Voce ‘e notte


Massimo Ranieri durante la trasmissione Rai "Sogno e son desto". Roma 13 settembre 2014. ANSA/ANGELO CARCONI

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Voce 'e notte di Canzoni Napoletane

(di: Eduardo Nicolardi – Ernesto De Curtis)

Peppino Brio
* Peppino Di Capri2008 Peppino Di Capri 50°
Eddy Napoli
Orchestra Italiana
* Roberto Murolo1995 Anema e core1996 Antologia napoletana
* Valentina Stella1996 Amaro è ‘o bene
* Mina1996 Napoli1993 Signori… Mina! (vol.2)
* Massimo Ranieri2001 Oggi o dimane
* Renzo Arbore1992 Napoli. Punto e a capo2005 Finalmente Live!
2006 Renzo Arbore l’Orchestra Italiana at carnegie hall New York
2007 Diciottanni di… “Canzoni Napoletane” (…quelle belle)
* Sal da Vinci2005 Anime napoletane
* Irene Fargo2003 Fargo Napoletana!

Si ‘sta voce te scéta ‘inta nuttata,
mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino…
Statte scetata, si vuó’ stá scetata,
ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino…

Nun ghí vicino ê llastre pe’ fá ‘a spia,
pecché nun puó’ sbagliá ‘sta voce è ‘a mia…
E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu ‘o “vvuje”.

Si ‘sta voce te canta dinto core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutto turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p
e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vásate a chillo…che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘inta nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura…
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura…

Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!
Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá…
Canta isso sulo…Ma che canta a fá?!…”

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
        FAm      DO7            FAm
Si 'sta voce te sceta 'int''a nuttata
SIbm6      FAm         SIdim       DO
mentre t'astrigne 'o sposo tuio vicino,
           SIbm  DO7           REb
statte scetate, si vuò sta scetata,
SIbm&    FAm   SIdim           DO
ma fa vedè ca duorme a suonno chino.
          FA                           DO7
Nun gghì vicino 'e llastre pe' fa 'a spia
            FA
pecch? nun può sbaglià : 'sta voce è 'a mia.
  SIbm                    FAm
E' 'a stesa voce 'e quanno tutt''e dduie
SIbm       FAm      SIbm DO7     FAm
scurnuse, nce parlavamo c''o "vvuie".
       FAm      DO7          FAm......
Si sta voce te canta din''o core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutt''o turmiento 'e 'nu luntano ammore,
tutto l'ammore 'e 'nu turmiento antico.
Si te vene 'na smania 'e vule beme,
'na smania 'e vase correre p''e vvene,
nu fuoco ca t'abbrucia comm'a cche,
vasate a chillo. Che te 'mporta 'e me?
Si 'sta voce, che chiagne 'int''a nuttata
te sceta 'o sposo, nun avé paura,
cide ch'è senza nomme 'a serenata...
Dille ca duorme e ca se rassicura.
Dille accussì: "Chi canta 'int'a 'sta via
o sarrà pazzo, o more 'e ggelusia...
starrà chiagnenno quacche 'nfamità,
canta isso sulo... ma che canta a ffa?"

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here