Venerdì – Cannella Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Venerdì – Cannella

Ti ho promesso le stelle
Non te le ho più portate
Ti ho chiesto quali ti piacessero
E me l'hai indicate
Fermati al bar prendo le sigarette e l'Estathé
Che sono già nervoso e non sono neanche alle tre
Sopra la mia 600 che mi dà solo problemi
Rivedo me in un ragazzino alla fermata a piedi
Ripenso a quando mi facevo mezza città a piedi
E arrivato sotto al portone ti scrivevo scendi
Non mi è rimasto un bel ricordo di questo natale
Senza i cappelletti in brodo non sembrava natale
Oggi son preso male ma ho messo il sorriso uguale
E dopo passo a trovare mia sorella in ospedale
Quattro anni insieme equivalgono ad una vita intera
E non è facile raccoglierne i cocci da terra
Puoi nascondere le crepe ma là rimarranno
E dopo l'ultima lite ho distrutto anche lo smartphone

Io ero pronto anche a viverti un po' così
Senza dirlo a tuoi e vederti il venerdì
Non m'importava se
Ti comportavi come se ti vergognassi di me
Io ero pronto anche a viverti un po' così
Senza dirlo a tuoi e vederti il venerdì
A me importava che ti fidassi ancora di me
E capissi che tra tutto ho scelto te

A Capodanno ti ho chiamata a mezzanotte in punto
Ti ho pensato tutta la notte, neanche ho bevuto
E al concerto di Silvana è stato imbarazzante
Avrei dovuto ma non riuscivo a starti distante
Andiamo a Ponte Milvio e ci vediamo l'alba
Sono stanco e i sampietrini mi sembrano sabbia
E ci sprofondo forse dovrei andare a letto
Che sono troppi giorni che non chiudo occhio
Occhio per occhio con te
Lo sai che non fa per me
Io che non sono bravo a mantenere il punto
Che se sbrocco mi pento dopo un minuto
Ho il carattere aggressivo e buono di mio padre
Che nella vita ha fatto tutto per mia madre
E ora sta divorziando e ci è rimasto male
Non è proprio la fine che io vorrei fare

Io ero pronto anche a viverti un po' così
Senza dirlo a tuoi e vederti il venerdì
Non m'importava se
Ti comportavi come se ti vergognassi di me
Io ero pronto anche a viverti un po' così
Senza dirlo a tuoi e vederti il venerdì
A me importava che ti fidassi ancora di me
E capissi che tra tutto ho scelto te

Ecco una serie di risorse utili per Cannella in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]