’est

Testo Della Canzone

Sotto il tiglio di Angelo Branduardi

Sotto il tiglio là nella landa,
là dov’era il nostro letto,
voi che passate potete vedere
come rompemmo fiori ed erba.
Davanti al bosco cantava l’usignolo
e di fiori lei fece un giaciglio.
Riderà chi passi per di là,
guardate com’è rossa la sua bocca.
Sotto il tiglio là nella landa
noi rompemmo fiori ed erba,
voi che passate potete vedere
dove io posai la testa.
Se saprete che lei era con me
questo non sarà certo mai vergogna,
era lei la donna che volevo
per essere chiamato col mio nome.
Sotto il tiglio là nella landa
la radica si abbraccia al giglio,
voi che passate potete vedere
come son cresciuti insieme.
Lei con me rimase solo un anno,
ma con oro poi intrecciò le chiome
e se ne andò, io amavo uno sparviero,
in alto si levò e volò via.
Sempre va a caccia di nubi
il vento e non può mai fermarsi,
ma la bellezza è ancor più veloce,
troppo lento è per lei il vento.
Così è la nostra vita e il mondo
come vento e nube fugge via.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
 SOL      SOL7   MI-       SI-    DO             SOL     RE
Sotto il tiglio, là nella landa, là dove era il nostro letto
SOL       SOL7     MI-    SI-    DO           SOL       RE
voi che passate potrete vedere, come rompemmo fiori ed erba.
 RE     DO   SI-          RE   SOL  SI-    RE  SOL   DO RE   SOL  RE
Davanti al bosco cantava l'usignolo e di fiori lei fece un giaciglio
RE DO SI-        RE      SOL  SI-      RE    SOL  DO     RE SOL
riderà chi passi per di là,  guardate com'è rossa la sua bocca.

Sotto il tiglio, là nella landa, noi rompemmo fiori ed erba

dalle rose potrete vedere, dove io posai la testa

se saprete che lei era con me, questo non sarà certo mai vergogna

era lei la donna che volevo per essere chiamato col mio nome.

Sotto il tiglio, là nella landa, la radica si abbraccia al giglio

voi che passate potrete vedere, come sono cresciuti insieme

lei con me rimase solo un anno, ma con oro poi intrecciò le chiome

e se andò, io amavo uno sparviero, in alto si levò e volò via.

Sempre va a caccia di nubi il vento, e non può mai fermarsi

ma la bellezza è ancor pi— veloce, troppo lento per lei il vento

così è la nostra vita e il mondo, cime vento e nube fugge via.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here