wikitesti

“Auguri Mamma!” In tutte le lingue – Poesia

Testo Della Poesia

“Auguri Mamma!” In tutte le lingue delle Poesie per bambini

Tedesco: Herzliche grüsse zum mutertag
Austriaco: Frohes fest mutti
Spagnolo: Félicidades mama ou Feliz Dia de las Madres
Inglese: Happy mother’s day
Italiano: Buona festa mamma
Portoghese: Boa mamã
Francese: Bonne Fête maman
Sloveno: Vesel Dan Zena
Polacco: Wszytkiego nadjlpszego mamoSelamat hari ibu
Svedese: Grattis på Mors dag
Finlandese: Onnea äitienpäivänä
Olandese: Gelelicituud
Norvegese: Gratulerer med morsdagen!
Ungherese: Boldog anyák Nápját
Indonesiano: Selemat (hari) ulsang tahun Ibou
Malese: Selamat hari ibu
Russo: C npazgHuKou, uaua !
Turco: Iyi bayramlar anne
Ebraico: Yom Haem

Commenti

“E” congiunzione – Filastrocca

Testo Della Poesia

“E” congiunzione delle Filastrocche della scuola

E congiunzione va alla stazione
e guarda il treno e il suo lungo vagone,
e congiunzione va all’aeroporto
e si dimentica del passaporto,
e congiunzione
va sulla nave
e l’odore del mare è frizzante e soave,
e congiunzione va al parco giochi
e di amici ne ha tanti, mica son pochi!

Commenti

“Roma” sparìta! – Pietro Serra (Poesia)

Testo Della Poesia

“Roma” sparìta! di Pietro Serra

di Pietro Serra

Fabbrizzi e Sordi a spasso in paradiso
Vedènno la Magnani che piagneva,
Je fanno – Annarè, facce ‘n zoriso,
Semo noi dua – ma lei nù risponnéva.
Poi, se vortò de scatto e ‘nviperìta
– Si séte morti voi, Roma è sparita! –

– Anna, che vai dicènno – fa Arbertone,
– C’è ancora chi ce prova pé sarvalla,
A esempio Montesano ‘n’amicone
Che fà der tutto pé tenélla a galla, –
– E inortre – je fa Ardo – Roma vanta
D’avé in Proietti, un “pezzo da novanta”! –

– Co ‘ste fregnacce voi nun me ‘ncantate
Jeri ho ‘ncontrato puro Craudio Villa,
Che aludènno a vecchie stornellate
Fece capì che ‘n’artro oggi sfavilla,
Tant’è che a Roma a e li tresteverini
Mo jele cànta lui, Lando Fiorini! –

Ma nun vedete? – Roma ‘nzino a sera
È invàsa da ‘no smògghe puzzolente,
Lo ignètteno serpenti de lamiera
Quasi ‘nventàti a ‘ntossicà la gente.
È questa Roma, la “città sovrana”
‘Ndò pòi campà si e no ‘na settimana! –

– E ciài raggione Annarella mia,
Te vònno ‘nfinocchià nù je da retta,
Puro ‘n poeta sa ch’è ‘na follìa
Sperà che ‘sta città ariviè perfetta,
E pé li mejo (iti) a nòva vita
Se piagne ‘nzieme a te “Roma” sparita! –

Commenti

#A Fabrizio Moro – Testo della canzone

#A – Fabrizio Moro Testo della Canzone. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TESTO

Il Testo della della canzone Di: #A – Fabrizio Moro

Guardo in faccio quelli che
so che parlano male di me
so spiegare senza rancore la verità
chissenefrega di quelli la

A Amore mi fa impazzire questa gioia
Amore mi fa impazzire questa voglia
di credere che tutto vada
per il verso giusto
io ci provo gusto a dire A
Amore mi fa impazzire questa gioia
e poi guardo mio cugino
sposato presto con un bambino
invecchiato nel suo ufficio
e una sera ha detto amore vado giù a portare il cane e se n’è andato
e non ritornerà

Amore mi fa impazzire questa gioia
Amore mi fa impazzire questa voglia
di credere che tutto vada bene
per il verso giusto
io ci provo gusto a dire A
chi ha bisogno di una scusa per campare
di una macchina e un bel posto dove andare
di una percentuale per comprarsi un palazzo
chi ha sognato solamente per due ore
e si è chiesto se era giusto continuare
o svegliarsi e fare finta di stare bene
ma per fortuna c’è il meccanico di fronte
che è felice solo perchè
oggi è la festa di suo figlio
e allora è festa nel mondo

Amore mi fa impazzire questa gioia
Amore mi fa impazzire questa voglia
di credere che tutto vada
per il verso giusto
io ci provo gusto a dire A
Amore mi fa impazzire questa gioia

Ecco una serie di risorse utili per Fabrizio Moro in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Fabrizio Moro

#RLL (Riprenditi le lacrime) – Nina zilli Testo con accordi

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali,BPM e molto altro.

Di questa canzone sono Disponibili anche:

Accordi per Chitarra

https://www.youtube.com/watch?v=16GPrVveQVM

TESTO

Il Testo della della canzone Di: #RLL (Riprenditi le lacrime) – Nina zilli

Giorni più dolci vissuti con te
rivedendo le immagini
di un bene che adesso non c’è
ma poi quando arriva la notte
le mie mani nel letto ti cercano
l’orgoglio ferito conosce il perdono e perdona però

Riprenditi le lacrime
ridammi le mie favole
non perderti e chiedimi
se ho ancora bisogno di te
lontani come un’isola
i sogni più romantici
promettimi che torni qui
con una parola per me

Quante promesse di felicità
stelle mai conosciute e perdute nell’oscurità
se tu fossi una fiamma già spenta
le mia labbra ora non brucerebbero
il tempo ferisce o guarisce ma è presto dimenticherò

Riprenditi le lacrime
ridammi le mie favole
non perderti e chiedimi
se ho ancora bisogno di te
lontani come un’isola
i sogni più romantici
promettimi che torni qui
con una parola per me

Quando arrivi mi spegni
quante volte mi trovi e mi perdi
e adesso mi chiedo se quello che voglio davvero sei tu

Riprenditi le lacrime
e spazza via le nuvole
non perderti e chiedimi
se ho ancora bisogno di te
lontani come un’isola
i sogni più romantici
promettimi che torni qui
con una parola per me
riprenditi le lacrime

Di questa canzone sono Disponibili anche:

Accordi per Chitarra

Ecco una serie di risorse utili per Nina zilli in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Nina zilli

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di Nina zilli

‘ A verità

Album

È contenuto nei seguenti album:
1993 Tiempo

Testo Della Canzone

‘A verità di Nino D’Angelo

E so fernute ‘e parole
e nuje cercammo ancora
addo nun ce sta’ niente ‘a verità
quanno s’e’ rutto ‘o core
nun se po’ accunciàNa storia nun se vive eternamente
tu ce creduto sempe
e io me so stancato ‘e ce penzà
e se sta’ male a dinto
quanno nun siente niente
e cirche ‘na buscia
addo te sta’ guardanno ‘a verità

‘A verità nun se dice sempe
pe nun fa male a ‘nu criaturo ca è cuntento
‘a verità s’annasconne sempe
a cchi tradito e saie ca crede ‘e sentimente
‘a verità, ‘a verità
sta dint’a ll’uocchie e no ‘int’a voce,’a verità

A che ce serve ‘o mare
quanno nun ce sta’ ‘o sole
ormaie ce resta ‘o tiempo pe’ cagnà
nun aspettamo ancora ‘n’ata verità
ma che facimme ancora ‘mmiez’ ‘o viento
pecchè astrignimme ‘e diente
si doppo nun sapimme che se fa’

Ormaie nun so cchiu io
e tu nun si cchiu tu
e’ forse ‘sta buscia
‘a verità ca nun truvamme cchiu

‘A verità nun se dice sempe
pe nun fa male a ‘nu criaturo ca è cuntento
‘a verità s’annasconne sempe
a cchi tradito e saie ca crede ‘e sentimente
‘a verità, ‘a verità
sta dint’a ll’uocchie e no ‘int’a voce,’a verità

 

‘A çimma – Faber

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A çimma di Faber Pseudonimo di (Fabrizio De Andrè)

Ti t’adesciâe ‘nsce l’éndegu du matin
ch’á luxe a l’à ‘n pé ‘n tèra e l’átru in mà
ti t’ammiâe a uo spégiu de ‘n tianin
ou çé ou s’amnià a ou spegiu dâ ruzà
ti mettiâe ou brûgu réddenu ‘nte ‘n cantún
che se d’â cappa sgûggia ‘n cuxín-a á stría
a xeûa de cuntâ ‘e págge che ghe sún
‘a çimma a l’è za pinn-a a l’è za cûxiaÇé serén tèra scûa
carne ténia nu fâte néigra
nu turnâ dûa

Bell’oueggé strapunta de tûttu bun
prima de battezálu ‘ntou prebuggíun
cun dui aguggiuîn drítu ‘n púnta de pé
da súrvia ‘n zû fítu ti ‘a punziggè
àia de lûn-a végia de ciaêu de négia
ch’ou cégu ou pèrde ‘a tèsta l’âse ou senté
oudú de mâ miscióu de pèrsa légia
cos’âtru fâ cos’âtru dàghe a ou çé

Çé serén tèra scûa
carne ténia nu fâte néigra
nu turnâ dûa
e ‘nt’ou núme de Maria
tûtti diài da sta pûgnatta
anène via

Pio vegnan a pigiàtela i câmé
te lascian tûttu ou fûmmu d’ou toêu mesté
tucca a ou fantín à príma coutelà
mangè mangè nu séi chi ve mangià

Çé serén tèra scûa
carne ténia nu fâte néigra
nu turnâ dûa
e ‘nt’ou núme de Maria
tûtti diài da sta pûgnatta
anène via

Traduzione:

LA CIMA

Ti sveglierai sul’indaco del mattino
quando la luce ha un piede in terra e l’altro in mare
ti guarderai allo specchio di un tegamino
il cielo si guarderà allo specchio della rugiada
metterai la scopa diritta in un angolo
che se dalla cappa scivola in cucina la strega
a forza di contare le paglie che ci sono
la cima è già piena è già cucita

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura

Bel guanciale materasso di ogni ben di Dio
prima di battezzarla nelle erbe aromatiche
con due grossi aghi dritto in punta di piedi
da sopra e sotto svelto la pungerai
aria di luna vecchia di chiarore di nebbia
che il chierico perde la testa e l’asino il sentiero
odore di mare mescolato a maggiorana leggera
cos’altro fare cos’altro dare al cielo

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via

Poi vengono a prendertela i camerieri
ti lasciano tutto il fumo del tuo mestiere
tocca allo scapolo la prima coltellata
mangiate mangiate non sapete chi vi mangerà

Cielo sereno terra scura
carne tenera non diventare nera
non ritornare dura
e nel nome di Maria
tutti i diavoli da questa pentola
andate via

‘A benedizzione ar Divinamore – Poesia

Testo Della Poesia

‘A benedizzione ar Divinamore – Massimo Cestiè

di Massimo Cestiè

È ggià da quarche mese ormai,
Che noi ciavemo addosso solo guai.
Speramo d’avè chiuso ierassera
D’avè ‘sta jella addosso zozza e nnera.Nun credo che su noi ce sta er malocchio,
Però mmo mme so’ propio rotto er ccacchio.
Me piacerebbe la sera aritornà,
E pensà solo de dovemme ariposà.

E ‘nvece, ‘na vòrta ‘na frattura,
C’ancora stamo pieni de pavura.
‘Na vòrta la màghina ‘nfrosciata,
C’ancora de pagà nun’è ffenita.

‘Nfarti, tumori, operazzioni,
Io me so’ propio rotto li cojoni.
E stoppenzà co’ sempre ppiù vvigore,
Da fasse bbenedì ar Divinamore.

‘A cammesella – Canzoni Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A cammesella delle Canzoni Napoletane

(di Melbero – Stellato)
Totò e Fiorella Mari nel film Yvonne La Nuit
Aurelio FierroRoberto Murolo

 

Lui: E levate ‘o mantesino!

Lei: ‘O mantesino, gnerno’, gnerno’!

Lui: E levate ‘o mantesino!

Lei: ‘O mantesino, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun to vuo leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun to vuo’ leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…

E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Lui: E levate ‘a vesticciolla!

Lei: ‘a vesticciolla, gnerno’, gnerno’!

Lui: E levate ‘a vesticciolla!

Lei: ‘a vesticciolla, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun to vuo leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun to vuo’ leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo

E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Lui: E levate ‘o suttanino!

Lei: ‘o suttanino, gnerno’, gnerno’!

Lui: E levate ‘o suttanino!

Lei: ‘o suttanino, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun to vuo leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun to vuo’ leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…

E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Lui: E levate stu curzetto!

Lei: stu curzetto, gnerno’, gnerno’!

Lui: E levate stu curzetto!

Lei: stu curzetto, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun to vuo leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun to vuo’ leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo

E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Lui: E levate ‘a cammesella!

Lei: ‘a cammesella, gnerno’, gnerno’!

Lui: E levate ‘a cammesella!

Lei: ‘a cammesella, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun to vuo leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun to vuo’ leva’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…

E te’, mme ll’aggio levato,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Lui: E damme, Cecce’, nu vasillo,!

Lei: nu vasillo, gnerno’, gnerno’!

Lui: E damme, Cecce’, nu vasillo,!

Lei: nu vasillo, gnerno’, gnerno’!

Lui: Si nun me lo vuo’ da’,

mme soso e mme ne vaco da cca’!

Si nun me lo vuo’ da,

mme soso e mme ne vaco da cca’!…

Lei: E te’ c te ca lu vasillo,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…

E te’ c te ca lu vasillo,

Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.

Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
G D A D G D A

D

Lui: E levate 'o mantesino!

A                                   D
Lei: 'O mantesino, gnerno', gnerno'!

Lui: E levate 'o mantesino!

A                                   D
Lei: 'O mantesino, gnerno', gnerno'!

        G
Lui: Si nun t''o vuo'' leva', 

D          F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G
Si nun t''o vuo' leva', 

D           A                     D G D A D G
mme soso e mme ne vaco da cca'!...          

D A D
    Lei: E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

D

E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

D

    G            D            F#m7
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

D

     G                  D               A     D G D
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.    


A D G D A D

Lui: E levate 'a vesticciolla!

A
Lei: 'a vesticciolla, gnerno', gnerno'!

D

Lui: E levate 'a vesticciolla!

A
Lei: 'a vesticciolla, gnerno', gnerno'!

D

        G
Lui: Si nun t''o vuo'' leva', 

D          F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G
Si nun t''o vuo' leva', 

D           A                     D G D A D G
mme soso e mme ne vaco da cca'!...          

D A D
    Lei: E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

D

E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

D

    G            D            F#m7
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

D

         G                      D         A   D G D A D G
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.          


D A D
    Lui: E levate 'o suttanino!

A                               D
Lei: 'o suttanino, gnerno', gnerno'!

                        A
Lui: E levate 'o suttanino!

                            D
Lei: 'o suttanino, gnerno', gnerno'!

     G                        D
Lui: Si nun t''o vuo'' leva', 

           F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G
Si nun t''o vuo' leva', 

D           A                     D G D A D G
mme soso e mme ne vaco da cca'!...          

D A D
    Lei: E te', mme ll'aggio levato, 

A                              D
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

D

    G            D            F#m7
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

D

     G                D                 A     D G
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.  


D A D G D A D
       


                        A
Lui: E levate stu curzetto!

                                    D
Lei: stu curzetto, gnerno', gnerno'!

Lui: E levate stu curzetto!

A                                   D
Lei: stu curzetto, gnerno', gnerno'!

        G
Lui: Si nun t''o vuo'' leva', 

D          F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G
Si nun t''o vuo' leva', 

D           A                     D G D A D G
mme soso e mme ne vaco da cca'!...          

D A D
    Lei: E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

D

E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

D

    G            D            F#m7
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

D

         G                      D         A   D
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.


G D A D G D A D


Lui: E levate 'a cammesella!

A                                    D
Lei: 'a cammesella, gnerno', gnerno'!

                    A
Lui: E levate 'a cammesella!

                                     D
Lei: 'a cammesella, gnerno', gnerno'!

        G
Lui: Si nun t''o vuo'' leva', 

D          F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G
Si nun t''o vuo' leva', 

D           A                     D G D A D G
mme soso e mme ne vaco da cca'!...          

D A D                            A
    Lei: E te', mme ll'aggio levato, 

Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

D

E te', mme ll'aggio levato, 

A
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

D

    G            D            F#m7
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

D

         G                      D         A   D G D A D G
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.          


D A D

                              A
Lui: E damme, Cecce', nu vasillo,!

                              D
Lei: nu vasillo, gnerno', gnerno'!

                              A
Lui: E damme, Cecce', nu vasillo,!

                                  D
Lei: nu vasillo, gnerno', gnerno'!

     G
Lui: Si nun me lo vuo' da', 

D          F#m7                D
mme soso e mme ne vaco da cca'!

       G              D
Si nun me lo vuo' da, 

 A                                D G D A D G D
mme soso e mme ne vaco da cca'!...            

A D
  Lei: E te' c te ca lu vasillo, 

                            D
Ciccillo, cuntento, fa' chello ca vuo''...

                 A
E te' c te ca lu vasillo, 

                        D
Ciccillo, cuntento, fa' chello che vuo''...

        G              F#m          D
Sia benedetta mammema, quanno mme marito'.

             G                  F#m       D
Lui: Sia benedetta mammeta, quanno te marito'.

***

‘A canzone d’a felicità – Canzoni Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:
1995 Anema e core  – Roberto Murolo

Testo Della Canzone

‘A canzone d’a felicità delle Canzoni Napoletane

(Ernesto MuroloTagliaferri)
Sergio Bruni
1995 – Roberto Murolo 1995 Anema e core 

Na bbella luggetella a marechiaro
ca tenne e’a luce elettrica p’a sera;
teresenella cu’e bbraccelle’a fora
s abbraccia nu palummo e
guarda a mmare.
e all aria fresca’e nu tramonto d’oro
na voce’nterr’a rena ca suspira:
“…glu glu’- glu'”
cumm’o palummo i so’
e’a notte’mbraccio a mme
na turturella si.
canta canta!
canta chi vo canta’.
chest ea canzone d’a felicita’.
nu juorno nu vicchiotto cu’e denare
cercaje teresenella pe mugliera..
dicette’a mamma d’essa:
“quant onore”.
e’o pate a copp’a mano:
“che piacere!”…
ma’e notte se sentette dint’o scuro,
cchiu ddoce ‘a stessa voce
mmiez’o mare..
“…glu glu’- glu'”
cumm’o palummo i so’
e tu abbracciata a mme
na turturella si.
canta canta!
canta chi vo canta’.
chest e
a canzone d’a felicita’.
‘a sera d’a parola..ammore! ammore!
‘a sposa scumparette. e bonasera!
sudava friddo’o viecchio, e
p’a tintura,
s’era ‘nguacchiata ‘a faccia nera nera!e pe surriento, sott’a luna chiara,
felice suspiravano dduje core!
“…glu glu’- glu'”
cumm’o palummo i so’
e’a notte’mbraccio a mme
na turturella si.
canta canta!
canta chi vo canta’.
chest ea canzone d’a felicita’.
“…glu glu’- glu'”
cumm’o palummo i so’
e’a notte’mbraccio a mme
na turturella si.
canta canta!
canta chi vo canta’.
chest e
a canzone d’a felicita’


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
F Gm C F

                  C
NA BBELLA LUGGETELLA A MARECHIARO

F
CA TENNE E'A LUCE ELETTRICA P'A SERA;

               Dm
TERESENELLA CU'E BBRACCELLE'A FORA

C
S ABBRACCIA NU PALUMMO E GUARDA A MMARE.

                       Am7
E ALL ARIA FRESCA'E NU TRAMONTO D'ORO

C9                   Gm
NA VOCE'NTERR'A RENA CA SUSPIRA:

C F
  "...GLU GLU'- GLU'"

             A#6    Gm7
CUMM'O PALUMMO I SO'

                C7
E'A NOTTE'MBRACCIO A MME 

                 F
NA TURTURELLA SI.

   Dm     G
CANTA CANTA!

   C7               F
CANTA CHI VO CANTA'.

                     C           F
CHEST E''A CANZONE D'A FELICITA'.

NU JUORNO NU VICCHIOTTO CU'E DENARE

   C                          F
CERCAJE TERESENELLA PE MUGLIERA..

DICETTE'A MAMMA D'ESSA:

           Dm
"QUANT ONORE".

      Em
E'O PATE A COPP'A MANO:

          C7
"CHE PIACERE!"...

        C                         F6
MA'E NOTTE SE SENTETTE DINT'O SCURO,

          G
CCHIU DDOCE 'A STESSA VOCE 

           C7
MMIEZ'O MARE..

F
"...GLU GLU'- GLU'"

             A#6    Gm7
CUMM'O PALUMMO I SO'

              C7
E TU ABBRACCIATA A MME 

                 F
NA TURTURELLA SI.

   Dm     G
CANTA CANTA!

   C7               F
CANTA CHI VO CANTA'.

                     C           F
CHEST E''A CANZONE D'A FELICITA'.

'A SERA D'A PAROLA..AMMORE! AMMORE!

   C                             F
'A SPOSA SCUMPARETTE. E BONASERA!

    C
SUDAVA FRIDDO'O VIECCHIO, E

          Dm
P'A TINTURA,

       Em                           C7
S'ERA 'NGUACCHIATA 'A FACCIA NERA NERA!

     C                             F6
E PE SURRIENTO, SOTT'A LUNA CHIARA,

    G                      C7
FELICE SUSPIRAVANO DDUJE CORE!

F
"...GLU GLU'- GLU'"

             A#6    Gm7
CUMM'O PALUMMO I SO'

                C7
E'A NOTTE'MBRACCIO A MME 

                 F
NA TURTURELLA SI.

   Dm     G
CANTA CANTA!

   C7               F
CANTA CHI VO CANTA'.

                     C           C#9
CHEST E''A CANZONE D'A FELICITA'.

F#
"...GLU GLU'- GLU'"

             B6
CUMM'O PALUMMO I SO'

                C#7
E'A NOTTE'MBRACCIO A MME 

                 F#6
NA TURTURELLA SI.

   D#m    G#7
CANTA CANTA!

   C#7              F#
CANTA CHI VO CANTA'.

      Bm9            C#          Bm9
CHEST E''A CANZONE D'A FELICITA'.

C# F#

***

‘A canzuncella – Alunni del sole

Album

È contenuto nei seguenti album:

1977 ‘A canzuncella
1996 L’amore che non finirà
2005 ..E risalire il tempo

Testo Della Canzone

‘A canzuncella – Alunni Del Sole

(di: Paolo Morelli)

* Enrico Ruggeri1989 Contatti
* Matia Bazar2008 One two three four (Vol. 2)
* Monica Sarnelli


CHE MM’E ‘MPARATE A FACHE MM’E ‘MPARATE A FA

SI DOPPO TANTU TIEMPO

TE SI SCURDATA ‘E ME

E QUANNO ME GUARDAVE

E IE PURE TE GUARDAVE

CULL’OCCHIE ME STUDIAVO

TUTT’E MOSSE CA FACIVE

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

CHI T’O FA FA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ‘MBRACCIO A

CHILLU LLA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

NUN CE PENSA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ADDU CHILLU LLA

CHE T’AGGIO DITTE A FA

CHE T’AGGIO DITTE A FA

PROVAMME ‘N’ATA VOTA

PE ‘N’ORA PO’ BASTA’

PE TE SENTI ‘E PARLA’ E PE

TE DICERE CA PO

NUN M’ASPETTAVO NIENTE ‘A TE

CCHIU’ ‘E CHELLO CA SI STATA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

CHI T’O FA FA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ‘MBRACCIO A

CHILLU LLA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

NUN CE PENSA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ADDU CHILLU LLA

TE SI SPUGLIATA CCA’

TE SI SPUGLIATA CCA’

SI BELLE E NUNNO SACCIO

CUMME FACCE A TE GUARDA’

TE VOGLIO BENE ANCORA MA

SE DICE PO PE DDI’

E INTANTO T’ACCUNTENTO

CU CHESTA CANZUNCELLA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

CHI T’O FA FA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ‘MBRACCIO A

CHILLU LLA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

NUN CE PENSA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ADDU CHILLU LLA

NA NANA NANANA….

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

CHI T’O FA FA’

E TORNA ‘N’ATA VOTA ‘MBRACCIO A

CHILLU LLA

SI ‘NNAMURATA ‘E ME MA SIENTEME

NUN CE PENSA’
E TORNA ‘N’ATA VOTA ADDU CHILLU LLA


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
G
CHE MM'E 'MPARATE A FA

    Bm
CHE MM'E 'MPARATE A FA

      E
SI DOPPO TANTU TIEMPO

      C
TE SI SCURDATA 'E ME

      Cm
E QUANNO ME GUARDAVE

     G
E IE PURE TE GUARDAVE

     A7
CULL'OCCHIE ME STUDIAVO

       D
TUTT'E MOSSE CA FACIVE

    C
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
CHI T'O FA FA'

     Am
E TORNA 'N'ATA VOTA 'MBRACCIO A

    G
CHILLU LLA

     C
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
NUN CE PENSA'

     Am                         D
E TORNA 'N'ATA VOTA ADDU CHILLU LLA



    G
CHE T'AGGIO DITTE A FA

    Bm
CHE T'AGGIO DITTE A FA

          E
PROVAMME 'N'ATA VOTA

      C
PE 'N'ORA PO' BASTA'

      Cm
PE TE SENTI 'E PARLA' E PE

          G
TE DICERE CA PO

    A
NUN M'ASPETTAVO NIENTE 'A TE

        D
CCHIU' 'E CHELLO CA SI STATA

    D7
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
CHI T'O FA FA'

     Am
E TORNA 'N'ATA VOTA 'MBRACCIO A

    G
CHILLU LLA

     D7
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
NUN CE PENSA'

     Am                         D
E TORNA 'N'ATA VOTA ADDU CHILLU LLA



      G
TE SI SPUGLIATA CCA'

      Bm
TE SI SPUGLIATA CCA'

      E
SI BELLE E NUNNO SACCIO

         C
CUMME FACCE A TE GUARDA'

      Cm
TE VOGLIO BENE ANCORA MA

        G
SE DICE PO PE DDI'

    A
E INTANTO T'ACCUNTENTO

       D
CU CHESTA CANZUNCELLA

    C
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
CHI T'O FA FA'

     Am
E TORNA 'N'ATA VOTA 'MBRACCIO A

    G
CHILLU LLA

     C
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
NUN CE PENSA'

     Am                         D
E TORNA 'N'ATA VOTA ADDU CHILLU LLA



   G    Bm C         Cm G A D
NA NANA    NANANA....       




     D7
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
CHI T'O FA FA'

     Am
E TORNA 'N'ATA VOTA 'MBRACCIO A

    G
CHILLU LLA

     C9
SI 'NNAMURATA 'E ME MA SIENTEME

Bm
NUN CE PENSA'

     Am                         D  G Bm E C Cm G A D G
E TORNA 'N'ATA VOTA ADDU CHILLU LLA 

***

 

‘A cartulina ‘e Napule – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A cartulina ‘e Napule – Canzoni Napoletane

(De Luca – Buongiovanni)
Gilda MignonetteConsiglia LicciardiLina SastriAngela LuceGiulietta SaccoMario GioiaFausto CiglianoRaffaella De SimoneMirna Doris
* Irene Fargo2003 Fargo2003 Fargo Napoletana!

Mm’è arrivata, stammatina,
na cartulina:
E’ na veduta ‘e Napule
che mm’ha mannato mámmema…

Se vede tutto Vommero,
se vede Margellina,
nu poco ‘e cielo ‘e Napule…
‘ncopp’a ‘sta cartulina!

Napule,
aggio scritto pe’ te chesta canzone…
e, po ricordo ‘e mámmema,
aggio chiagnuto lacreme ‘e passione!

E se vede pure ‘o mare
cu Marechiaro:
Mme parla cchiù ‘e na lettera
‘sta cartulina ‘e Napule!

Che gioja, stu Pusilleco,
‘sta villa quant’è fina…
Comm’è bello ‘o Vesuvio…
che bella cartulina!

Napule,………….

“Comme tu puó’ stá felice
– mamma mme dice –
luntano tanto ‘a Napule,
luntano tanto ‘a mámmeta?”

E soffro mille spáseme,
‘ncore tengo na spina
quanno cunfronto ‘America
cu chesta cartulina!…

Napule,………….


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
A#m6 Fm A#m6

Fm                       C
M' E' ARRIVATA STAMMATINA

Fm            Gdim
'NA CARTULINA,

Fm
E' 'NA VEDUTA 'E NAPULE

Fm                     C
CA M'HA MANNATA MAMMEMA

Fm                    D#
SE VEDE CAPRE,PROCETA,

G#                 D#7
SE VEDE MARGELLINA,

Fm                        A#m6
'NU POCO 'E CIELO'E NAPULE

Fm                  C
CHE BELLA CARTULINA.

F       Dm
NAPULE, HAGGIO SCRITTO PE' TTE

C7
CHESTA CANZONE

F                         D
E P' 'O RICORDO 'E MAMMEMA

Gm
HAGGIO CHIAGNUTO LACREME 'E PASSIONE..


A#m6 Fm A#m6 Fm A#m6


Fm                    C
E SE VEDE PURE 'O MARE

Fm            Gdim
'E MARECHIARE,

Fm
ME PARLA CCHIU' 'E 'NA LETTERA

Fm                       C
'STA CARTULINA 'E NAPULE.

Fm                    D#
CHE GIOIA,CHE DELIZIA,

G#                     D#7
SURRIENTO QUANTO E'FINA

Fm                       A#m6
COMM' 'E BELLO 'O VESUVIO

Fm                       C
'NFACCIA A STA CARTULINA.

F      Dm
NAPULE HAGGIO SCRITTO PE' TTE

C7
CHESTA CANZONE.....

F                         D Gm
E P' 'O RICORDO 'E MAMMEMA  

A#m6
HAGGIO CHIAGNUTO LACREME 'E PASSIONE.


Fm A#m6 Fm A#m6


Fm                      C
COMME TU PUO' STA FELICE

Fm          Gdim
MAMMEMA DICE

Fm
LUNTANO TANTO 'A NAPULE

Fm                      C
LUNTANO TANTO A MAMMETA.

Fm                    D#
E SOFFRE MILLE SPASEME

G#                  D#7
CA NUN ME STA VICINA

Fm                       A#m6
QUANNO CUNFRONTO 'AMERICA

Fm                   C
CU' CHESTA CARTULINA.

F
NAPULE....

Dm                   C7
HAGGIO SCRITTO PE TE CHESTA CANZONE

F                        D Gm
E P' 'O RICORDO E MAMMEMA  

A#m6
HAGGIO CHIAGNUTO LACREME 'E PASSIONE.

F          Dm
NAPULE.....HAGGIO SCRITTO PE TE

C7             A#m C
CHESTA CANZONE.  

***

‘A casa vecchia – Peppino De Filippo

 

 

Testo Della Poesia

‘A casa vecchia – Peppino De Filippo

<<pascalì?… Pascalì?…>>
accussì me chiammava mammà
‘a copp’ ‘o balcone
‘e chillu quinto piano.
‘O balcone era chillo!
Mò ‘o veco ‘a luntano
ma guaglione nc’ haggio campato
assettato pe’ tterra,
cu ‘e gamme appése
for’ ‘a ringhiera
o ‘ncopp’ ‘o casciòne
d’ ‘o per’ ‘e limone
pazziànno accussì… cu quacche ccosa.
So’ passate tant’anne
ma quase me pare ancora
‘e nce sta’ affacciato…
ero giovane allora!
‘A strada è ‘a stessa
ma cchiù affullata
e meno ammuinata.
Tante so’ ‘e ccose
ca nun ce stanno cchiù.
Sultanto ‘a cappelluccia
d’ ‘a Madonna d’ ‘a Neva
cu ‘e vute ‘nnargentate
è rimasta
‘o stesso posto:
nisciuno l’ha tuccata.
Mò ‘o palazzo è suppuntato…
balcune e feneste ‘nzerrate
pecché è disabbitato…!
Fa tristezza a guardà.
<<pascalì?… Pascalì?… >>.
Accussì me chiammava
‘a copp’ a chillu balcone mamma mia.
‘A sentivo ‘a luntano
e si ‘a fine d’ ‘o munno stevo
pure ‘a sentevo.
E spuntanno d’ ‘o vico,
o cu ‘nu canuscente o cu ‘n’amico,
alluccavo:
<<sto venenno, mammàaa… !>>.
<<addo’ si’ stato?
Addo’ vaje curruttianno?
T’aggia sempe aspettà…?>>.
E sempe m’aspettava,
a qualunqu’ora.
Sempe sperùta ‘e mme vedé.
Sempe ‘mpenziéro pe’ mme.
Era chillo ‘o balcone
cu ‘e sciùre a campaniello
e ‘mmiez’ ‘o frisco d’ ‘e ffrònne,
‘int’ a ll’està,
‘a cajòla cu ‘o cardillo:
<<zerepillo>>.
Era chillo ‘o balcone
addo’ papà,
‘int’ ‘o mese ‘aùsto,
muorto ‘e calore,
‘ncazunetto,
nce s’addurmeva fòra
fino a tard’ora…
‘E vvote, sott’ ‘o chiaro d’ ‘a luna,
guardànnolo ‘a luntano,
‘nfra ‘o cchiaro (luce) e ‘o scuro,
nun saccio pecché…
me faceva paura… !
Era chillo ‘o balcone d’ ‘o salotto,
addo’, quanno ce steva ‘n’invitato,
ce se magnava pure.
Me pare d’ ‘o vedé:
‘o divano cu ‘e poltrone
fatte ‘e stoffa trapuntata
e ‘ncopp’a ogni spallèra,
appuntate cu ‘e spille,
‘na capa riccia e nera ‘e tripulino
e sotto, culurata,
‘a bandiera tricolore
cu ‘na scritta ca diceva:
<<tripoli… bel suol d’amore>>.
Chella grossa cristalliera
chien’ ‘e scanzìe:
piatte ‘e porcellana,
tazz’ ‘e cafè… sperlunghe, ‘nzalatiere…
chella bella zuppiéra
‘e ‘nu servizio scumpagnato
ca piaceva tanto a papà…!
‘E butteglie ‘e resòlio
tantu bello allineate
comme a ccose prelibbate
che s’avevano tuccà
sulo pe’ cerimmonie
importante:
pe’ ‘nu nomme ‘nfamiglia
o pe’ ffeste ‘e matrimmonie.
<<pascalì?… Pascalì?… >>.
Chella cunsòlla ‘e mogano
cu ‘a frutta ‘e cera ‘ncoppa
e ‘o rilorgio ‘attone
sott’ ‘a campana ‘e vrito…
attuorno ‘nce passava
‘nu trenillo culurato
che a sennùzze cammenava
e ‘mpunto mieziuorno
– Giesù! – fiscava.
‘Mmiez’ ‘a stanza
‘o tondo cu ‘o tappeto ‘e velluto
russo cu ‘e sciùre gialle
e ‘mmiez’ ‘o lume a cisto
cu ‘a campana celeste
e ‘a frangia ‘e curalle.
‘E vierno, vicino, ‘nce s’arrutuliava
<<taitù>>,
‘na mucella
bastardella
cu ‘o manto pezziàto
‘e tanta culure.
Tutte ‘e tteneva…
lle’ ce mancava solamente ‘o bblù.
‘Na mucella ‘e casa
ca se passava ‘a vita
tra ‘o salotto e ‘a cucina.
Si ‘nu sòrece vedeva
era ‘a primma a scappà…
già tutt’ ‘e sùrece d’ ‘a casa
ll’acchiappava papà!
Comme faceva? Mah… !
Chella cucina…!
Larga, spaziosa,
ca deva ‘int’ ‘o ciardino
d’ ‘o palazzo ‘e rimpetto,
e ‘na funesta ariosa… !
Menta e vasennicòla
rinfrescate ogne matina
d’ ‘a funtanella ‘e ll’acqua d’ ‘o Serino
ca lle steva vicino.
Appise, sott’ ‘e trave,
sòvere e mellune capuanièlle
e mazze ‘e pummarulelle
ca servevano p’ ‘o viérno.
Me pare ‘e sentì ancora
‘addore ‘e strùffele a Natale…
chine ‘e zucchero squagliato
e ‘ncoppa, sparpagliate,
cunfettielle ‘argiente e diavulille.
‘Nfaccia ‘o muro
tièlle e cassaròle,
tant’erano lustre, lucevano
quanno, ‘e striscio, nce passava
‘ncoppa ‘nu raggio ‘e sole
‘a stess’ora,
ogne matina d’està
e de juorno
quanno traseva vièrno.
Casa vecchia, casa antica…
casa amica
addo’, primma guagliòne
e doppo giuvinotto,
haggio sunnato…
sperato…!
Chella càmmera ‘e lietto
fresca, pulita,
cu ‘e llenzòle ‘e tela fina
e cu ‘a coperta ‘e picchè
quanno traseva estate
e ‘mbuttita
a ‘e prime fridde!
Chillu paràto ‘e carta
a stelle e a strisce verdoline…
nc’avevo scritto ‘ncoppa,
vicino ‘a fenesta,
sotto ‘e tendine,
‘o nomme mio e ll’età.
Va’ trova si ancora ce sta.
‘A vigliosa appicciata,
‘e notte, si ‘a fissavo,
me faceva ‘ntravvedé
tutte ‘e ccose culurate
a poco a poco
ca ‘o suonno me pigliava.
Veco ‘e trasì a mammà,
‘a primma matina,
cu ‘e capille tirate ‘ncopp’ ‘o cuollo
e ‘o càmmeso ‘e percalle
e ‘mmano ‘a tazza d’ ‘o ccafè…:
<<susete, Pascalì… Faje tarde ‘a scola…>>.
<<uffa… mammà…
Voglio durmì cinche minute ancora…>>.
<<e duorme. Si pateto se scéta
‘o ssaje, bello ‘e mammà, po’ che succede…>>.
Comme a ‘na funa fràceta
m’accumminciavo a sòsere…
‘e pressa me vestevo.
E nun appena vestito,
(passanno ‘o curreturo)
‘mpont’ ‘e piede
pe’ nun me fa’ sentì ‘a papà,
puntualmente,
dint’ ‘o scuro,
jevo a tuzzà cu ‘a capa ‘nfaccia ‘o muro
o ‘nfaccia ‘o stàntero d’ ‘a porta
o ‘nfaccia ‘a cappelliera,
e nun mancava maje,
comme si fosse pe’ fatalità,
‘a coda scarpesata ‘e Taitù.
Cu ‘e libbre e cu ‘a marenna sott’ ‘o braccio,
‘nguacchiato ‘e suonno,
m’avviavo pe’ ‘sta via
p’ ‘a strata ca purtava ‘a scòla mia.
Cchiù grussiciello
ascevo ‘a ‘stu purtone
no cchiù tenenno libbre e panariéllo
comme pe’ ghi ‘a scola…
ma pe’ truvà fatica
mò ccà… mò llà!
Mammà, rimasta sola,
cchiù ‘e primma
aspettava
ca turnavo!
Cchiù ‘e primma s’apprettava
si me vedeva ‘e tardà!
Casa vecchia, casa antica:
casa amica!
Mò chella voce nun m’ ‘a puorte cchiù.
È fernuta!
Pe’ sempe se n’è ghiuta…!
È rimasto ‘o balcone
Ca sta llà.
No comme a ‘na vòta,
ma ce sta;
ma pe’ quant’atu tiempo ce starrà?
Forse pe’ tanto ancora
o ancora pe’ poco…!
Po’ tutto cagnarrà
comme a tant’ata cose ‘e chesta strada
so’ cagnate.
so’ cagnate.
Ma chella voce…!
Ah! Chella voce me pare d’ ‘a sentì:
<<pascalì?… Pascalì?…>>.

 

‘A casciaforte – Canzone Napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:


WikiTesti
è un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

‘A casciaforte di Canzoni Napoletane

(MangioneValente)
Roberto MuroloRenato Carosone (con Gegè Di Giacomo)
Massimo Ranieri – Gabriella FerriAurelio Fierro

 

Parlato:
shhh, canta napoli
shhh, canta napoli
napoli in casciaforte
eh eh
napoli in casciaforte
eh eh
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte m’hanna da’
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte m’hann
a da’
‘a casciaforte m’hanna da’
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte m’hann
a da’
vaco truvanno na casciaforte
vaco truvanno na casciaforte
e andivinate pe’ ne fa’ che
e andivinate pe’ ne fa’ che
non tengo titoli non vivo ‘e rendita
non tengo titoli non vivo ‘e rendita
non ci ho un vestito pe’ cuollo a me
non ci ho un vestito pe’ cuollo a me
ma ‘a cascia mi necessita
ma ‘a cascia mi necessita
pe’ forza ll’aggia tene’
pe’ forza ll’aggi
a tene’
ce aggia mettere tutte llettere
ce aggia mettere tutte llettere
che m’ha scritto rosina mia
nu ritratto formato visita
da bonanema ‘e zi’ sufia
che m’ha scritto rosina mia
nu ritratto formato visita
d
a bonanema ‘e zi’ sufia
nu cierro ‘e capille
nu cierro ‘e capille
nu cuorno ‘e curallo
ed il becco di un pappagallo
che noi perdemmo nel ventitre’
nu cuorno ‘e curallo
ed il becco di un pappagallo
che noi perdemmo nel ventitre’
pre-pre-pre-pre-pre-pre-ppre-pre’
pre-pre-pre-pre-pre-pre-ppre-pre’
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte, ‘a casciaforte
‘a casciaforte m’hanna da’
‘a casciaforte m’hann
a da’
vaco truvanno na casciaforte
vaco truvanno na casciaforte
ma a qua’ casciere ce ‘o vvaco a di’
ma a qua’ casciere ce ‘o vvaco a di’
certe reliquie e cierti cimeli
certe reliquie e cierti cimeli
si ‘e ttiene ‘a fore ponno spari’
si ‘e ttiene ‘a fore ponno spari’
san casimiro martire
san casimiro martire
‘sta cascia famma veni’
‘sta cascia famm
a veni’
ce aggia mettere tutte llettere
ce aggia mettere tutte llettere
che mm’ha scritto rosina mia
na cartella di lire dodici
rilasciata dall’agenzia
che mm’ha scritto rosina mia
na cartella di lire dodici
rilasciata dall’agenzia
na maneca ‘e sicchio
na maneca ‘e sicchio
na crastula ‘e specchio
na corteccia di cacio vecchio e
nu fracchesciasso color caki’
na crastula ‘e specchio
na corteccia di cacio vecchio e
nu fracchesciasso color caki’
ki-ki-ki-ki-ki-ki-kki-ki’
ki-ki-ki-ki-ki-ki-kki-ki’nu cierro ‘e capille
nu cierro ‘e capille
nu cuorno ‘e curallo
ed il becco di un pappagallo
nu cuorno ‘e curallo
ed il becco di un pappagallo
‘a maneca ‘e sicchio ‘a
‘a maneca ‘e sicchio ‘a
crastula ‘e specchio
‘a corteccia di cacio vecchio ‘a
crastula ‘e specchio
‘a corteccia di cacio vecchio ‘a
bambola ‘e miccio ‘a
bambola ‘e miccio ‘a
lente in astuccio
e una coda di cavalluccio
lente in astuccio
e una coda di cavalluccio
che mi ricorda la meglio eta’
che mi ricorda la meglio eta’
la-la-la-la-la-la-lla-la’
la-la-la-la-la-la-lla-la’

https://youtu.be/bL1JS_yBUuQ
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Parlato:

      C# G#
SHHH, CANTA NAPOLI

C#
NAPOLI IN CASCIAFORTE  EH EH

 C#              A#m     F#6
'A CASCIAFORTE, 'A CASCIAFORTE

'A CASCIAFORTE M'HANN''A DA'

 C#              A#m
'A CASCIAFORTE, 'A CASCIAFORTE

'A CASCIAFORTE M'HANN''A DA'

           C#
VACO TRUVANNO NA CASCIAFORTE

        G#              C#
E ANDIVINATE PE' NE FA' CHE

       G#                       C#
NON TENGO TITOLI NON VIVO 'E RENDITA

             D#                     G#
NON CI HO UN VESTITO PE' CUOLLO A ME

    F#
MA 'A CASCIA MI NECESSITA

    G#             C#
PE' FORZA LL'AGGI''A TENE'

CE AGGI''A METTERE TUTT''E LLETTERE

CHE M'HA SCRITTO ROSINA MIA

                    A#m7
NU RITRATTO FORMATO VISITA

       A#7           D#m
D''A BONANEMA 'E ZI' SUFIA

NU CIERRO 'E CAPILLE NU CUORNO 'E CURALLO

         F#m              C#
ED IL BECCO DI UN PAPPAGALLO

           D#m            A#m
CHE NOI PERDEMMO NEL VENTITRE'

            G#7                  C#
PRE-PRE-PRE-PRE-PRE-PRE-PPRE-PRE'

 C#              A#m
'A CASCIAFORTE, 'A CASCIAFORTE

'A CASCIAFORTE M'HANN''A DA'

        C#
VACO TRUVANNO NA CASCIAFORTE

          G#                C#
MA A QUA' CASCIERE CE 'O VVACO A DI'

        G#                  C#
CERTE RELIQUIE E CIERTI CIMELI

              D#                 G#
SI 'E TTIENE 'A FORE PONNO SPARI'

    F#
SAN CASIMIRO MARTIRE

     G#             C#
'STA CASCIA FAMM''A VENI'

CE AGGI''A METTERE TUTT''E LLETTERE

CHE MM'HA SCRITTO ROSINA MIA

                    A#m7
NA CARTELLA DI LIRE DODICI

    A#7          D#m
RILASCIATA DALL'AGENZIA

NA MANECA 'E SICCHIO

NA CRASTULA 'E SPECCHIO

         F#m                  C#
NA CORTECCIA DI CACIO VECCHIO E

          D#m             A#m
NU FRACCHESCIASSO COLOR CAKI'

         G#7             C#
KI-KI-KI-KI-KI-KI-KKI-KI'


D#m C# D#m C# D#7 G# D#m G# C# A#7 D#m C# D#m C# G#7


C#                G#
NU CIERRO 'E CAPILLE

               C#
NU CUORNO 'E CURALLO

      G#          C#
ED IL BECCO DI UN PAPPAGALLO

           G#
'A MANECA 'E SICCHIO 'A

                C#
CRASTULA 'E SPECCHIO

      G#          C#
'A CORTECCIA DI CACIO VECCHIO 'A

G#
BAMBOLA 'E MICCIO 'A 

              C#
LENTE IN ASTUCCIO

   G#           C#
E UNA CODA DI CAVALLUCCIO

    D#m                      C#
CHE MI RICORDA LA MEGLIO ETA'

         G#7             C# C#
LA-LA-LA-LA-LA-LA-LLA-LA'  
 
***

‘A cinquecento – Tony Tammaro

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1989 Prima cassetta di musica tamarra
1999 Tutto Tony Tammaro

Testo Della Canzone

‘A cinquecento – Tony Tammaro

Testo e Musica: Tony Tammaro

Doppo ave’ fatto diebbete e cambiali

riuscette a m’ accatta’ ‘na Cinquecento

seconda mano ma pareva nova

verde pisello e crummature argiento

Moquetta ‘nterra, tappetine ‘e lusso

sedile ribaltabile, accendino

io m’ ha lavavo quase ogni matina

p’o sfizio sulamente d’ a guardà

Fari allo jodio, ‘nu rilorgio a quarzo

motore ritoccato, steva ‘a guerra

ce avevo miso pure ‘o Paioneer

nastre, cascette pure ‘e Barry White

Che vuò sentì, Carmè? Donna Summer?

‘nu piezzo ‘e John Travolta… Peter Tosh?

Io le mettevo ‘e mmane mmiezzo ‘e mmane

calavo il ribaltabile e vualà

Modestamente, tengo ‘nu crick dinto ‘a Cinquecento

che aiza pure ‘e camion a rimorchio

‘stu crick e’ ‘nu regalo ‘e papà mio

me cride? è fatto ‘e fierro originale

‘Na brutta sera ‘a lasso mmiezzo ‘a via

ero curruto: mamma steva male

‘a metto int’ ‘o parcheggio d’ ‘o ‘spitale

e quando scengo nunn’ ‘a trovo cchiù

Me cride? addeventaie ‘na lampa ‘e fuoco

‘o cuollo s’abbuffaie comme a ‘na votte

steva scuppianno pure ‘a vena aorta

e ‘o core… ‘o core nun c’ ha faceva cchiù.

E mò pure Carmela m’ ha lassato

pecchè s’ hanno arrubbato ‘a Cinquecento

s’ è misa cu’ uno cu’ ll’otto e cinquanta

pecchè tene ‘e cascette d’ Elton John

Scetateve guagliune ‘e malavita

dimane ‘a Cinquecento hadda sta’ ccà’!!!

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   



Doppo ave' fatto diebbete e cambiali
La- Mi7 La-
riuscette a m' accatta' 'na Cinquecento
Re- Mi7 La-
seconda mano ma pareva nova
La7 Re-
verde pisello e crummature argiento
La- Mi7 La-
Moquetta 'nterra, tappetine 'e lusso
La- Mi7 La-
sedile ribaltabile, accendino
Re- Mi7 La-
io m' ha lavavo quase ogni matina
La7 Re-
p'o sfizio sulamente d' a guardà
La- Mi7 La-
Fari allo jodio, 'nu rilorgio a quarzo
La- Mi7 La-
motore ritoccato, steva 'a guerra
Re- Mi7 La-
ce avevo miso pure 'o Paioneer
La7 Re-
nastre, cascette pure 'e Barry White
La- Mi7 La 
Che vuò sentì, Carmè? Donna Summer?
Mi7 La 
'nu piezzo 'e John Travolta... Peter Tosh?
Si- Mi7 La
Io le mettevo 'e mmane mmiezzo 'e mmane
Fa#7 Si-
calavo il ribaltabile e vualà
Mi7 La-
Modestamente, tengo 'nu crick dinto 'a Cinquecento
La- Mi7 La-
che aiza pure 'e camion a rimorchio
Re- Mi7 La-
'stu crick e' 'nu regalo 'e papà mio
La7 Re-
me cride? è fatto 'e fierro originale
La- Mi7 La- 
'Na brutta sera 'a lasso mmiezzo 'a via
La- Mi7 La-
ero curruto: mamma steva male
Re- Mi7 La-
'a metto int' 'o parcheggio d' 'o 'spitale
La7 Re- 
e quando scengo nunn' 'a trovo cchiù
Mi7 La
Me cride? addeventaie 'na lampa 'e fuoco
Mi7 La
'o cuollo s'abbuffaie comme a 'na votte
Si- Mi7 La 
steva scuppianno pure 'a vena aorta
Fa#7 Si-
e 'o core... 'o core nun c' ha faceva cchiù.
Mi7 La-
E mò pure Carmela m' ha lassato
La-
pecchè s' hanno arrubbato 'a Cinquecento
Re- Mi7 La-
s' è misa cu' uno cu' ll'otto e cinquanta
La7 Re- 
pecchè tene 'e cascette d' Elton John
Mi7 La-
Scetateve guagliune 'e malavita
Re- La-
dimane 'a Cinquecento hadda sta' ccà'!!!
Re- Mi7 La-

‘A città  e Pulecenella – Canzoni Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A città e Pulecenella delle Canzoni Napoletane

(Claudio Mattone)
Interpretata da:
Gianni CelesteMario MerolaMiranda MartinoMirna DorisNeri Per CasoRenzo ArboreRita ForteSal da VinciScugnizzi
* Neri Per Caso1996 Strumenti
* Scugnizzi2002 C’era una volta…Scugnizzi

T’accumpagno vico vico
sulo sa te ca si n’amico
e te porto pe’ quartiere
addo’ o sole nun se vere
ma se vere tutt’o riesto
e s’arapeno e feneste
e capisce comm’e’ bella
A CITTA’ e Pullecenella
comm’e’ bella
comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
comm’e’ bella
comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
me dispiace sulamente
ca l’orgoglio e chesta gente
se murtifica ogni iuorno
pe na manica e fetiente
ca nun teneno cuscienza
e nun teneno rispetto
comme fanno a piglia’ suonno
quanno e’ a sera dint’o lietto
dint’o lietto dint’o lietto
quanno e’ a sera dint’o lietto
dint’o lietto dint’o lietto
quanno e’ a sera dint’o lietto
E mo te porto a Margellina
sempe ca nun tiene fretta
verso e cinque d’a matina
quann’o traffico o permette
cca’ e’ permesso tutte cose
no pecche’ tiene o diritto
ma pecche’ s’e’ sempe fatto
e sultanto pe dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
me dispiace sulamente
ca l’orgoglio e chesta gente
se mortifica ogni juorno
e nuie ce mettimmo scuorne
ma nisciuno po fa niente
ce a zucammo a caramella
comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e PullecenellaIo ca songo musicante
e me sento furtunato
canto e sono sono e canto
chesta bella serenata
e pecche’ so’ nnammurato
pecche’ forse ce so’ nato
ma vedite comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ bella comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ bella comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella

 

   
Gm Dm A# Dm

          Gm
T'ACCUMPAGNO VICO VICO

        Dm
SULO SA TE CA SI N'AMICO

        Gm
E TE PORTO PE' QUARTIERE

        Dm
ADDO' O SOLE NUN SE VERE

MA SE VERE TUTT'O RIESTO

E S'ARAPENO E FENESTE

      D#
E CAPISCE COMM'E' BELLA

           A
A CITTA' e Pullecenella

   Gm
comm'e' bella

comm'e' bella

         Dm
a citta' e Pullecenella

           Gm
comm'e' bella

comm'e' bella

           Dm
a citta' e Pullecenella

        D
me dispiace sulamente

          Cm6
ca l'orgoglio e chesta gente

      Gm9
se murtifica ogni iuorno

        Dm
pe na manica e fetiente

       D
ca nun teneno cuscienza

        Cm6
e nun teneno rispetto

         D
comme fanno a piglia' suonno

            A
quanno e' a sera dint'o lietto

         Gm
dint'o lietto dint'o lietto

          Dm
quanno e' a sera dint'o lietto

              Gm
dint'o lietto dint'o lietto

          Dm
quanno e' a sera dint'o lietto

        Cm
E mo te porto a Margellina

         Gm
sempe ca nun tiene fretta

        Cm
verso e cinque d'a matina

        Gm
quann'o traffico o permette

cca' e' permesso tutte cose

no pecche' tiene o diritto

           G#
ma pecche' s'e' sempe fatto

           D
e sultanto pe dispietto

         Cm
pe' dispietto pe' dispietto

         Gm
e' sultanto pe' dispietto

           Cm
pe' dispietto pe' dispietto

            Gm
e' sultanto pe' dispietto

     G
me dispiace sulamente

          Fm
ca l'orgoglio e chesta gente

        Cm9
se mortifica ogni juorno

       Gm
e nuie ce mettimmo scuorne

        Cm
ma nisciuno po fa niente

          Fm
ce a zucammo a caramella

                G
comm'e' ddoce e comme e' bella

              D
a citta' e Pullecenella

           Cm
Comm'e' ddoce e comme e' bella

           Gm
a citta' e Pullecenella

              Cm
Comm'e' ddoce e comme e' bella

              Gm
a citta' e Pullecenella



Gm Cm Gm Cm Gm


      G
Io ca songo musicante

        Fm
e me sento furtunato

        Cm9
canto e sono sono e canto

          Gm
chesta bella serenata

          Cm
e pecche' so' nnammurato

           Fm
pecche' forse ce so' nato

       G
ma vedite comm'e' bella

           D
a citta' e Pullecenella

        Cm
Comm'e' bella comm'e' bella

           Gm
a citta' e Pullecenella

           Cm
Comm'e' bella comm'e' bella

           Gm
a citta' e Pullecenella

           C#m
Comm'e' ddoce e comme e' bella

         G#m
a citta' e Pullecenella

              C#m
Comm'e' ddoce e comme e' bella

         G#m
a citta' e Pullecenella

***

‘A fattura – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A fattura –  Ferdinando Russo

M’ fatto na fattura int’ a na noce,
e nun me movo ccbiù: stongo attaccato.
E vaco p’ alluccà, me manca ‘a voce,
‘vaco pe’ m’ addurmì, resto scetato.
È vierno, cade ‘a neve e ‘o core coce;
è state, scotta ‘o sole e sto gelato!
M’ fatto, sta fattura doce doce…
Assassenella, e che m’ è cumbinato!
M’ fatto na fattura int’ a na mela,
m’è’ è spurtusato ‘o core c’ ‘a vriala:
songo arredutto comm’ a na cannela,
nun tengo ‘a forza de saglì ‘sta scala!
Nun tengo ‘a forza ‘e fa’ nu passo sulo,
m’ arruvinato figliulo figliulo…
E mammema n’ è morta p’ ‘o delore,
streca malegna, nfama e senza core!

 

‘A fattura – Raffaele Viviani

 

Testo Della Poesia

‘A fattura – Raffaele Viviani

– “ Rastula ‘e specchio, seccame a Gennaro:
cu ‘e ragge ‘e sole fammelo abbruscia’
Comme e castagne dint’ ‘o verularo
ll’ossa arrustenno aggia senti’ ‘e schiuppa’.
Siccalo l’uocchie quanno ‘a tene mente,
siccalo ‘o sciato quanno ‘a vò chiammà!
Abbrustuluto comm’ ‘a na semmenta
‘a capo a pede falle addeventà! “

 

‘A finestra – Carmen Consoli

Album

È contenuto nei seguenti album:

2009 Elettra
2010 Per niente stanca

Testo Della Canzone

‘A finestra di Carmen Consoli

Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata
Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta
“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”
Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina,
eri licca pà broscia cà granita”
“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori
t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari”

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata,
sduvacata ‘nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta,
gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata,
genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa,
genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna,
annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa,
genti ca sa fa ‘lliccannu a sadda,
ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu,
“avemu u picciu arreri o vitru”.
Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare.

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa
“piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni
quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna”.
Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone
scinni Saro Branchia detto Re Leone
Patri Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli
picchì sua Maestà s’ha fari a comunioni

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu
“accussì janca mi pariti ‘n spiddu”
Jù ci dicu “m’ha scusari,
ma picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari”.

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà
ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu,
tannu si pinsava ca “La diversità è ricchezza”
tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza
Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari
si truvamu semi boni di chiantari
‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori
e dici ca li cosi stannu pì canciari

Chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari,
almeno un poco di chiffari
Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari
Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari!?”

https://www.youtube.com/watch?v=zkh86dVLgXg

‘A funtanella amara – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A funtanella amara – Ferdinando Russo

Me so’ fermato nnanz’ a na funtana
ca porta scritto ca sana ogne ammore.
Aggio vìppeto, e 1’ acqua nun me sana!
M’ ha miso n’ ata pena dint’ ‘o core!
E tengo dint’ ‘o core n’ ata pena
pecché chest’ acqua è fango e m’ avvelena;
e mo, tutto pe’ causa ‘e na mpesella,
scorre dall’ uocchie miei na funtanella…
Funtana, funtanella d’ acqua amara,
acqua nun è, so’ lacreme d’ ammore,
dice ‘a canzona antica. E ‘a voce è chiara
comm’ ‘a sincerità dint’ a stu core.
Ma ‘o core tuio n’ è mai stato sincero,
comme busciardo fuie pure ‘o penziero!
Maro a chi s’ annammora e po’ 1’ attocca
‘e suspirà p’ ‘e cchiacchiere ‘e na vocca!
Vocca busciarda, cu stu pizzo a riso
ntuòsseche ‘o core quanno dai nu vaso!
E si pe’ scagno jisse ‘n Paraviso
tu ngannarrisse pure a San Tummaso!
E si pe’ scagno dint’ ‘o Nfierno jisse
pure ‘o Demmonio te cumbinarrisse,
pecché quanno nasciste, oi bella mia,
stive mpastata nzieme a na buscia!

 

‘A liberta’

 

Album

È contenuto nei seguenti album:
2004 Senza più nuvole

Testo Della Canzone

‘A libertà di Stefania Lay

Ma che pretendi? ho solo 16 anni
A quant tiemp ca nuj stamm ascenn?
Semp chius ind a cas
Sotto chiave un sorriso… ca nisciun m pò fa caccià
A sirciann aspett già nu figl
E chist cor giovn s spogl
Mentre tu con gli amici
comm si felic
quant m riman chius ca!Vogl a Libertà…
Tu me luat o sfiz e respirà
Ma che vita è??
Ca viv sul si dipend a tee…
Libererò quell’armadio
dai pochi stracci che ho
che il tuo buon cuore ha donato
pcchè semp pnsat chiù a te!
Vogl a libertà…
rind a sta cas nun m fir e sta
Vogl a libertà…
nisciun a ret m pò fa turnà!

Pigliatell e chiav e chesta gabbia
E non minacciarmi nella rabbia…
Vogl sta chiu luntan
Ra violenz e sti man
Tu o ninnill mal nun può fa!

Vogl a Libertà…
Ma vaffancul c m vatt a ffà?!
Ma che uomo sei?
Sul che femmn ta saj vrè
Libererò quell’armadio
dai pochi stracci che ho
che il tuo buon cuore ha donato
pcchè semp pnsat chiù a te
Vogl a Libertà..
Inda sta cas nun m fir e sta!
Vogl a Libertà…
Nisciun a ret m pò fa turnààà
Vogl a Libertà…
Ma vaffancul c m vatt a ffà?!
Ma che uomo sei?
Sul che femmn ta saj vrè…

‘A Madonna d’ ‘e mandarine – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A Madonna d’ ‘e mandarine – Ferdinando Russo

Quanno ncielo n’angiulillo
nun fa chello c’ha da fa’,
‘o Signore int’a na cella
scura scura ‘o fa nzerrà.

Po’ se vota a n’ato e dice:
– Fa venì San Pietro ccà!
E San Pietro cumparisce:
– Neh, Signò, che nuvità?

– Dint”a cella scura scura
n’angiulillo sta nzerrato:
miettammillo a pane e acqua
pecché ha fatto nu peccato!

E San Pietro acala ‘a capa
e risponne: – Sissignore!
Dice Dio: – Ma statt’attiento
ch’ha da sta’ vintiquatt’ore!

L’angiulillo, da llà dinto,
fa sentì tanta lamiente…
– Meh, Signò, dice San Pietro,
pè sta vota…nun fa niente…

– Nonzignore! Accussì voglio!
Statte zitto! dice Dio;
si no ognuno se ne piglia!
‘N Paraviso cummann’io!

E San Pietro avota ‘e spalle.
Da la cella scura scura
l’angiulillo chiagne e sbatte,
dice ‘e metterse paura!

Ma ‘a Madonna, quanno ognuno
sta durmenno a suonne chine,
annascuso ‘e tuttequante
va e lle porta ‘e mandarine.

 

‘A maglia ‘e miezo – Poesia

Testo Della Poesia

‘A maglia ‘e miezo di Ferdinando Russo

Chisto ca t’ è scigliuto, oi bella mia,
nun tene ntenzione, e te fa ‘o zezo;
ogne parola azzecca na buscia,
e cerca ‘e se n’ ascì p’ ‘a maglia ‘e miezo.
Tu t’ ‘o ccride e te mmucche tutte cosa,
e già te vide cu ‘a curona ‘e sposa.
Te pòzzano venì tutt’ ‘e ffurtune!
Me dai na voce quann’ esceno ‘e pprune!
Chisto è nu sperciasepe canzaniello,
zompa da ccà e da llà cagnanno frasca.
A chi prumette ‘a terra, a chi ‘o castiello,
a chi stregne ‘o vurzillo e a chi ll’ allasca.
Ma quanno vai a cernere ‘a farina,
1’ ha cernuta già isso: ‘a fa matina!
E, dicenno ‘e parlà c’ ‘o parrucchiano,
te lassa cu na vranca ‘e mosche ‘mmano!

‘A malupina – Ferdinando Russo

 

Testo Della Poesia

‘A malupina – Ferdinando Russo

Vui site na malegna malupina
ca nun tene nu core, ma na spogna,
e assorpa da la sera a la matina
senza sapé pecché: senza vriogna!
Femmene nfame nce ne stanno assai,
ma comm’ a vui nun aggio viste mai.
E mai nun n’ aggio viste a munno mio!
V’ ‘o pozza perdunà sultanto Ddio!

 

 

‘A Marechiaro – Canzone Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A Marechiaro delle Canzoni Napoletane

(Salvatore Di GiacomoTosti)
Sergio BruniMassimo RanieriClaudio Villa

Quanno spónta la luna a Marechiaro,
pure li pisce nce fanno a ll’ammore…
Se revòtano ll’onne de lu mare:
pe’ la priézza cágnano culore…
Quanno sponta la luna a Marechiaro.
A Marechiaro ce sta na fenesta:
la passiona mia ce tuzzuléa…
Nu garofano addora ‘int’a na testa,
passa ll’acqua pe’ sotto e murmuléa…
A Marechiaro ce sta na fenesta….Chi dice ca li stelle só’ lucente,
nun sape st’uocchie ca tu tiene ‘nfronte!
Sti ddoje stelle li ssaccio i’ sulamente:
dint’a lu core ne tengo li ppónte…Chi dice ca li stelle só’ lucente?

Scétate, Carulí’, ca ll’aria è doce…
quanno maje tantu tiempo aggi’aspettato?!
P’accumpagná li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtato…

Scétate, Carulí’, ca ll’aria è doce!…

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Cm Fm

Cm
QUANNO SPONTA LA LUNA A MARE CHIARE

             G7
PUR LI PISCE NCE FANN'A L'AMMORE

Cm
SE REVOTANO LL'ONNNA DE LU MARE PE LA PRIEZZA

D#
CAGNENO CULORE

D#9                Cm
QUANNO SPONTA LA LUNA A MARECHIAAARO

C
A MARECHIARO NCE STA 'NA FENESTA

F9                         C        F
LA PASSIONE MIA NCE TUZZULEEA NU' CAROFANO ADDORA

                                              C
INTA' NA' TESTA PASSA L'ACQUA SOTT E' MURMULE'E A

          G                   Cm     Fm6 Cm C#
A MARECHIARO NCE STACE 'NA' FENESTA



Cm                                     Fm9
CHI DICE CA LI STELLE SO' LUCENTE, NUN SAPE ST'UOCCHIE

             Cm
CA' TU TIENE NFRONTE

STI DDOJE STELLE, LLI' SACCIO IO SULAMENTE

   D#                   D#9
DINTA LU' CORE NE TENGO lli' PONTE

       Cm9                  G
QUANNO SPONTA LA LUNA A MARECHIARO

C
SCETATE

                              F
CARULI' CA' LL'ARIA E' DDOCE

QUANNO MAJE

            G                    C
TANTU TIEMP AGGIU' SPETTAATO P'ACCUMPAGNA LI' SUONE

F                                   G
CU' LA VOOCE STASERA NA' CHITARRA AGGIU' PURTAATA, 

C               Cm                      Fm6  Cm  Fm6  Cm     
SCETATE CARULI' CA' LL'ARIA E' 'DOCE




  C#        Cm         D#                            Cm
E SCETATE E SCETATE SCETATE CARULI' CA' LL'ARIA E' DOCE!!!. 

**

 

 

‘A mugliera ‘e Masaniello – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A mugliera ‘e Masaniello – Ferdinando Russo

So’ turnate li Spagnuole,
è fernuta ‘a zezzenella;
comme chiagneno ‘e ffigliole
fora ‘a via d’ ‘a Marenella!
‘A Riggina ‘e ll’otto juorne
s’è arredotta a ffa’ ‘a vaiassa;
so turnate li taluorne,
‘ncopp’ ‘e frutte torna ‘a tassa!
Chella vesta, tuttaquanta
d’oro e argiento arricamata,
ll’ha cagnata sta Rignanta
cu na vesta spetacciata.
‘A curona ‘e filigrana
mo ched’è? Curona ‘e spine!
‘E zecchine d’ ‘a cullana
mo nun songo cchiù zecchine!
Li Spagnuole so’ turnate
chiù guappune e preputiente
e mo’ a chiammano, ‘e suldate,
a Riggina d’ ‘e pezziente!
E lle danno ‘a vuttatella,
e lle diceno’ a parola,
e lle tirano ‘a vunnella…
Essa chiagne, sola sola.
Pane niro e chianto amaro,
chianto amaro e pane niro
vanno a ccocchia e fanno ‘o paro
comm’ ‘e muonece a Retiro.
Da Palazzo essa è passata
dint’ ‘o Bbuorgo e venne ammore;
tene ‘a mala annummenata,
ma nu schianto mmiez’ ‘o core!
Dint’ ‘o vascio d’ ‘a scasata
mo nce passa o riggimento;
‘a furtuna ll’ha lassata
e le scioscia malu viento.
Se facette accussì lota,
morta ‘e famma e de fraggiello,
chella llà ch’era na vota
‘a mugliera ‘e Masaniello!

 

‘A nostargìa – Poesie Romane

Testo Della Poesia

‘A nostargìa delle Poesie Romane

Pur’io si m’aricordo mo ve dico
De quanno cherichetto la matina
Servivo messa ar paroco D’Errico
Durante la novena matutina.A le cinque sonava la campana
La prima vorta, e nonno me svejiava.
Carzoni corti, giubetto de lana
E scarpe da pirelli. Io m’inzognava

D’avècce armeno ‘n tappo(1) purchessìa
E scarpe co’ la sola: “Avemmaria”
Pregavo, “vorebbe avé a Natale
‘N ber majione”. E doppo stavo male

Pe’ li geloni ai piedi e ‘r rafreddore.
In chiesa poi cessava ogni dolore
E m’incantavo a sènte quel’ardore
Ch’er paroco metteva predicanno

Quanno diceva che l’immacolata
Era la mamma der tereno affanno
Che nove mesi doppo “addolorata”
Pe’ corpa nostra sarebe addiventata.

E mentre Don D’Errico predicava,
Pisciacquasanta(2), moje der marchese,
Co’ la vicina sua se confidava
Parrannole co’ tono assai cortese:

“Còrpa? E che còrpa cciò Madonna Santa?
Er paroco se sbajia certamente!
Prego e de carità ne faccio tanta,
Che còrpe nun ce n’ho sicuramente”.

Mi nonno l’ha sentita e a casa, doppo,
Parlanno co’ la nonna ha confermato:
“Pisciacquasanta, poracrista, è troppo
Deficiente p’avè fatto ‘n peccato”.

(1) Cappotto
(2) Bigotta

.

‘A pistuletta ‘argiento – Poesia

Testo Della Poesia

‘A pistuletta ‘argiento – Ferdinando Russo

Sempe ca n’ ata vota me ncuieto,
me voglio fa na pistuletta ‘argiento,
vaco addu nenna e dico: – Fatte arreto!
Tu m’ è arrubbato ‘o suonno e ‘o sentimento!
Tu m’ è arrubbato ‘o sciore d’ ‘a saluta,
e st’ anema, pe’ te, nce s’ è perduta!
E m’ è arrubbato ‘o suono d’ ‘e pparole,
e m’ è arrubbato ‘a dint’ all’ uocchie ‘o sole!

‘A pizza – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A pizza – Canzoni Napoletane

(Alberto TestaGiordano Bruno Martelli)
Interpretata da Renato CarosoneAurelio FierroGiorgio Gaber
Mauro Nardi Domenico Modugno
2° Classificata nel 14° Festival della Canzone Napoletana

Io te ‘ncuntraje
na vocca rossa comm’a na cerasa
na pelle prufumata ‘e fronne ‘e rose

io te ‘ncuntraje
volevo offrirti
pagandolo anche a rate
nu brillante
‘e quínnece carate

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
cu ‘a pummarola ‘ncoppa

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
‘a pizza e niente cchiù

io te purtaje
addó’ ce stanno ‘e meglie risturante
addó’ se mangia mentre ‘o mare canta
io te purtaje
entusiasmato ‘a tutte st’apparate
urdinaje
nu cefalo arrustuto

ma tu vulive ‘a pizza

io te spusaje
‘o vicinato e ‘a folla de pariente
facevano nu sacco ‘e cumplimente
io te spusaje
all’improvviso
tra invite e battimane
arrevaje
na torta ‘e cinche piane

ma tu vulive ‘a pizza

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
F G

Cm                                           G
Io te 'ncuntraje: na vocca rossa comm'a na cerasa, 

   G7                           G
na pelle profumata 'e fronne 'e rose... 

           Cm
io te 'ncuntraje... 

             C7                    Fm
Volevo offrirti, pagandolo anche a rate... 

       Cm
nu brillante... 

G             C
'e quinnece carate... 

                G                     C
Ma tu vulive 'a pizza 'a pizza, 'a pizza... 

                     G                       C
cu 'a pummarola 'ncoppa cu 'a pummarola 'ncoppa 

                G                     C
ma tu vulive 'a pizza 'a pizza, 'a pizza 

                     G                            C
cu 'a pummarola 'ncoppa 'a pizza e niente cchiu'! 

Cm                                         G
Io te purtaje addo' ce stanno 'e meglie risturante... 

 G7                            G
addo' se mangia mentre 'o mare canta... 

         Cm
io te purtaje... 

          C7                Fm       Cm
Entusiasmat' a tutte st'apparate urdinaje... 

G              C
nu cefalo arrustuto... 

                G                     C
Ma tu vulive 'a pizza 'a pizza, 'a pizza... 

                     G                        C
cu 'a pummarola 'ncoppa, cu 'a pummarola 'ncoppa, 

                G                    C
Ma tu vulive 'a pizza 'a pizza 'a pizza 

                     G                             C F G
cu 'a pummarola 'ncoppa, 'a pizza e niente cchiu'!     



Cm                                            G
Io te spusaje... 'o vicinato e 'a folla d'e pariente 

  G7                       G               Cm
facevano nu sacco 'e cumplimente, io te spusaje... 

            C7                    Fm        Cm
All'improvviso, tra invite e battimane, arrevaje... 

G                  C
na torta 'e cinche piane... 

                G                      C
Ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G                        C
cu 'a pummarola 'ncoppa, cu 'a pummarola 'ncoppa, 

                G                      C
ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G
cu 'a pummarola 'ncoppa 'a pizza e niente cchiu'! 

C               G                      C
Ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G                        C
cu 'a pummarola 'ncoppa, cu 'a pummarola 'ncoppa, 

                G                      C
ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G
cu 'a pummarola 'ncoppa, 'a pizza e niente cchiu'! 

C#              G#                     C#
Ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G#                       C#
cu 'a pummarola 'ncoppa, cu 'a pummarola 'ncoppa, 

                G#                     C#
ma tu vulive 'a pizza, 'a pizza, 'a pizza, 

                     G#                           F# C# F# G# ?
cu 'a pummarola 'ncoppa, 'a pizza e niente cchiu'!     

***

‘A primma vota – Ciro Rigione

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A primma vota – Ciro Rigione

Quant tiempe aggia aspettate
pe me mettere cu tte
quante vote aggia pensate
nun ce ten’arra’ cu mme
ma stasera stamme n’inzieme
dint’a machina a parla’
chianu chianu sto tentanne e te vasa
pure tu te miette scuorne
e nun riesc a me guarda
poi tirando sui i capelli
te faie cchiu vicine a mme
mentre la tua camicetta
si sbottona sempre piu’
piano piano la mia mano scende giu’
e po accummincia a te spuglia’
e a’ primma vota mo ppe te
tu staie tremmanne cumm’a che
ma male nun te voglia fa’
te voglie sule accarezza’
e si vo tu poss aspetta’
nate vint’anne ppe t’ave
si na doccia fredda e’ passera’
s’adda stuta’
stu desiderie e’ sta cu tte
ma tu nun me faie ferma’
mi continue accarezza’
e stringnenemme cchiu forte
mo’ si tu ca circa a mme
e po continui a te spuglia’
che senzazione ca me da
vederti nuda a fianco ‘a mme
un solo corpo simme io e tte
io ccu te
tu ccu mme
sempe io e te
sule quanne n’ata machina
currenne passa a cca
nuie firmamme cheste mmane
ma po a luce sinne va’
e te faie cchiu piccirella
t’annascunne mbraccie a mme
forse e’ l’attime cchiu bell ppe t’ave
e po accummincia a te spuglia’
e a’ primma vota mo ppe te
tu staie tremmanne cumm’a che
ma male nun te voglia fa’
te voglie sule accarezza’
e si vo tu poss aspetta’
nate vint’anne ppe t’ave
si na doccia fredda e’ passera’
s’adda stuta’
stu desiderie e’ sta cu tte
ma tu nun me faie ferma’
mi continue accarezza’
e stringnenemme cchiu forte
mo’ si tu ca circa a mme
e po continui a te spuglia’
che senzazione ca me da
vederti nuda a fianco’a mme
un solo corpo simme io e te
io ccu te
tu ccu mme
(PARLATO) :
jamme ammore
sarra’ sempe a pprimma vota
pure a nate cinquantanne
io so’ sempe nnammurate
nun ma’ scorde sta serata
sarra’ sempe a pprimma vota
pure a nate cinquantanne
io s’o’ sempe nnammurate
nun ma’ scorde sta serata

https://youtu.be/bbZHrW7Wdzk

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

   Em

Am7

                       Am6
Quant tiempe aggia aspettate
pe me mettere cu tte
B                    Em
quante vote aggia pensate
                    D7
nun ce ten'arra' cu mme
                         G
ma stasera stamme n'inzieme
                 B
dint'a machina a parla'
                           Em
chianu chianu sto tentanne e te vasa
Am9  Em
pure tu te miette scuorne
      Am6
e nun riesc a me guarda
      B
poi tirando sui i capelli
              Em
te faie cchiu vicine a mme
       D7
mentre la tua camicetta
      G
si sbottona sempre piu'
      B                        Em
piano piano la mia mano scende giu'
E    Am7
e po accummincia a te spuglia'
D
e a' primma vota mo ppe te
   G
tu staie tremmanne cumm'a che
     Em
ma male nun te voglia fa'
     Am9
te voglie sule accarezza'
     D6
e si vo tu poss aspetta'
        Bm7           E
nate vint'anne ppe t'ave
C                        D7
si na doccia fredda e' passera'
s'adda stuta'
Bm               Em
stu desiderie e' sta cu tte
      C6
ma tu nun me faie ferma'
        Am6
mi continue accarezza'
      B
e stringnenemme cchiu forte
          E
mo' si tu ca circa a mme
          Am
e po continui a te spuglia'
       D
che senzazione ca me da
     G
vederti nuda a fianco 'a mme
     Em7
un solo corpo simme io e tte
       C6
io ccu te
       B
tu ccu mme
           Em
sempe io e te
Am7 B Em
      sule quanne n'ata machina
Am7
currenne passa a cca
B7
nuie firmamme cheste mmane
Em                 D7
ma po a luce sinne va'
e te faie cchiu piccirella
   G6
t'annascunne mbraccie a mme
B                            Em
forse e' l'attime cchiu bell ppe t'ave
E            Am7
e po accummincia a te spuglia'
        D
e a' primma vota mo ppe te
            G
tu staie tremmanne cumm'a che
        Em
ma male nun te voglia fa'
     Am9
te voglie sule accarezza'
     D6
e si vo tu poss aspetta'
        Bm7           E
nate vint'anne ppe t'ave
C                      D7
si na doccia fredda e' passera'
s'adda stuta'
Bm               Em
stu desiderie e' sta cu tte
      C6
ma tu nun me faie ferma'
      Am6
mi continue accarezza'
      B
e stringnenemme cchiu forte
          E
mo' si tu ca circa a mme
        Am
e po continui a te spuglia'
         D
che senzazione ca me da
     G
vederti nuda a fianco'a mme
     Em7
un solo corpo simme io e te
       C6
io ccu te
       B
tu ccu mme
      Bm7        E6
 jamme ammore
A9 F#m Bm7
       sarra' sempe a pprimma vota
     E6
pure a nate cinquantanne
              A9
io so' sempe nnammurate
           F#m
nun ma' scorde sta serata
       Bm7
sarra' sempe a pprimma vota
     E6
pure a nate cinquantanne
           A9
io so' sempe nnammurate
        F#m
nun ma' scorde sta serata


Bm7 E6 A9 F#m Bm7 E6 A9

‘A ricchezza d’ù mundu

Cerca Canti Per Titolo: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V Z W Y

Testo Della Canzone

‘A ricchezza d’ù mundu di Liturgica e Sacra

L’Angialu di Diu cumpariu a mezza li splenduri
lu cori di Maria turbau
per causa i nostru Signori.
U semi ‘nta lu grembu ‘nci portau
chi San Giuseppi dapprima nò ci cridiu
finchè lu Pateternu ‘nci parlau e lu rassicurau.‘A ricchezza d’ù mundu pe nnui vinni
cca capanna du celu a nnui la manna
e d’ù sinu di Maria ‘undi sarva e cusì sia.

A li novi misi cca na grutta iju nesciu
cu’ friddu acqua e bentu
e senza cummohji pe ornamentu.

M’a paci d’a famigghia e l’amuri
du cori cardiava nostu Signori
c’o cielu na stija cumpariu
e ‘a strata di Re Magi ‘cimostrau.
Oru ncenz’e mirra per donu riciviuno

‘A Riggina Giuvanna – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A Riggina Giuvanna – Ferdinando Russo

E vui me purtarrate appiso ‘nganna,
e v’ ‘o ddico cu tutt’ ‘e sentimente!
E me parite ‘a Riggina Giuvanna
ca teneva ll’ amante a ciente a ciente!
Cagnava amante comm’ a li ccammise,
n’ ommo felice e ciente muorte accise
pecché ‘o ffaceva pe’ nce se spassà,
pe’ nu carizzo ciento nfamità!
Che ne facite ‘e tutte sti bellezze
si ‘e jiate dispenzanno a dritta e a manca?
Semmenate mmasciate e gentilezze,
puzzuliate comm’ a na pullanca;
‘e rrezze voste tuttequante a mmare!
‘O viento npoppa, e po’ piscà chi vò!
Ma quanno so’ arrivate ‘e tiempe amare,
menàte ‘a rezza, e diceno ca no…

 

 

‘A rumba de’ scugnizze – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A rumba de’ scugnizze – Canzoni Napoletane

di Raffaele Viviani

Interpretata da Sergio BruniMassimo RanieriRaffaele VivianiMaria Pia De Vito – Renzo Arbore
1974 – Raffaella Carrà 1974 Milleluci
1990 – Roberto Murolo1990 Na voce, ‘na chitarra

Chesta è ‘a rumba de scugnizze
ca s’abballa a tutte pizze…
Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze,
ca te fanno duje carizze
pe’ te fá passá ‘e verrizze…
Strette ‘e mane, vase e frizze…
Pruove gusto e te ce avvizze,
cchiù te sfrine e cchiù t’appizze…
Comm’a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze…
Chest’è ‘a rumba d
e scugnizze!

‘O rilorgio, mo capisco,
pecché ‘o cerco e nun ‘o trovo…
steva appiso…E’ ghiuto ô ffrisco:
c’è rimasto sulo ‘o chiuovo…

‘O chiuovo i’ tengo!
Cic – cic – cic – cí…

Belle ‘ammere!
Cic – cic – cic – cí…

Scarole ricce pa ‘nzalata!
Cic – cic – cic – cí…

Fenócchie!
Cic – cic – cic – cí….

‘O spassatiempo!
Cic – cic – cic – cí…

Mo te ccoglio e mo te vvengo!
Cic – cic – ci – cí…

Gué, ll’aglie!
Cic – cic – cic – cí…

Chesta è ‘a rumba de scugnizze…
Assettáteve, assettáteve!
ca s’abballa a tutte pizze…
‘O quadrillo e ‘a figurella!
Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze…
‘O mastrillo e ‘a rattacasa!
ca te fanno duje carizze…
Quant’è bello ‘o battilocchio!
Pruove gusto e te ce avvizze…
Pe’ chi tene ‘a moglie pazza!
Cchiù te sfrine e cchiù t’appizze…
Quatto sorde, ‘o fenucchietto!

Comm’a tanta pire nizze…
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin’a quanno nun scapizze!
Chesta è ‘a rumba de scugnizze!

Puparuole e aulive…
Magnáteve ‘o cocco, magnáteve ‘o cocco!
Rrobba vecchia…
Pallune pallésse, pallune pallésse!
‘E mellune chine ‘e fuoco…
Na bona marenna, na bona marenna!
Cotogne…
Gelati, gelati, gelati, gelati!
Conciatièlle…
‘A pizza cu ‘alice, ‘a pizza cu ‘alice!
Furno ‘e campagna…
‘E lazze pe scarpe, ‘e lazze pe scarpe!
Do ciardino, tutte secche…
‘A capa d
o purpo, ‘a capa do purpo!
‘O Roma!…

Chella bella Mamma do Cármene vo ppava:
Nun mm
o ppòzzo faticá!…

E’ bellella ‘a paparella!
Accattateve ‘e piatte!
Seje tuvaglie cinche lire!
N’ata pianta po salotto!
Nocelline americane!
Tengo ‘o ggrano p
a pastiera!
Pacchianè’, chi so ppenzava?
Tiene chistu campo ‘e fave!
Cicchignacco ‘int
a butteglia!
‘O zi’ monaco ‘mbriacone!
‘O vveleno pe scarrafune!
‘A dummeneca addó’ t
a faje?

Comm’a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze!

Chest’è ‘a rumba de scugnizze!

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Dm Cm

                        G
CHESTA E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

                     Cm
CA S'ABBALLA A TUTTE PIZZE

                             Fm
TRUOVE 'E DDAME 'MPIZZE 'MPIZZE

                        G
CA TE FANNO DUJE CARIZZE


STRETTE 'E MANE VASE E FRIZZE

                     Cm
PRUOVE GUSTO E TE CE AVVIZZE

                     Fm
COMM'A TANTA PIRE NIZZE


TE NE SCINNE A SGHIZZE A SGHIZZE

                        Cm
FINO A QUANNO NUN SCAPIZZE


CHEST'E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

'O SPASSATIEMPO BELL''E 'AMMERE

                          Fm
MO T''E CCOGLIO E MO T''E VVENGO

      Cm
GUE', LL'AGLIE

                      G
CHESTA E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

                     Cm
CA S'ABBALLA A TUTTE PIZZE

                             Fm
TRUOVE 'E DDAME 'MPIZZE 'MPIZZE

                        G7
CA TE FANNO DUJE CARIZZE

PRUOVE GUSTO E TE CE AVVIZZE

                          Cm
CCHIU' TE SFRINE E CCHIU' T'APPIZZE

                       Fm9
'O RILORGIO MO' CAPISCO

PECCHE' 'O CERCO E NUN 'O TROVO

                        Cm
STEVA APPISO E' GHIUTO 'O FFRISCO

                                  C F
C'E' RIMASTO SULO 'O CHIUOVO, SEH   





 C
'O CHIUOVO I' TENGO FURNO 'E CAMPAGNA

                    F
D''O CIARDINO TUTTE SECCHE

       C
COTOGNE

                   G
CHESTA E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

                     Cm
CA S'ABBALLA A TUTTE PIZZE

                             Fm
TRUOVE 'E DDAME 'MPIZZE 'MPIZZE

                        G7
CA TE FANNO DUJE CARIZZE

PRUOVE GUSTO E TE CE AVVIZZE

                          Cm
CCHIU' TE SFRINE E CCHIU' T'APPIZZE

                     Fm9
COMM'A TANTA PIRE NIZZE

TE NE SCINNE A SGHIZZE A SGHIZZE

                        Cm
FINO A QUANNO NUN SCAPIZZE

                                      C F
CHEST'E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE, SEH   





C
CONCIATIELLE RROBBA VECCHIA

                         F
'E MELLUNE CHINE 'E FUOCO

       C
'O ROMA

                   G
CHESTA E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

                     Cm
CA S'ABBALLA A TUTTE PIZZE

                             Fm
TRUOVE 'E DDAME 'MPIZZE 'MPIZZE

                        G7
CA TE FANNO DUJE CARIZZE

PRUOVE GUSTO E TE CE AVVIZZE

                          Cm
CCHIU' TE SFRINE E CCHIU' T'APPIZZE

                     Fm9
COMM'A TANTA PIRE NIZZE,

TE NE SCINNE A SGHIZZE A SGHIZZE,

                        Cm
FINO A QUANNO NUN SCAPIZZE

                                 C F C F
CHEST'E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE       





C                       G
CHESTA E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

                     Cm
CA S'ABBALLA A TUTTE PIZZE

                          Fm
TRUOVE 'E DDAME, 'MPIZZE 'MPIZZE

                        G7
CA TE FANNO DUJE CARIZZE

PRUOVE GUSTO E TE CE AVVIZZE

                          Cm
CCHIU' TE SFRINE E CCHIU' T'APPIZZE

                     G#m
COMM'A TANTA PIRE NIZZE

TE NE SCINNE A SGHIZZE A SGHIZZE

                        Cm
FINO A QUANNO NUN SCAPIZZE

CHEST'E' 'A RUMBA D''E SCUGNIZZE

***

‘A scuppettella d’oro – Ferdinando Russo

Testo Della Poesia

‘A scuppettella d’oro – Ferdinando Russo

Sempe ca n’ ata vota me ‘nnammoro,
e v’ ‘o ddico cu ‘a risa e cu ‘a pazzia,
me voglio fa’ na scuppettella d’ oro
pe’ tirà sempe nfronte a nenna mia.
E tanto ‘a tiro nfronte, e tanto faccio,
anfino a quanno nun me cade mbraccio,
anfino a quanno nun me dice: – Aiuto!
È stato ‘Ammore tuio ca m’ ha feruto!

 

‘A serenata ‘e Pulicenella – Canzoni Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘A serenata ‘e Pulicenella – Canzoni Napoletane

 

* Massimo Ranieri1974 Napulammore
* Il Giardino dei Semplici1995 Ed è subito Napoli
* Gigi Finizio1999 Le classiche napoletane vol.1 – 2

 

 

E stó’ aspettanno cu stu mandulino
ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna…
mme só’ nascosto dint’a nu ciardino,
pe’ nun ‘o ffá assapé
ca só’ semp’io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bene!
Te voglio tantu bene!
To ddico zittu, zittu,
zittu, zitto…
ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
pò sentí:
“Te voglio bene!”

Mme metto scuorno ‘e fá sapé a ll’amice
ca “tinco tinco” torno e faccio pace.
Si ‘appura ‘a gente, Napule che dice?
Ca mme vvoglio fá fá,
sott’a chist’uocchie, cierti ‘nfamitá?

Te voglio tantu bene!

Na vota ero ‘o cchiù guappo ‘e ll’Arenella:
tenevo ‘nnammurate a mille a mille…
e mo mme faje chiammá “Pulicenella”…
Ma tu ce pienze o no,
ch’évo nu guappo – guappo overo – e mo?

Te voglio tantu bene!

 

 

 

‘A spata tummaschina – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A spata tummaschina – Ferdinando Russo

M’ aggia abbuscà na spata tummaschina
comm’ a chella chiammata Turlindana;
na bella spata guappa e palatina,
già maniata da na bella mana!
Le voglio fa’ caccià na ponta fina,
ca spertusasse na muntagna sana,
accussì, sulo cu na mano stesa,
io spertusasse ‘o core a chella mpesa!

 

 

‘A stella… – Poesia Romana

Testo Della Poesia

‘A stella… – Poesie Romane

Tornavo, quella sera
Diretto verso casa.
Nun me pareva vera,
Ma viddi ‘na gran cosa:

‘Na stella camminava,
Sembranno più imponente
E appresso se portava
‘Na coda assai lucente.

Me chiesi: “ma che d’è?
Ho visto tante stelle,
Ma de più belle,
Sò sicuro, nun ce n’è!”.

Allora la seguii,
Pur anco cò timore
Ma quello che scoprii,
Me fece scoppià er core:

‘Na sposa co’ ‘no sposo,
Un bove, n’asinello
E in mezzo un ber moccioso,
Dar viso dorce e bello.

Guardanno quer visetto,
Me domannai, fra me:
“Vòi vede ch’er pupetto
È nato pe’ fà er re?”.

Quella era la stella vera,
Sarvezza de chi capisce,
Artro che ‘na cinquantina
De… Stelle colle striscie.

‘A streca nera – Ferdinando Russo

 

Testo Della Poesia

‘A streca nera – Ferdinando Russo

Mmiez’ a lu mare nc’ è na streca nera
e dint’ a nu pignato fa fatture.
Ncopp’ a na scopa, quanno scenne ‘a sera,
vola pe ll’ aria e sémmena sventure.
Pe’ chestò, ncopp’ ‘o munno annegrecate,
nce stanno tanta core sventurate,
e pe’ chesto nce stanno ‘e chiante amare
ca sanno mmocca comm’ all’ acqua ‘e mare.

 

 

‘A strina – Canzone Calabrese

Testo Della Canzone

‘A strina – Canzoni Calabresi

Senzíessere chiamati simu venuti,
ohi simu venuti,
a ri patruni ëi via li bon truvati.

ëmmienzu sa casa díoru ëna pernice,
ohi ëna pernice,
a ra signora ëa via níimperatrice.

su palazzieddru ha quattru spuntuni,
ha quttru spuntuni,
a ru patruni ëuvia ënu gran baruni.

di picciriddri ni simu scurdati,
ni simu scurdati,
ëi via patruni di tuttu lu Statu.

chi Diu vi manni tanti buoni anni,
tanti buoni anni,
quantu a ru munnu si spannanu panni.

sientu ënu strusciu a ru tavulutu,
a ru tavulutu,
è ru patrune ccu ëna supersata.

sientu ënu strusciu a ru tavulinu,
a ru tavulinu,
a ru tavulinu,è ëra signora ccuí ënu fiascu ëe vinu.

nui vi cantamu ëa strina è Capudannu,
ohi è Capudannu
e víaguramu cientu buoni anni.

nun vi spagnati ca nun simu assai,
ca nun simu assai,
ca simu trentatrie e ru cantature.

fanni na strina e falla di prisuttu,
falla di prisuttu,
si ëunníhai curtieddru dunanilu tuttu.

canta ru gaddru e scuotula ëre pinne,
scuotula ëre pinne,
vi damu ëa bona notte e jamuninne.

ma nui restamu finu a ra matina,
finu a ra matina,
si prima nuímangiamu e nun vivimu.

‘A tazza ‘e café – Canzone Napoltana

Album

È contenuto nei seguenti album:
* Renzo Arbore1999 Sud
2006 Renzo Arbore l’Orchestra Italiana at carnegie hall New York
2007 Diciottanni di… “Canzoni Napoletane” (…quelle belle)

Testo Della Canzone

‘A tazza ‘e café – Canzoni Napoletane

di (CapaldoFassone)
Interpretata da
Angela LuceClaudio VillaEddy NapoliFranco BareseGabriella FerriMaria NazionaleMaria ParisMario TreviMassimo RanieriMiranda MartinoNicola AriglianoRenzo ArboreRoberto MuroloRita ForteSergio BruniStefano Russo 

Vurría sapé pecché si mme vedite,
facite sempe ‘a faccia amariggiata…
Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,
cchiù bella, a ll’uocchie mieje, v’appresentate…
I’ mo nun saccio si ve n’accurgite!
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza ‘e café parite:
sotto tenite ‘o zzuccaro,
e ‘ncoppa, amara site…
Ma i’ tanto ch’aggia vutá,
e tanto ch’aggia girá…
ca ‘o ddoce ‘e sotta tazza,
fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!…

Cchiù tiempo passa e cchiù v’arrefreddate,
‘mméce ‘e ve riscaldá…”Caffè squisito!…”
‘o bbello è ca, si pure ve gelate,
site ‘a delizia do ccafé granito…
Facenno cuncurrenza â limunata…
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza ‘e café parite:
sotto tenite ‘o zzuccaro,
e ‘ncoppa, amara site…
Ma i’ tanto ch’aggia vutá,
e tanto ch’aggia girá…
ca ‘o ddoce ‘e sotta tazza,
fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!…

Vuje site ‘a mamma de rrepassatore?…
E i’, bellezza mia, figlio ‘e cartaro!…
Si vuje ve divertite a cagná core,
i’ faccio ‘e ccarte pe’ senza denare…
Bella pareglia fóssemo a fá ‘ammore!
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza ‘e café parite:
sotto tenite ‘o zzuccaro,
e ‘ncoppa, amara site…
Ma i’ tanto ch’aggia vutá,
e tanto ch’aggia girá…
ca ‘o ddoce ‘e sotta tazza,
fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!…


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
G D Am

G                     Gm           G
VURRIA SAPE', PECCHE' SI' M'E' VIDITE

                         Am
FACITE SEMP'A FACCI'AMARIGGIATA

D7      D
MA,VUJE QUANTA CCHIU' BRUTTA VE' FACITE

Am D9       D7
   CCHIU' BELL'ALL'UOCCHIE MIEI

F#m
V'APPRESENTATE

G      A7                          G9
IO MO' NUN SACCIO SI' VE' N'ACCURGITE

G
MA CU' 'STI MOD'E BRIGIDA

  G9
TAZZ'E CAFE' PARITE

D
SOTT TENIT 'O ZUCCHER

'EA COPP'AMARA SITE

G        E
MA,IO TANTO CA'GGIA' VUTA'

Am    D
IO TANTO CA' GGIA' GIRA'

G      D
C'O DDOC'E SOTT'A TAZZA

Am      D
FIN'A MOCCA VADDA'RRIVA'!!

G                           Gm       G
CCHIU' TIEMPO PASS'E CCHIU' V'ARREFREDDATO

                                Am
MMEC'E LLERISCALDA' CAFE' SQUISITO

D7   D
'O,BELL'E' CA' SI' PURE VE GELATO

Am D9    D7           F#m
   SIT'A DELIZIA D'O' CAFE' GRANITA

G   A7                      G9
FACENN'A CUNCURRENZ'A LIMUNATA

G
MA CU' 'STI MOD'E BRIGIDA

  G9
TAZZ'E CAFE'  PARITE

D
SOTT TENIT 'O ZUCCHER

                     G
'EA COPP'AMARA  SITE MA,IO 

   E7
TANTO CA' GGIA' VUTA'

Am    D9
IO TANTO CA' GGIA'  GIRA'

G      D
C'O DDOC'E SOTT'A TAZZA

Am      D
FIN'A MOCCA VADDA'RRIVA'!!

G                    Gm       G
VUJE SIT'A MAMMA DE' REPASSATORE

                               Am
E,IO BELLEZZA MIA FIGLI'E CARTARE

D7  D
SI' VUJE VE' DIVERTIT'A CAGNA' CORE

Am D9   D7              F#m
   IO FACCI'E CARTE PE' SENZA DENARE

G     A7                         G9
BELLA PAREGLIA FOSSEM'A FFA' AMMORE

G
MA CU' 'STI MOD'E BRIGIDA

  G9
TAZZ'E CAFE' PARITE

D
SOTT TENIT 'O ZUCCHER

'EA COPP'AMARA SITE

G        E7
MA,IO TANTO CA'GGIA' VUTA'

Am    D9
IO TANTO CA' GGIA' GIRA'

G      D                Am      D
C'O DDOC'E SOTT'A TAZZA FIN'A MOCCA VADDA'RRIVA'!!

G
E,CU' 'STI MOD'E BRIGIDA

  G9
TAZZ'E CAFE' PARITE

D
SOTT TENIT 'O ZUCCHER 'EA COPP'AMARA SITE

G        E7
MA,IO TANTO CA'GGIA' VUTA'

Am    D9
IO TANTO CA' GGIA' GIRA'

G      D                Am      D
C'O DDOC'E SOTT'A TAZZA FIN'A MOCCA VADDA'RRIVA'!!

GM7 Gsus4    G
    AH, AH!!!

***

‘A veppeta d’acqua – Ferdinando Russo

 

 

Testo Della Poesia

‘A veppeta d’acqua – Ferdinando Russo

Chisto è ‘o cunto d’ ‘a veppeta d’acqua
mmiezo ‘a via d’ ‘a Funtana Affatata,
addò mmano a li tiempe ‘e na fata
nce murette d’ammore nu Rre.
‘O zampillo pareva ‘e bbrillante
pe lu sole ca justo nce deva,
e guardanno ‘a funtana, pareva
nu tesoro ‘e brillante vedé!
Na matina stu Rre de stu cunto,
sulo sulo, passava a cavallo;
se senteva ‘o cantà de nu gallo
e na stella tardava a sparì.
D’ ‘a funtana partette na voce:
«Bellu Rre, ma pecché nun scennite?
P’ ‘o cammino ca fatto già avite,
nun sentite la sete venì?»
«Tengo sete, ma è sete d’ammore,
funtanella; e ‘a frischezza che tiene
nun abbasta a ssanà tutt’ ‘e ppene
c’ ‘o Destino m’ha fatto pruvà!
So’ tre anne, tre mise e tre juorne
ca na spina int’ ‘o core fa sanche,
ca sti ggamme e sti bbracce so’ stanche
e chist’uocchie se stanno ‘abbruscià! »
«Bellu Rre, va, scennite e li labbre
accustate a chest’acqua ch’è doce…
— rispunnette da l’acqua na voce —
‘a Funtana Affatata chest’è!
Ccà na vota vevette Rinaldo
tutt’ammore p’Angelica ‘a Bella,
ccà na vota scennette d’ ‘a sella
Bradamante, e se sape ‘o ppecché!
E si Angelica aveva vevuto
e chell’ata funtana malegna
addò ‘a Fata d’ ‘o mmale nce regna,
‘o Destino vulette accussì! »
‘Ncielo ‘a stella se n’era trasuta,
ma lu gallo, c’ancora cantava,
pe tramente lu Rre s’accustava,
suspennette lu chichirichì.
Nun vulava pe’ ll’aria n’arillo,
nun passava na réfola ‘e viento,
sulamente luceva l’argiento
ncopp’ ‘a bella armatura d’ ‘o Rre,
c’accustanno li llabbre ‘a funtana
se facette cchiù janco d’ ‘a cera,
po’ cadette, e da sotto ‘a visiera
nzerraie ll’uocchie pe mai cchiui vedé!
Chisto è ‘o cunto d’ ‘a véppeta d’acqua
mmiezo ‘a via d’ ‘a Funtana Affatata;
io, p’averte sultanto guardata,
sto murenno d’ammore pe tte!

 

 

‘A vita – Eduardo De Filippo

 

Testo Della Poesia

‘A vita –  Eduardo De Filippo

1931

Io songo nat’ ‘o millenoviciento
e tengo n’anno.
Tu sì d’ ‘o sittantotto
e n’anno tiene.
Chillo che dice: “Sò arrivato a ciento!”
tene n’anno pur’isso.

‘O calannario nun ‘o date retta.
‘O calannario è n’atu scucciatore,
ca vuluntariamente
nce ‘accattammo
nuje stesse
e nce’ ‘o piazzammo
vicin’ ‘o muro
religiosamente.

‘A vita dura n’anno.
Tutto ‘o ssupierchio è na supirchiaria.
o, cumme fosse, inutile…
Dicimmo a lengua nosta:
“È p’ingiaria!”

Tu, quanno nasce, allora è primmavera.
E tutt’ ‘o vverde nuovo
‘e chelli ffoglie nove
è na speranza!
È tutta na speranz’ ‘e vita allera.
Vide tanta faccell’ ‘e criature
ch’ ‘e scuffie culurate:
sò tutt’ ‘e ccriaturelle nate morte,
ca tenen’ ‘o permesso,
na vota all’anno,
‘e s’affaccià p’ ‘o munno…
E teneno diritto a ‘o primmo sole:
sò è primme viole!

Pò schiòppene garuofene schiavune
e giesummin’ ‘e Spagna.
‘A miez’ a mille sciure,
ca sò ‘e mille sciure,
ca sò ‘e mille culure,
ru sciglie ‘a margarita,
ca t’add’accumpagnà
pè tutta ‘a vita.
E; comme ch’è nu sciore
busciardo e traditore,
te dà ‘o primmo delore…
te dice: “No!”

Te scite na matina e ‘o sole coce.
Coce pecché è ll’està.
Te scite e durmarisse n’atu ppoco,
ma dint’ ‘o lietto nun ce se pò sta.
Nfra veglia e suonno,
ll’uocchie mieze nchiuse,
stienne na mana
e cuoglie na cerasa.

‘A sera, ‘o ppoco ‘e frisco
e nun t’adduorme… pecché nun può durmì.
Pienze che vene autunno,
e tu ce pienze
pecché, pò doppo, vierno adda venì.
‘E penziere sò assaie,
t’addubbechie.
Sient’ ‘a voce ‘o puntone:
“Chin’ ‘e fuoco!”
Ma par’ ‘o boia ca taglia
e quanno taglia, sott’ ‘a curtella,
schioppa nu mellone.

Vene l’autunno te lass’ appecundruto.
Già miezo cunzumato
te trova vierno.
acqua, trònole e viento,
e tu nzerrat’ ‘a dinto:
broro vullente!

Spara sti botte,
alluma sti bengale;
arrust’ ‘e capitune,
ch’è Natale!…
Ncoll’ ‘e pasture!…

Ca mpunto mezanotte,
nasce ‘o Bammino.
Chella, mamma, è devota,
perciò nasce ‘o Bammino.

Sti Bammeniello nasce n’ata vota?
Lassat’ ‘o j’…
Chillu stesso martirio ‘e quanno è nato
l’adda turnà a suffrì?

‘A vita dura n’anno.
Tutt’ ‘o ssupierchio è na supirchiaria.
È, comme fosse, inutile
Dicimm’a llengua nsota:
È p’ingiaria.

 

‘A vuò cchiù bene ‘e me – Poesia

Testo Della Poesia

‘A vuò cchiù bene ‘e me di Alfredo De Lucia

Quase ogni ghjuorno scene ‘e gelusia.

– Pur’ogge ‘o fazzoletto chino ‘e russo? –

Muglierema ne fa ‘na malatia

e cchiù ‘e ‘na vota me vo’ spaccà ‘o musso.

– Ma pecché me faje chesto, pe’ sapé?

mentr’io m’accido d”a matina a’ sera.

Vurria sapé che tene meglio ‘e me,

ca tu mo lasse ‘o meglio ‘e sta mugliera! –

Io lle risponno: – Che nce pozzo fa’?

si quanno ‘a veco, no, nun nce resisto…

È accussì doce, ca me fa dannà:

è ‘a cosa cchiù carnale ca nc’esiste.

– Intanto io stongo pronta a t’aspettà –

essa me dice cu na brutta cera

– e tu ogni ghjuorno me vuò traccheggià –

Overo, have ragione sta mugliera!

E mentr’io cerco ‘e lle fa scurdà ‘o fatto,

essa, cu na guardata chiena ‘e stizza,

m’afferra e po’ mme dice all’intrasatto:

– Pur’ogge, carugnò t’hê fatto ‘a pizza? –

‘A « si loca » – Guido De Martino (Poesia)

Testo Della Poesia

‘A « si loca » di Guido De Martino

‘Na vota, ‘o quatto ‘e Maggio, c’era ll’uso,‘e cagnà casa, tanto pe’ cagnà.

Chella jurnata ‘nu zeffunno ‘e cose,

ncopp”e ccarrette, vedive ‘e carrià:

‘n’armadio ‘e noce, ‘nu cummò c”o specchio

‘nzieme ‘o cufenaturo e ‘o lietto attone,

‘na cristalliera, ‘na pultrona vecchia,

‘a tavula cu ‘e sseggie e ‘nu stipone.

Po’ ‘o vacile, ‘o panaro, ‘e ffurnacelle,

‘e matarazze ‘e lana, ‘nu lampiero,

‘nu santo ‘int”a campana, ‘e mmappatelle,

‘a ratiglia, ‘o ventaglio e ‘nu vrasiere.

Era ‘nu vaie e viene ‘e carrettelle

ca se vedeva a Napule p”e vvie;

Chi jeva a Capemonte, chi Arenella,

chi jeva ‘e casa ‘o Vasto (a’ Ferrovia).

Tiempe felice ‘e ‘n’epuca cchiù bella,

‘e bbona ggente, ca campava ‘e poco;

quanno pe’ s’affittà ‘na casarella

s’aveva sulo scegliere ‘a Si Loca.

‘E cerase – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘E cerase – Canzoni Napoletane

Antonio Buonomo – Massimo Ranieri – Salvatore Di Giacomo – Sergio Bruni

Abbrile abbrile mieze fronne ‘e rose
vaco vennenno o frutto e chisto mese
cacciata ‘a capa
femmene cianciose
io donco ‘a voce e vuie
facite ‘a stesa
frutto nuviello
e mese ‘e paraviso
collera ncuorpo a nuie
nun ce ne trase
‘E cerase
‘E cerase
L’anno passato
‘o tiempo d
e cerase
facevo ammore cu na purticesa
abbascio o Granatiello
steva e casa
e’ a chiammavano
Rosa vrucculosa
Belli tiempe
de lacreme e de vase
Ogni lacreme quante a na cerase
ogni cinche minutele nu vasa
‘E cerase
‘E cerase
Mo c’aggia fa
Se so cagnate ‘e ccose
e m’ha licenziato chella ‘mpesa
E’ arrivato
nu legno genuvese
e ‘o capitano ha ditto ca s’a sposa
Capitano d’o legno genuvese
addo’ t’a puorte a bella purticese
‘E cerase
cacciata ‘a capa
femmene cianciose
io donco ‘a voce
e vuie facite ‘a stesa
‘E cerase ‘e cerase
abbrile e’ o mese
e uno se scorda
meliune ‘e cose
Capitano d’o legno genuvese
a me nun me ne porta ca t’a spuse
me daie na voce a n’ata pare ‘e mise
‘E cerase
a me nun me ne mporta ca t’a spuse
me daie na voce a n’ata pare ‘e mise
‘E cerase
‘E cerase


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
F#m Bm6

F#m Bm6 F#m



ABBRILE, ABBRILE

MMIEZ' 'E FRONNE 'E ROSE

VACO VENNENNO 'O FRUTTO 'E CHISTU MESE



            Bm               F#m
CACCIATE 'A CAPA FEMMENE CIANCIOSE

      Bm                        F#m
IO DONCO 'A VOCE E VUIE FACITE 'A STESA





             Bm6
FRUTTO NUVIELLO

           Bm
D''O MESE 'E PARAVISO

                  F#m
COLLERA NCUORPO A NUIE NUN CE NE TRASE



'E CCERASE

'E CCERASE





       A
L'ANNO PASSATO

                  F#m
'O TIEMPO D' 'E CERASE

       A                 F#m
FACEVO AMMORE CU NA PURTICESA



            G                  F#m
ABBASCIO 'O GRANATIELLO STEVA 'E CASA

            Bm               A
E 'A CHIAMMAVANO ROSA 'A VRUCCULOSA

          C#                 C#7
BELLI TIEMPE DE LACREME E DE VASE



       F#m
OGNI LACREME QUANTA A NA CERASA

OGNI CINCHE MINUTE LE NU VASO

'E CCERASE

'E CCERASE

       Bm     F#m
(Instrumental)

Bm6



F#m

MO C'AGGIA FA

SE SO' CAGNATE 'E CCOSE

E M'HA LICENZIATO CHELLA 'MPESA



         Bm              F#m
E' ARRIVATO NU LEGNO GENUVESE

     Bm                        F#m
E 'O CAPITANO HA DITTO CA S''A SPOSA





      Bm6
CAPITANO D''O LEGNO GENUVESE

                   F#m9
ADDO' T''A PUORTE 'A BELLA PURTICESE

'E CCERASE



          A              F#m
CACCIATE 'A CAPA FEMMENE CIANCIOSE

          A                       F#m
IO DONCO 'A VOCE E VUIE FACITE 'A STESA





       Bm
'E CERASE 'E

               F#m
CERASE ABBRILE E' 'O MESE

         Bm6               A
E UNO SE SCORDA MELIUNE 'E COSE

      C#7
CAPITANO D''O LEGNO GENUVESE

         F#m
A ME NUN ME NE MPORTA CA T''A SPUSE

                  F#m9
ME DAIE NA VOCE A N'ATO PARE 'E MISE

      F#m
'E CCERASE



A ME NUN ME NE MPORTA CA T''A SPUSE

                  F#m9
ME DAIE NA VOCE A N'ATO PARE 'E MISE



'E CCERASE

        C#
'E CCERASE

      F#m
'E CCERASE...



 Bm C# F#m Bm9 F#m Bm9 F#m                 



***

‘E figlie – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘E figlie – Canzoni Napoletane

(Ferdinando AlbanoLibero Bovio)

Mario Merola

PARLATO

FACITEM’ACCAPI CA IE SO GNURANTE CHE SO STI CARTE E CHE VULI’TAME’

PARLATE CHIARE NAZZ’ATTUTE QUANTE……CA TUTTE VONNE SENTER’ESSAPE’

CHIE STU PICCERELLI E O FIGLE MIO

MO SO LIVAT’AVOCCA PE CIO DD’A’CHELLE CA SA’CRISCIUTE SO STATIO

E NUN CE LEGGE CA MO PO LIVAAAA

CANTATO

SIGNOOOOOOOO

E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIZZ’ECORE

E NUN SANN’ALASSA

CHESTE L’EFATTE TU CA SI SIGNORE MA NU PEZZENTE CHESTE NUNN’OFFA’

PARLATO

DENARE E CAGGIA FA CU STI DENARE

IE CA FATICHE CHE ME NAGGIA FA’……..

AMO CAPISCE TU A STI L’ACREME AMARE TU CE VUO DA NU PREZZE E BBUO PAVA’

E VUIE CA STATE ATTUORNE NUN PARLATE

E TU NINNELLU MIO CHE DICE TU ALEGGE DICE CA CHISTE MO TE’PATE

E IE NUN SO NIENTE NUN SO NIENTE CHIU

CANTATO

SIGNOOOOOOO

E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIEZZ’ECORE

E NUN SANN’ALASSA’

CHESTE L’EFATTE TU CA SI SIGNORA MA NU PEZZENTE CHESTE NUNN’OFFA’

PARLATO

OJE NINNU MIO ME LASSE TE NE VAIE

E TU TE SCUORD’EME E IE COMME FACCE CORE MIO

TUOSSAIE IE COPP’OMUNNE TENGO SUL’ATTE’

ASTRIGNE FORTE FORTE STI BBRACCELLE

E NUN ME L’ASSA NUN ME PUO L’ASSA

STASERE SO CHIU BELLE STUOCCHE BELLE E ME GUARDENE QUASI QUASI CU PPIETA

CANTATO

SIGNOOOOOO

E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIZZE’OCORE

E NUN SANN’ALASSAAAA

PARLATO

TE PUORTATELLE TU CA SI SIGNORA

L’URTEMA VOTA MO VUO FA BBRACCIAAAA


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Dm F A# Dm Gm9 Dm D#

PARLATO


Dm
FACITEM'ACCAPI CA IE SO GNURANTE CHE SO STI CARTE E CHE VULI'TAME'

Am                                     Dm
PARLATE CHIARE NAZZ'ATTUTE QUANTE......CA TUTTE VONNE SENTER'ESSAPE'



Am                               A
CHIE STU PICCERELLI E O FIGLE MIO

Dm                             A                               Dm
MO SO LIVAT'AVOCCA PE CIO DD'A'CHELLE CA SA'CRISCIUTE SO STATIO

F6                             Am Dm A
E NUN CE LEGGE CA MO PO LIVAAAA      


CANTATO

            Dm
SIGNOOOOOOOO

A#                                   Dm Am
E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIZZ'ECORE   

Dm               Am
E NUN SANN'ALASSA

Gm                               A                               A# Dm Gm6 Dm D#
CHESTE L'EFATTE TU CA SI SIGNORE MA NU PEZZENTE CHESTE NUNN'OFFA'             



PARLATO

Dm                              A#7 A#
DENARE E CAGGIA FA CU STI DENARE    

Dm
IE CA FATICHE CHE ME NAGGIA FA'........

Am                                                                     Dm
AMO CAPISCE TU A STI L'ACREME AMARE TU CE VUO DA NU PREZZE E BBUO PAVA'

Am                                  A
E VUIE CA STATE ATTUORNE NUN PARLATE

Dm                            A
E TU NINNELLU MIO CHE DICE TU ALEGGE DICE CA CHISTE MO TE'PATE



Dm                 F6
E IE NUN SO NIENTE NUN SO NIENTE CHIU


CANTATO



Dm

A          Dm
SIGNOOOOOOO

A#                                    Dm Am
E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIEZZ'ECORE   



Dm                Am
E NUN SANN'ALASSA'

Gm                               A                               A# Dm Gm6 Dm D#
CHESTE L'EFATTE TU CA SI SIGNORA MA NU PEZZENTE CHESTE NUNN'OFFA'             



PARLATO



Dm                               A#7
OJE NINNU MIO ME LASSE TE NE VAIE

A#                 Dm
E TU TE SCUORD'EME E IE COMME FACCE CORE MIO



Am                                     Dm
TUOSSAIE IE COPP'OMUNNE TENGO SUL'ATTE'

Am                                 A
ASTRIGNE FORTE FORTE STI BBRACCELLE

Dm                               A
E NUN ME L'ASSA NUN ME PUO L'ASSA

Dm                                   F6                                 Am Dm
STASERE SO CHIU BELLE STUOCCHE BELLE E ME GUARDENE QUASI QUASI CU PPIETA 

  


CANTATO


A         Dm
SIGNOOOOOO

A#                                    Dm Am
E FIGLIE OSSAIE CHE SSO SO PIZZE'OCORE   

Dm                  Am
E NUN SANN'ALASSAAAA




PARLATO



                               Gm A
TE PUORTATELLE TU CA SI SIGNORA   

A#                                 Dm
L'URTEMA VOTA MO VUO FA BBRACCIAAAA

***

‘E piccerille – Nino D’Angelo

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘E piccerille – Nino D’Angelo

Nasceno dint’è dulure
e chi è stato criaturo primm’e lloro
e se misurano sempe ogni juorno che passa
se sentono gruosse
fruttto e chi se vò bene
o chi na notte pe fa passà o tiempo
s’è miso a pazzià cu e sentimente
e nun cunoscene ancora si o munno
è de preta o nu piezzo e cartone

Vivono miez’e carezze e surrise da gente
miez’e strade
e quanno se fa notte,
dint’o lietto primma e se addurmì
se fanno a croce e parlano cu Dio

E piccerille so e piezz’e na stella
ca sò cadute d’o cielo ccà ‘nterra
E piccerille sò a cosa cchiù bella
e fanno vencere a pace cu a guerra
E piccerille sò a luce int’o scuro
ce fanno ridere dint’a paura
E piccerille sò e figlie d’a vita
E piccerille sò e viecchie e dimane

Chiagneno ncuollo e bugie
ca t’hanno cuntento pe farte sta buone
e nun te guardano nfaccia
mantenene o punto si nun e perduone
credeno dint’e favole
e si o diavolo se vò mangià
chill’angiulillo nun è fà sbaglià
e quanno teneno a freva
nun vonno sta sule te vonno vicino
cull’uocchie chiene e paura
e cu a voce affugata te cercano aiuto
e sanno o passo tuoie
quanno a sera tuorne a faticà
e truove areta a porta a t’aspettà

E piccerille so e piezz’e na stella
……………………………..
……………………………..
E piccerille cadeno pe scale
e Dio d’o cielo nun e fà fa male

 

‘L rivarà – Ivan Della Mea

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘L rivarà di Ivan Della Mea

Io so che un giorno
verrà da me
un uomo bianco
vestito di bianco
e mi dirà
mio caro amico
tu sei stanco
e la sua mano
con un sorriso mi darà……e tutto cominciò col pendolare
steso per terra nebbia primavera
le labbra viola dure a biascicare
e l’occhio vecchio fisso nella sera.

“Ho lavorato”, disse, era sereno,
“per tutto il giorno proprio in questa via
poi vino grappa poi ho perso il treno
ho perso i soldi dentro l’osteria.

La donna l’ho già persa nel sessanta
il figlio su una mina dopo guerra
ho perso il treno delle sei e quaranta
lasciatemi dormire qui per terra.

Ma un giorno ‘l rivarà anca per noi”,
lo guardo: “Chi è che arriva?”, chiedo io
“I giusti”, disse, “i martiri, gli eroi,
van bene tutti, merde, Stalin, Dio.”

E allora io non seppi cosa dire
La sua ragione forse era mio torto
gli diedi in colpa diecimila lire
gli dissi, “Scusa, sai, l’eroe è morto.

L’eroe è morto proprio questa sera
con l’occhio duro appeso ad asciugare
e chi l’ha ucciso nella primavera
in fondo è soltanto un pendolare.”

Dalla mia finestra io non vedo più gli eroi
Dalla mia finestra oggi io vedo solo
e facce e occhi e corpi e teste di gente come noi,
dalla mia finestra io non vedo più gli eroi

Dalla mia finestra io non vedo più gli eroi
Ma assai più spesso l’umano fesso
su da dio per eccesso giù da bestia che è lo stesso
quel che volete certo non più gli eroi

E ora a casa vuoto nella testa
mi affaccio sulla via Montemartini
mia moglie è con me alla finestra
mi dice: “C’è la Rita nei giardini”.

La Rita dell’amore, donna Rita
a modo suo è una pendolare
d’inverno chiusa a Villa Fiorita
ed ora al campo giochi ad aspettare

Ad aspettare non si sa che cosa
con un sorriso e con in mano un fiore
lo stesso fiore, un torsolo di rosa
“son Rita”, canta, “e voglio un po’ d’amore.

Auf wiedersehen ancora amore mio
auf wiedersehen ancora dalla Rita
auf wiedersehen a tutti anche a dio
arrivederci a Villa Fiorita.”

E resto lì col vuoto nella testa
e l’occhio perso in via Montemartini
mia moglie piano chiude la finestra
la chiude sulla Rita e suoi giardini

E resto lì col vuoto nella testa
e l’occhio perso in via Montemartini
mia moglie piano chiude la finestra
la chiude sulla Rita e suoi giardini.

 

‘N attimo de vita – Franco Califano

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1972 N’ Bastardo venuto dar sud
1999 Le più belle canzoni di Franco Califano

Testo Della Canzone

‘N attimo de vita – Franco Califano

(di: Franco Califano)

M’hanno fregato ‘n attimo de vita
ma io l’ho preso come un brutto sogno.
Te devi mette in testa che è finita
io delle colpe mie nun me vergogno
Me stai attaccata ma te viè da piagne
so’ ritornato nun te preoccupà..

Piagni,
si te fa bene piagni
fa quello che voi fa,
ma nun t’allontanà da me
Strigni,
si me voi bene strigni
e si te dico va,
tu nun me devi sta a sentì….

Nun me te fa vedè così avvilita
me fai sentì colpevole de più
M’accusano de avette rovinata
ma quello che t’ho dato lo sai tu,
io vado avanti e pago pe’ sarvatte
pe’ ditte questo fallo e quello no…

Piagni,
si te fa bene piagni
fa quello che voi fa,
ma nun t’allontanà da me..

Piagni,
si te fa bene piagni
fa quello che voi fa,
ma nun t’allontanà da me….

 

‘N’ammore sfurtunato – Giuseppe Albano

 

 

Testo Della Poesia

‘N’ammore sfurtunato – Giuseppe Albano

Nuje ce vulimmo bene

ma nun facimmo ammore

pe’ via d’e genitore

ca nun te fanno ascì.

E tu staje dint’a casa

t’affacce e guarde fore

e sempe, a tutte ll’ore

llà abbascio ce stongh’io.

Cca passo ‘e juorne sane

‘nnanze a ‘sta fenestella

addò ‘na nenna bella

s’affaccia e guarda a me.

E chesta è ‘a vita mia,

pe’ me chist’è l’ammore,

tu dinto e io lloco fore

senza puté parlà.

E se po’ chiammà ammore

stu bene sfurtunato?

‘Nfaccia m’haggio asciuttato

‘na lacrema pe’tte.

 

 

‘Na camicetta blu – Gigi Finizio

Album

È contenuto nei seguenti album:
1994 Crescendo nell’amore

Testo Della Canzone

‘Na camicetta blu – Gigi Finizio

Chiove..tutt’anfosa tuorn’a casa toja
sola te pripare ‘a cena e rieste sola
annanz’a ‘na televisione
int’a nu film vole chistu core
sognando un grande amore
ca tu aspiette ma nun vene maje’na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
me ricord’arravutav’a Piazza do’ Gesù
i’ sultant’ me senteve ‘nnamurat’e te
e nisciun’int’all’uocchie te puteve ave’
e te vuleve bbene..comme te vogli’ bbene

‘na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
porte sempe rint’o core’a Piazza ro’ Gesù
ce vereveme annascuso..mò a chi veche cchiù
trov’e ccose trov’a ggente ma ce manche tu
comme te vogli’ bbene comme te vogli’ bbene

Dimme..si me pienze ancora o t’e scurdate
nuje..nuje duje panne viecch’e cunsumate
io che cercavo un’emozione
trovai una storia fatta di cartone
e mò te penze comm’a ‘na canzona
ca nun more maje

‘na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
me ricord’arravutav’a Piazza do’ Gesù
i’ sultant’ me senteve ‘nnamurat’e te
e nisciun’int’all’uocchie te puteve ave’
e te vuleve bbene..comme te vogli’ bbene

‘na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
porte sempe rint’o core’a Piazza do’ Gesù
ce vereveme annascuso..mò a chi veche cchiù
trov’e ccose trov’a ggente ma ce manche tu
comme te vogli’ bbene comme te vogli’ bbene

‘na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
ce vereveme annascuso..mò a chi veche cchiù
porte sempe rint’o core’a Piazza do’ Gesù
vech’e ccose vech’a ggente ma ce manche tu
comme te vogli’ bbene comme te vogli’ bbene

‘na faccella nera nera e ‘a camicetta blu
me ricord’arravutav’a Piazza do’ Gesù
i’ sultant’ me senteve ‘nnamurat’e te
e nisciun’int’all’uocchie te puteve ave’
e te vuleve bbene..comme te vogli’ bbene
e te vuleve bbene..comme te vogli’ bbene

testo trascritto da marosacor

 

https://youtu.be/FjzfPEbFUCM

 

‘Na festa ‘e maggio – Carmine Capasso

 

Testo Della Poesia

‘Na festa ‘e maggio – Carmine Capasso

 

Rose senza cchiù vita, arravugliate

dint”e carte veline, stanno esposte

dint’a tutte ‘e vetrine, apparicchiate,

p”a festa ‘e tutte quante ‘e mmamme noste.

Sciarpette ‘e seta, cullanelle ‘argiento,

‘nu core ‘e ciucculata appiso â corda:

so’ ccusarelle ca nun vanno niente,

ma iéncheno ‘a cascetta d”e ricorde.

I’ m’addimanno, ma che festa è chesta?

Nu curre curre, basta ca se spenne

sceglienno a ccaso mmiezo a ‘sta menesta:

‘o bbene, ‘o cchiù carnale, nun se venne.

E tutte ll’ati juorne ‘e n’anno sano?

Simme sicure ca facimmo ‘o stesso?

E ‘e chesta paccuttiglia che rummane?

Carta ndurata e scatule ‘e prumesse.

Ma quanno guardo ncielo, verz”e stelle,

me sento dint”o core ‘nu currivo:

‘sta festa ‘e Maggio, fatta ‘e cusarelle,

l’haggio perduta nzieme a mammà mia.

 

 

‘Na Gulia – Canzone calabrese

Testo Della Canzone

‘Na Gulia – Canzoni Calabresi

Donna:
Tata ca muoru, ca muoru, ca muoru
ppe ëna gulia cí allí uortu ci sta .

Uomo:
Figlia vulissi ëna bella ficu
ca vaju allíuortu e tíëa vaju a piglià.

Donna:
Ohi cum’è ciuotu su tata miu
ca nun canuscia sa malatia.

II
Donna:
Tata ca muoru…. ( ecc.)…

(si ripete tutto come la prima parte,
cambianto in ogni strofa gli ortaggi ):
Uomo:
figlia vulissi ëna milungiana….
… ënu cucuzzieddru…
… ënu pimmaduoru…
… ënu citrulicchiu… ecc..

Per finire:
Donna:
Tata ca muoru, ca muoru, ca muoru
ppe ëna gulia cíallí uortu ci stà.

Uomo:
figlia vulissi ohi lí uortulanu
ca vaju allí uortu e tí ëu vaju a chiamà.

Donna:
Ohi cumíè spiertu su tata miu
cí ha canusciutu sa malattia
(2 volte)

https://www.youtube.com/watch?v=pbRg_GDOb4A

‘Na parola ‘e gelusia – Gianni Celeste

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Canzoni d’amore e di mala

Testo Della Canzone

‘Na parola ‘e gelusia – Gianni Celeste

IO NUN T’AGGIU LASSATE AMMORE MIO
PE N’ATA FEMMENA,
MA FU PE N’AMBASCIATE ‘E GELUSIA
‘NA FREVA ‘E FUOCO
‘CA SULO CHI VO’ ‘BBENE PO’ CAPI’.

Rit: FAMME SENTERE ANCORA ‘NA VOTA
‘CA MUORE D’AMMORE SULTANNO PE ‘MME’,
‘E IO TE GIURO CA PURE STU ‘CORE
CAMPA E ‘MMORE SULTANNO PE ‘TTE.

MA CHE SONGH’ E RICCHEZZE D’O’ MUNNO
SENZA ‘O ‘DDOCE
‘E STA’ VOCCA PE ‘MME’.

FAMME SENTERE ANCORA ‘NA VOTA
‘CA MUORE D’AMMORE SULTANNO PE ‘MME’,
‘E IO TE GIURO CA PURE STU ‘CORE
CAMPA ‘E ‘MMORE SULTANNO PE ‘TTE’.

SECONDA STROFA

NUN SO’ NUTTATE CHELLE ‘CA PASS’JE
AMMORE CREDEME,
PENZANNO ‘A TTE’ S’APPICCIA ‘A FRENNESIA
‘E NUN C’E’ SANTO
‘CA ME FACESSE N’ORA REPUSA’.

Rit: MA CHE SONGH’ E RICCHEZZE D’O’ MUNNO
SENZA ‘O ‘DDOCE
‘E STA VOCCA PE ‘MME’.

FAMME SENTERE ANCORA ‘NA VOTA
‘CA MUORE D’AMMORE SULTANNO PE ‘MME’,
‘E IO TE GIURO ‘CA PURE STU ‘CORE
CAMPA ‘E ‘MMORE SULTANNO PE TTE’.
PE TTE’… PE TTE’.

 

‘Na predica de mamma – Poesia

Testo Della Poesia

‘Na predica de mamma – Cesare Pascarella

di Cesare Pascarella

L’amichi? Te spalancheno le braccia
fin che nun hai bisogno e fin che ci hai;
ma si, Dio scampi, te ritrovi in guai,
te sbatteno, fio mio, la porta in faccia.

Tu sei giovene ancora, e ‘sta vitaccia
nu’ la conoschi; ma quanno sarai
più granne, allora te n’accorgerai
si a ‘sto monno c’è fonno o c’è mollaccia.

No, fio mio bello, no, nun so’ scemenze
quer che te dice mamma, ‘sti pensieri
tiètteli scritti qui, che so’ sentenze;

che ar monno, a ‘sta Fajola d’assassini,
lo vòi sapè chi so’ l’amichi veri?
Lo vòi sapè chi so’ So’ li quatrini.

‘Nu penziero… accussi’ – Peppino De Filippo

 

 

Testo Della Poesia

‘Nu penziero… accussi’ – Peppino De Filippo

Ha campato felice
pecché ha fatto comme se dice?
‘a vita ‘e ‘nu santo.
Penitenze e preghiere
matine e sere.
Niente fumo, niente ammore.
Ha vuluto campà
sulo facennte “bene”
pure quanno, in verità,
nun sentiva d’ ‘o ffa’.
‘Na vita ‘e sacrifizie
senza se fa passà ched’ è ‘nu sfizio?
Tutto chesto pecché?
Pe’ guderse all’al di là
‘o Paraviso eterno.
Ll’avite visto muorto?
Sì, è overo, pareva ca dicesse,
pe’ bbia ‘e chillu sorriso
ca teneva:
“Me stongo, finalmente,
godenno ‘o Paraviso…!”.
A mme m’è parso, invece,
ca chillu pizzo a rriso
vulesse di’: “… Campate,
campate comme a mme.
Privateve ‘e tutto
Mettennove, accussì, contro “natura”.
Qua’ Paraviso, Inferno o Purgatorio?
Storie!
Nun esiste niente:
niente è overo!
‘A vita e ‘a morte songhe ‘nu mistero
ca né vivo né muorto
nisciuno po’ svelà!
Campate, campate comme a mme
contro “natura” …
e po’ vedite che bella fregatura !”

 

‘Nu povero scartellatiello – Giuseppe Penza

 

 

Testo Della Poesia

‘Nu povero scartellatiello – Giuseppe Penza

Che pena faceva nu scartellatiello.
Teneva ‘na faccella, gagliarda, gagliarda.
‘Nu juorno. passanno pe’ ‘na via,
vedette ‘na bella guagliona,
le facette ‘a dichiarazione
e essa ‘o redette ‘nfaccia.
Pigliaie ‘na passione pe chella figliola,
ma essa redeva e nun ne vuleva sapè.
Isso le menave ‘e rrose dint’a fenesta
e diceva: “Si tutta a vita mia!”
Passaiene duie anni
e ‘na sera ‘o scartellatiello
s’arritiraie stanco e ca freva.
A mamma chiammaie ‘o miedeco
che ‘o diagnusticaie ‘nu brutto male.
‘A passione ‘o ‘nchiuvaie dint’o lietto
e nun se susette cchiù.
Mo ‘e sciure nun ‘nce manne cchiù, scartellatiello.
Mo chiagne e nun ride cchiù.

 

 

‘Nu scarnecchia – Giuseppe Penza

 

 

WikiTesti è un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

 

‘Nu scarnecchia – Giuseppe Penza

Povero scarnecchia
‘mbriaco miez’a via.
-Che ffaie ‘lloco?
“Lassame sta!
Muglierema è fernuta!
“Che vuò fa:
-Chest’è ‘a vita nosta
thê rassignà”
‘Ire intelligente
e mo ‘nun sierve cchiù
Tra ‘e lacrime dice:
“Era ‘a vita mia, era ‘na gioia.
Me dumando sempe:
M’aggia disperà o rassignà?

 

 

‘O ‘mpicciuso d’ ‘a sanità

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Canzoni d’amore e di mala

Testo Della Canzone

‘O ‘mpicciuso d’ ‘a sanità di Gianni Celeste

C’A’ PISTOLA ‘NT’A’ SACCA CCA’,
C’O’ CULTIELLO ‘NT’A’ SACCA ‘LLA’
HOI VILL’OCH ST’ARRIVANNE ‘O ‘MPICCIUSO D’A’ SANITA’,
TENE ‘NA BRUTTA CERA
J’ CHE JURNATA NERA.Rit: CHILL’E’ ‘NA MALA PERLA
NEMMENO ‘O FUOCO ‘O SQUAGLIA,
‘A VOCCA E’ ‘NA MITRAGLIA
NO’ PUTITE IMMAGINA’.
CHI RISPETTO NUN’A’ VUTE
TENE PRONTO GIA’ ‘O TAVUTE
SI’ TE SIENTE ‘E MINACCIA’
STA’ ‘O ‘MPICCIUSO D’A’ SANITA’.

SECONDA STROFA

TENE ‘O PATE CAPO ‘E SOCIETA’,
TENE ‘A MAMMA C’A’ ‘NFERMERA FA’,
ISSE ANNANZE ‘E A’ MAMMA A’RRETE
SEMPE PRONTE PE ‘MMARITA’,
‘E NUN CE STA’ NA SERA
‘CA NUN C’IACC’A’ MUGLIERA.

Rit: CHILLE E’ NA MALA PERLA
NEMMENO ‘O FUOCO ‘O SQUAGLIA

‘O ‘nfinfero – Canzone Napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O ‘nfinfero – Canzoni Napoletane

(di L. Cioffi – G. Cioffi)
Aurelio FierroFranco Ricci  – Mario Trevi – Nino Taranto

Chillo putesse sta’
dinta meglia vetrina
Chillo se po’ chiamma’:
“Cuollo tuosto e pulzine!”
E io dico:
“Comme va’ ca Mariannina,
ca,’e dint’a stu quartiere,
era ‘a riggina,
cu tanta giuvanotte,
tutt’uommene deritta,
s’e’ mise proprio
cu stu guaio ‘e notte?”
.

Venitelo a vede’,
mo’ passe ‘o ‘nfinfero,
c
o cuollo ‘mpuzumato
e ‘a capa a gliommero!
E se da’ ll’aria
‘e n’ommo ammartenato,
ma nun e’ overo,
io ll’aggio canusciuto!
E’ nu buono guaglione!
Veramente ch’e’ buono!
Forse e’ tre vote buono,
troppo buono pe’ chella lla’!
.
Chella vo’ pazzia’….
e vvabbe’ s’e’ capito!
Tanto s’hadda spassa’,
quanno po’ s’e’ spassata,
io afferro ‘o pupo
e ‘o faccio na mmasciata.
Le dico:
“Giuvino’,cagnate strada!
Vuliveve fa’ ‘o gallo
con questa pollanghella?
Valla’!Vatte’,
ca si’ nu pappavallo!”
.
Venitelo a vede’,
mo’ passe ‘o ‘nfinfero,
co cuollo ‘mpuzumato
e ‘a capa a gliommero!
E se da’ ll’aria
‘e n’ommo ammartenato,
ma nun e’ overo,
io ll’aggio canusciuto!
E’ nu buono guaglione!
Veramente ch’e’ buono!
Forse e’ tre vote buono,
troppo buono pe’ chella lla’!

E se da’ ll’aria
‘e n’ommo ammartenato,
ma nun e’ overo,
io ll’aggio canusciuto!
E’ nu buono guaglione!
Veramente ch’e’ buono!
Forse e’ tre vote buono,
troppo buono pe’ chella lla’!
troppo buono
troppo buono
troppo buono pe’ chella la’!

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Bm Bm G#m F#


Bm                F#
Chillo putesse stà

                    Bm
dint''a meglia vetrina

                     B
Chillo se pò chiammà:

                      Em
"Cuollo tuosto e pulzine!"

                    A             D9
E io dico:"Comme và ca Mariannina,

                          D
ca,'e dint'a stu quartiere,era 'a riggina,

C#
cu tanta giuvanotte,

                  B
tutt'uommene deritta,

                    A#m             D#m
s'è mise proprio cu stu guaio 'e notte?"



                F#
Venitelo a vedè,   mò passe 'o 'nfinfero,

B                 D#m
c''o cuollo 'mpuzumato

                      F#
e 'a capa a gliòmmero!


E se dà ll'aria 'e n'ommo ammartenato,

C#m6                   B
ma nun è overo,io ll'aggio canusciuto!

E' nu buono guaglione!  Veramente ch'è buono!

                    G#m
Forse è tre vote buono,

                           B
troppo buono pè chella llà!



    F#
Chella vò pazzià....

         Bm
e vvabbè s'è capito! 


Tanto s'hadda spassà,

          Em
quanno pò s'è spassata,

   A                                     D
io afferro 'o pupo e 'o faccio na mmasciata.

     A                       D
Le dico:"Giuvinò,cagnate strada!

    C#
Vuliveve fà 'o gallo  con questa pollanghella?

   C#                     F#
Vallà!Vattè,ca sì nu pappavallo!"



Venitelo a vedè,

                 B
mò passe 'o 'nfinfero, c''o cuollo 'mpuzumato

            F#
e 'a capa a gliòmmero!

                                 C#m6
E se dà ll'aria 'e n'ommo ammartenato,

       F#                          B
ma nun è overo,io ll'aggio canusciuto!


E' nu buono guaglione!  Veramente ch'è buono!

            G#m
Forse è tre vote buono,

          F#               B
troppo buono pè chella llà!



F#                               C#m6
E se dà ll'aria 'e n'ommo ammartenato,

       F#                          B
ma nun è overo,io ll'aggio canusciuto!


E' nu buono guaglione!  Veramente ch'è buono!

            G#m
Forse è tre vote buono,

       F#
troppo buono pè chella llà!

         B
troppo buono  troppo buono

                            Bm
troppo buono pe' chella la'!

***

‘O ballo do’ cavallo – Balli di gruppo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O ballo do’ cavallo di Balli di gruppo

di Alberto Selly
GigioneParlato:
AHH, AMORE

OH VOGLIA DI BALLARE

DAI, FAMMI CAVALCARE AHH…

NUN CE VO NA SCOLA E BALLO

PECCHE E FACILE A MPARA’

MO TE SPIEGO TUTTE COSE

PE CAPI COMME SE FA’

FORMA UN GRUPPO DI PERSONE

NON C’E’ LIMITE D’ETA’

DAI BAMBINI AI NOVANT’ENNI

BASTA CA’ FORZA TO DDA’

IL MASCHIETTO FA IL CAVALLO

E LA FEMMINA VA SU’

SI NUN ZE PIEGANO E COSCE

DIMME CHI TE FERMA CHIU’

‘O BALLO DO CAVALLO

E’ FACILE E’ NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPPE E SPALLE

E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TEN PORTA NCUOLLO

NUN ADDA ESSERE MUOLLO

SI NO FERNESCE O SBALLO

SI S’AMMOSCIO O CAVALLO

PUOI ANDARE A MARCIA AVANTI

PUOI ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENDO ANNANZO E ARETO

VEDRAI SARA’ UN PIACERE

E O’ PO PO LE MANI SULLE SPALLE

E O’ PO PO T’APPOGGI SULLA SCHIENA

E O’ PO PO LE GAMBE AL GIROVITA

E O’ PO PO EVITA LA SALITA

‘O BALLO RO CAVALLO

E’ FACILE E’ NU SBALLO

E’ CHI SE STANCA PRIMMA

ADDA’ PAVA’ NU PEGNO

PER LE STRADE IN DISCOTECA

NCOPP’ E SPIAGGIE ‘O FANNO GIA’

RINTE A TUTTE E CERIMONIE

TE DIVIERTE ALLO’ BALLA

E’ UNA COSA NATURALE

NON CI VUOLE ABILITA’

SE CONTROLLI L’ENERGIA

TU CHIU’ TIEMPE PUO’ DURA’

PUOI CAMBIARE PURE IL RUOLO

E IL MASCHIETTO SALTA SU’

E’ NA GARA E RESISTENZA

PERDE CHI NUN CIA’ FA CHIU’

O’BALLO DO CAVALLO E’

FACILE E’ NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPP E SPALLE

E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TE PORTE NCUOLLE

NUN ADDA ESSERE MUOLLE

SI NO FERNESCE O SBALLO

SI S’AMMOSCE O CAVALLO

E ANDARE A MARCIA AVANTI

E ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENNO ANNANZE E ARETA

VEDRAI SARA’ UN PIACERE

E O PO PO,LE MANI SULLE SPALLE

E O PO PO,T’APPOGGI SULLA SCHIENA

E O PO PO, LE GAMBE A GIROVITA

E O PO PO EVITA LA SALITA

O BALLO DO CAVALLO E’

FACILE E NU SBALLO

E CHI SE STANCHE PRIMME

ADDA’ PAVA’ NU PEGNE

(CORO) O’BALLO DO CAVALLO E’

FACILE E’ NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPP E SPALLE

E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TE PORTE NCUOLLE

NUN ADDA ESSERE MUOLLE

SI NO FERNESCE O SBALLO

SI S’AMMOSCE O CAVALLO

E ANDARE A MARCIA AVANTI

E ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENNO ANNANZE E ARETA

VEDRAI SARA’ UN PIACERE

E O PO PO,LE MANI SULLE SPALLE

E O PO PO,T’APPOGGI SULLA SCHIENA

E O PO PO, LE GAMBE A GIROVITA

E O PO PO EVITA LA SALITA

O BALLO DO CAVALLO E’

