Stornelli di Regina Coeli – Canzone romana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Stornelli di Regina Coeli – Canzoni Romane

Canzoni Laziali

Io so’ de San Lorenzo e me n’avanto:
c’avemo bbona lingua e mejo mano!
c’avemo bona lingua e mejo mano,
paura nun avemo di nessuno.

Dentro Reggina Celi c’è ‘no scalino,
chi nun salisce quello non è romano.
Chi nun salisce quello non è romano,
non è romano e nemmeno trasteverino.

Amore mio, manneme ‘na pagnotta,
che quella de Reggina Celi nun m’abbasta,
che quella de Reggina Celi nun m’abbasta,
sinnò qua ddentro ce le lascio l’ossa.

Dentro Reggina Celi c’è ‘na campana:
possi morì ammazzato a cchi la sona!
possi morì ammazzato a cchi la sona,
si la sona lo mio amore, che Dio l’aiuta.

Amore mio, mannemelo un saluto,
dentro Regina Celi sto rinserato;
me trovo come ‘n albero dicaduto,
d’amici e da parenti sto abbandonato.

Dentro Regina Celi ce son nato
e co la malavita so’ cresciuto,
e co la malavita so’ cresciuto
e me so’ buttato i ‘mmezzo a la mano nera;
me so’ buttato i ‘mmezzo a la mano nera,
me so’ ridotto in fonno d’una galera.

Dentro Reggina Celi c’è una branda,
viecce Ninetta mia, falla la ninna,
viecce Ninetta mia, falla la ninna,
quel boja de tuo padre nun te ce manda.

Dentro Reggina Celi c’è ‘n cancelletto,
de qua e de llà ddue lampade d’argento,
de qua e de llà ddue lampade d’argento
e ddentro c’è ‘l mi’ amore che piange tanto.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here