Volo de notte

">

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Volo de notte di Lea Mina Ralli

di Lea Mina Ralli

L’Arcangelo volle scegne dar Castello
pé fa’ de notte un volo a carosello
e ispezzionasse Roma parmo a parmo
su da la Mole insino ar fiume carmo.

Volanno ne la notte fra le stelle
s’entusiasmò pé tante cose belle.
P’ariposasse poi e ripijà fiato
Su ‘n dondolo arancione s’e sdrajato

e in quer momento se sentì beato
e cor Padreterno s’è congratulato
pé tutte le bellezze c’ha riunite
drent’a ‘sta tera da le mille vite

Monte dé cocci Piramide Aventino
ar centro er Cuppolone ch’è divino
sopra de lui le luci de le stelle
lontano le lucciole de romane finestrelle.

Guardanno s’è estasiato da ‘st’incanto
mentre dar core jé salito un canto:
Che bello arimirà ‘sta città mia
mejo de questa credo nun ce sia

io, dar Castello indò sto confinato
sento solo un fracasso indiavolato
che me rattrista e me da malinconia

e der Paradiso tengo nostarggia
Ma mò ner vede Roma lì addormita
me so’ convinto quasi pé maggìa
ch’er Paradiso è questo: Roma mia.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *