Spasime d’amore

Testo Della Canzone

Spasime d'amore di Canzoni Abruzzesi

Testo di Luigi Dommarco
Musica di Rocco Marino

Vulesse pusè’ li labbre
sopr’a ssa vocca bèlle,
vulesse zuppiè nu vèsce
comme na caramèlle,
pe ffart’ avè , n’idèe
di quelle che prov’j’.

Vulesse dunarte st’uòcchie,
ca certe né mmi cridi,
pe ffarti vidè’ gna simbri
quande mi guèrde e rridi:
vuless’ avè’ na grazzie
di stè vicin’ a tte.

Vulesse pusè’ la mane
sopr’ a ssu pètte d’ore,
vulesse sintì se sbatte
pe mme di ver’amore,
addurmintarme sopre
pe n’arsbijarme cchiù.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here