FACILE E NU SBALLO

E CHI SE STANCHE PRIMME

ADDA’ PAVA’ NU PEGNE

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Dm

NUN CE VO NA SCOLA E BALLO

       A
PECCHE E FACILE A MPARA'

MO TE SPIEGO TUTTE COSE

        Dm
PE CAPI COMME SE FA'

FORMA UN GRUPPO DI PERSONE

      A
NON C'E' LIMITE D'ETA'

DAI BAMBINI AI NOVANT'ENNI

BASTA CA' FORZA TO DDA'

   A#
IL MASCHIETTO FA IL CAVALLO

     Dm
E LA FEMMINA VA SU'

       D#
SI NUN ZE PIEGANO E COSCE

   A
DIMME CHI TE FERMA CHIU'

'O BALLO DO CAVALLO

D A
  E' FACILE E' NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPPE E SPALLE

     D
E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TEN PORTA NCUOLLO

    A
NUN ADDA ESSERE MUOLLO

SI NO FERNESCE O SBALLO

   D
SI S'AMMOSCIO O CAVALLO

PUOI ANDARE A MARCIA AVANTI

A
PUOI ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENDO ANNANZO E ARETO

D
VEDRAI SARA' UN PIACERE

                   A
E O' PO PO LE MANI SULLE SPALLE

                     D
E O' PO PO T'APPOGGI SULLA SCHIENA

                       A
E O' PO PO LE GAMBE AL GIROVITA

                    D
E O' PO PO EVITA LA SALITA

'O BALLO RO CAVALLO

   A
E' FACILE E' NU SBALLO

E' CHI SE STANCA PRIMMA

D       Dm
ADDA' PAVA' NU PEGNO

PER LE STRADE IN DISCOTECA

       A
NCOPP' E SPIAGGIE 'O FANNO GIA'

RINTE A TUTTE E CERIMONIE

Dm
TE DIVIERTE ALLO' BALLA

E' UNA COSA NATURALE

    A
NON CI VUOLE ABILITA'

SE CONTROLLI L'ENERGIA

TU CHIU' TIEMPE PUO' DURA'

     A#
PUOI CAMBIARE PURE IL RUOLO

     Dm
E IL MASCHIETTO SALTA SU'

   D#
E' NA GARA E RESISTENZA

   A
PERDE CHI NUN CIA' FA CHIU'

D
O'BALLO DO CAVALLO E'

A
FACILE E' NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPP E SPALLE

D
E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TE PORTE NCUOLLE

    A
NUN ADDA ESSERE MUOLLE

SI NO FERNESCE O SBALLO

   D
SI S'AMMOSCE O CAVALLO

E ANDARE A MARCIA AVANTI

A
E ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENNO ANNANZE E ARETA

D
VEDRAI SARA' UN PIACERE

                  A
E O PO PO,LE MANI SULLE SPALLE

                    D
E O PO PO,T'APPOGGI SULLA SCHIENA

                    A
E O PO PO, LE GAMBE A GIROVITA

                D
E O PO PO EVITA LA SALITA

O BALLO DO CAVALLO E'

A
FACILE E NU SBALLO

E CHI SE STANCHE PRIMME

D
ADDA' PAVA' NU PEGNE

                       A
(CORO) O'BALLO DO CAVALLO E'

FACILE E' NU SBALLO

TU ZUMPE NCOPP E SPALLE

  D
E TE MIETTE A CAVALLO

MA CHI TE PORTE NCUOLLE

A
NUN ADDA ESSERE MUOLLE

SI NO FERNESCE O SBALLO

   D
SI S'AMMOSCE O CAVALLO

E ANDARE A MARCIA AVANTI

A
E ANDARE A MARCIA INDIETRO

FACENNO ANNANZE E ARETA

D
VEDRAI SARA' UN PIACERE

                     A
E O PO PO,LE MANI SULLE SPALLE

                       D
E O PO PO,T'APPOGGI SULLA SCHIENA

                    A
E O PO PO, LE GAMBE A GIROVITA

                D
E O PO PO EVITA LA SALITA

O BALLO DO CAVALLO E'

A
FACILE E NU SBALLO

E CHI SE STANCHE PRIMME

ADDA' PAVA' NU PEGNE

***

‘O bar dell’università

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O bar dell’università di Canzoni Napoletane

(Antonio AnnonaEnzo Di Domenico)
Mario MerolaTony AstaritaEnzo PariseLuciano Di SarnoGianni Talento
* Gianni Celeste1988 Sognando NapoliInt’a stu bar e l’università
tu parl’e te ij parl’e me
parlamme e nuje
quanta bucie
quanta felicità
ca vene e se nnevà.
Nnammurat comm’a tte
una sola ‘ncenn sta
se chiamm giuventù
comm te chiamm tu…

Int’a stu bar e l’università
tra ventenn’e tantu tiemp fà
comm’e doce stu cafè
ca me piglio ‘nziem a tte
comm’è amara a verità
scet e suonn e se nnevà…

Int’a stu bar e l’università
tra ventenn’e tantu tiemp fà
comm’e doce stu cafè
ca me piglio ‘nziem a tte
comm’è amara a verità
scet e suonn e se nnevà…
Nnammurat comm’a tte
una sola ‘ncenn sta
se chiamm giuventù
ma ij nun’a trov cchiù

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
F Am A# F Gm7 C C7 F

Fm                             Fm  A#m        Fm9
din't'a' stu' bar e' l'universita' tu parle e te 

C     Fm                      D# D#7
io parlo e me parlammo e nuie    

G#                    C               C7
quanta bucie quanta felicita' ca vene e se 

Fm     F                     Am
ne va' nnammurato comm'a' te 

A#    A#9           F               Am   A#
una sola ce ne sta' se chiamma giuventu' 

                     F       Dm                      Am
comme te chiamme tu' dint'a' stu bar e l'universita' 

Dm        D7             Gm
trovo e vintanne e tantu 

           C F                   Am  A#                        F                       Gm7 A#6
tiempo fa'   comm'e' doce stu' cafe' ca me piglio nsieme a te' comm'e' amara a verita'     

C                          F Am A# F Gm7
sceta e suonne e se,ne va'           

C F       Dm                      Am Dm                 D7           Gm  C
  dint'a' stu bar e l'universita'    trovo e vintann'e' tantu tiempo fa' 

F                  Am  A#                       F                       Gm A#6
comm'e' doce stu cafe' ca me piglio nsieme,a te comm'e' amara a verita'    

C                      F   Am
sceta e suonn'e' se ne va' 


(parlato)
                   A# F
namrato comm'a' te    una sola ce ne sta' 


                             Gm7
(cantato) se chiamma giuventu' 

C  F      C              F A#9 F9 F
ma io nun a tengo cchiu'          

***

‘O bbuono e ’o malamente – Almamegretta

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Figli di Annibale
1993 Animamigrante
1996 Indubb

Testo Della Canzone

‘O bbuono e ’o malamente – Almamegretta

Ce sta troppo rummore troppo casino
lascia che ‘o raiss ti parli da vicino
pe te dicere tienelo a mmente chi è ‘o bbuono e chi è ‘o malamente…
allora arape ll’uocchie e cervella e tienelo a mmente
chi è ‘o bbuono e chi ‘o malamente
ind’a chistu clima ‘e caccia ‘o criminale
no nun voglio fa’ nu tribunale universale
chest’è sulamente n’opinione personale sulo nu giudizio individuale
allora guarda ‘e fatti in maniera razionale
senza stà a sentì sta propaganda elettorale
te voglio dicere tienelo a mmente chi è ‘o bbuono e chi ‘o malamente
no nun pozzo suppurtà chi nun riesce a capì
addò stà ‘o bbuono e ‘o malamente
ce sta chi tiene ‘e ccarte ‘e cientomila lire
ce sta chi ind’a sacca nun tiene manco mille lire
ije so’ nato e so’ cresciuto ind’a nu quartiere
addò o arruobbi o spacci o te faje na pera
senza ‘na lira nanz’a televisione
che te dice nun sì ommo si nun tiene ‘o machinone
‘a scola ll’aggio fatta mmiezo ‘a na via
mmiezo ‘e mariuole e mmiezo ‘a polizia
e allora che vulite si vendo ‘a cucaina
si voglio magnà purrije sera e matina
si voglio stà pur’ije comm’e figlie d’e signure
co ‘e denare ind’a sacca ‘e co ‘e vestiti bbuoni
allora quanno liegge ngoppo ‘e ggiurnali
che ‘e uardie hanno acciso ati quatto criminale
pienzece bbuono tienelo a mmente
chi è ‘o bbuono e chi ‘o malamente
no pozzo suppurtà…
nun me parlate cchiù ‘e moralità
nun me parlate d’onestà e criminalità
ije so’ cresciuto senza manco n’opportunità
chello che faccio ‘o ffaccio sulo pe’ magnà
ind’a chistu munno ce sta chi arrobba legalmente
e sfrutta tutte juorne a miseria ‘e ll’ata gente
allora pecchè pe’ tutta chesta ggente
lloro so’ bbuone e ije so’ malamente?

 

‘O billoco l’acqua – Edoardo Bennato

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 E’ asciuto pazzo ‘o padrone

Testo Della Canzone

‘O billoco l’acqua – Edoardo Bennato

Pareva ca ce steve ‘o sole
Pò all’intrasatta ‘o cielo blù
E’ addiventato niro niro
Nun s’è capito niente cchiù
‘O billoco l’acqua! ‘O billoco l’acqua!…..

Era passato miezo juorno
E stevemo pe ce assettà
Ma sò arrivate lampe lampe e tuone
Apposta pe ce ‘ntussecà
‘O billoco l’acqua! ‘O billoco l’acqua!…..

E fuie fuie accà, e fuie fuie allà

Ognuno cerca scampo pe s’arriparà

E fuie fuie a coppa, e fuie fuie a sotto

Fuimmuncenno pure nuie

Levammoce a miezo ‘e botte

Nuie eremo comme duie frate
E stevemo pe c’abbraccià
Ma è stata na parola ‘e troppo
E mo’ c’avimmo appiccecà
‘O billoco l’acqua! ‘O billoco l’acqua!….

Nuie eremo tutte cumpagne
E bello e buono ma chedè
Mo’ c’azzannammo uno cu n’ato
Nun ce putimmo ‘cchiù avverè
‘O billoco l’acqua! ‘O billoco l’acqua!….

 

https://youtu.be/v9lkRtqR80k
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

 


[MI SOL LA    MI SOL LA    più v.]

MI                                  SOL LA
Pareva ca ce steve 'o sole
Pò all'intrasatta 'o cielo blù
E' addiventato niro niro
Nun s'è capito niente cchiù
'O billoco l'acqua! 'O billoco l'acqua!.....

Era passato miezo juorno
E stevemo pe ce assettà
Ma sò arrivate lampe lampe e tuone
Apposta pe ce 'ntussecà
'O billoco l'acqua! 'O billoco l'acqua!.....

SOL
E fuie fuie accà, e fuie fuie allà
MI
Ognuno cerca scampo pe s'arriparà
SOL
E fuie fuie a coppa, e fuie fuie a sotto
LA
Fuimmuncenno pure nuie
SI
Levammoce a miezo 'e botte

[MI SOL LA    MI SOL LA   più volte]

Nuie eremo comme duie frate
E stevemo pe c'abbraccià
Ma è stata na parola 'e troppo
E mo' c'avimmo appiccecà
'O billoco l'acqua! 'O billoco l'acqua!....

Nuie eremo tutte cumpagne
E bello e buono ma chedè
Mo' c'azzannammo uno cu n'ato
Nun ce putimmo 'cchiù avverè
'O billoco l'acqua! 'O billoco l'acqua!....

‘O cunto – Eduardo De Filippo

 

 

Testo Della Poesia

‘O cunto – Eduardo De Filippo

1970

Cielo
ca puntualmente
‘o mes’ ‘austo
abbremecato
‘e stelle
te presiente,
e ca te faie
cchiù blù
pecché
cchiù argiento
cchiù splendente
e brillante
sti meliune
‘e stelle
‘anna parè…
cielo,
tu saie che ssì
pè chistu munno,
pè nnuie ca t’aspettammo
e te vedimmo?
Sì ‘o finale
ncantato
‘e nu cunto
ca nuie stesse ammentammo,
e sulitariamente
c’ ‘o core
e c’ ‘o penziero
nce cuntammo.

cumme se specchia a mmare
dint’ ‘o cuntammo.

Cumme se specchia a mmare
dint’ ‘o scuro
‘o ffuoco d’ ‘e granate!
Se spara p’ ‘a custiera,
tuorno tuorno…
Pè San Giuvanne,
Puortece,
Resina,
Torre ‘o Grieco,
Pumpei,
Castellammare…
‘A rimpetto
risponne
Vico Equense,
Sant’Agnello,
Surriento…
Aret’ a na muntagna
nu bagliore:
spara Massa Lubrense.
Marciano pure spara…
e appriesso appriesso
sant’Agata
crapolla
Pusitano…
Spara Furore
Vietri
e sparano a Praiano.
Cielo,
sò ‘e stelle noste,
sò ‘e pparole mbrugliate
‘e nu discorso
ca sultanto sparanno
trova ‘o filo,
pè te dà na risposta
pè te dà segno ‘e vita
pure nuie…

E ogn’anno,
‘o mes’ ‘austo,
puntualmente
ognuno conta ‘o cunto
a modo suio…

 

 

‘O delitto – Giuseppe Penza

 

Testo Della Poesia

‘O delitto – Giuseppe Penza

Steve nmiezea folla.
Sentette ‘nu strillo.
Rimanette sulo,
sulo a mezanotte.
Me sentette ‘e piglià
“Venite, giovanotto!
Me truvaie nnucente
p”a festa d”a Madonna
Dinto c”o spavento.
Venette ‘a nonna.
‘E guardie nun se fermaino,
indagaino e me lassàino.
‘Na fàccia ‘e ‘nfame trasette
e llà rimanette.

 

 

 

‘O gran pascià – Canzoni Napoletane

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O gran pascià delle Canzoni Napoletane

Sergio Bruni
( B. U. Netti – Lama)

Io tengo na ‘nnammurata p’ogne paese…
e ognuna fa cose ‘e pazze pe’ mme spusá!
Ma io faccio stu lassa e piglia na vota ô mese…
‘sta vita mma passo allera…ch’aggia fá?

Senza curarme ‘e te,
cu mille femmene attuorno a me…
Nun mme ne ‘mporta cchiù
si cu cient’uommene parle tu…
Che fa?…che fa?…
si’ bella e t’hê ‘a spassá…
e quanno ‘o vvuó’ sapé…
‘e mmeglie femmene vonno a me!

Ma chello ch’è bello overo nun thanno ditto?
‘E llire mo tengo e sóngo nu gran pasciá!
Da ‘America nu parente sa’ che mm’ha scritto?
Ca lassa sultanto a me ll’ereditá…

Senza curarme ‘e te…..

‘O mese che trase faccio migliare ‘e feste
mme sposo ‘a cchiù bella femmena ‘e ‘sta cittá!
Cu tutto ca lieve e miette cappielle e veste…
tu rieste cu ‘o desiderio ‘e mme spusá!

Senza curarme ‘e te

 

‘O maraja 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O marajà di Mimmo Dany

Tu vien a me scetà, e nun me faj rummì
o sol rint a l’uocchij faj trasì
è mezzjuorn gia, me ric aggia lavà
e nun o sacc addò aggia accumincià…
Mammà vogl sapè tu che pretiend a me
si a stessa cos a ric semp a me
che m’aggia realizzà, cu te nun pozz sta
n simm tropp pe ce suppurtà…RIT:
We mammà ma che ci pozz fa se a me me piac e fa o marajà
ajer Annamarì staser cu Sofì e nun me rann o tiemp pe capì
We mammà cu te te lia piglià si tropp bell me saput fà
e mo dimm pkkè p fa cuntent a te a pall o per me lessa tenè
We mammà si avessa capità che cocc femmn me vo spusà
tu rill na bugia ca so spusat già
e teng 4 figl a ra a mangià…Ma stong buon ca cn la mia libertà
vicin a te nient me po mancà
mammà famm pensà sto senza faticà
co matrimonio nun se po pazzià
ij te capisc si ma tu nun vuò capì
c’aggia truà a waglion che dic ij
sinò jamm a finnì ca insiem a te stong ij
mujerm cu tutt e figl mij…

RIT:
We mammà ma che ci pozz fa se a me me piac e fa o marajà
ajer Annamarì staser cu Sofì e nun me rann o tiemp pe capì
We mammà cu te te lia piglià si tropp bell me saput fà
e mo dimm pecchè pe fa cuntent a te a pall o per me lessa tenè
We mammà si avessa capità che cocc femmn me vo spusà
tu rill na bugia ca so spusat già
e teng 4 figl a ra a mangià…

‘O marenariello – Canzoni Napoletane

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O marenariello – Canzoni Napoletane

(di: OttavianoGambardella)

Interpretata da:
Sergio BruniMario TreviMario Merola
Claudio VillaPerry ComoNuova Compagnia di Canto Popolare
Mia Martini con Roberto Murolo
Consiglia Licciardi con Roberto Murolo
2005 – Il Giardino dei Semplici
* Roberto Murolo1992 Ottantavoglia di cantare
* Andrea Bocelli1995 Viaggio Italiano
* Massimo Ranieri2001 Oggi o dimane
* Renzo Arbore1999 Sud
2007 Diciottanni di… “Canzoni Napoletane” (…quelle belle)
* Irene Fargo2005 Insieme

Oje né’, fa’ priesto viene!
nun mme fá spantecá…
ca pure ‘a rezza vène
ch’a mare stó’ a mená…

Méh, stienne sti bbraccelle,
ajutame a tirá…
ca stu marenariello
te vò’ sempe abbracciá.

Vicin’ô mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassá…

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza:
ma, pallerezza,
stóngo a murí…

Vide ca sbatte ll’onna
comm’a stu core ccá;
de lacreme te ‘nfonne
ca ‘o faje annammurá…

Viene, ‘nterr’a ‘sta rena
nce avimma recrijá;
che scenne la serena…
io po’ stóngo a cantá.

Vicin’ô mare…

Oje né’, io tiro ‘a rezza
e tu statte a guardá…
li pisce, pa prijezza,
comme stanno a zumpá!…

E vide, pure ‘e stelle
tu faje annammurá…
ca stu marenariello,
tu faje suspirá…

Vicin’ô mare

 

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
D7 Gm D7 Gm Gm9


Gm            D7        Gm    D7
OIE  NE,  FA  PRIESTE,  VIENE

Gm           D7       Gm
NUN  ME  FA  SPANTECA,

             D7     Gm
CA  PURE  A  REZZA  VENE

D#     D7     Gm   D7   G
CH  A  MMARE  STO  A  MENA

G6    G
MEH,  STIENNE  STI  BRACELLE

            E7   Am
AIUTAME  A  TIRA,

    C        C9      G6
CA  STU  MARENARIELLE

                       G D D6
TE  VO  SEMP  ABBRACCIA    




G D7      G  D7 G
  VICINO  O     MARE

     GM7 D7
FACIMMO  AMMORE,

A  CORE  A  CORE

             G6
PE  NCE  SPASSA

G   Bm  G
SO  MARENARE

            C
E  TIRO  A  REZZA

       C9  G
MA  P  ALLEGREZZA

D7     D6 D7 G   D7 Gm D7 Gm Gm9
STONG     A  MURI            




Gm             D7  Gm
VIDE  CHE  SBATTE  L ONNE

D7 Gm          D7        Gm
   COMME  STU  CORE  CCA,

                 D7  Gm
DE  LACREME  TE  NFONNE

    D#       D7 Gm   D7  G
CA  O  FAIE     ANNAMMURA

G6 G
VIENE,  NTERR  A  ST  ARENA

             E7     Am
NCI  AVIMMA  RECRIA,

     C         C9  G6  G D
CHE  SENNE LA  SERENA    

D6 G  D7                  G
   I  PO  STONG  A  CANTA.

  D7    G
VICINO  O  MARE  

     GM7 D7
FACIMMO  AMMORE,

A  CORE  A  CORE

         G6
PE  NCE  SPASSA

G   Bm  G
SO  MARENARE

            C
E  TIRO  A  REZZA

       C9  G
MA  P  ALLEGREZZA

D7     D6 D7 G
STONG     A  MURI 

***

‘O munasterio – Canzoni Napoletane

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O munasterio – Canzoni Napoletane

(Salvatore Di GiacomoRoberto Costa)

* Canzoni Napoletane O

Jettaje stu core mio ‘mmiez’a la strata
e ‘ncopp’a na muntagna mme ne jette
e, pe’ na passiona disperata
monaco ‘e San Francisco mme facette…

– Tuppe tuppe – Chi è? – Ccá ce stess’uno
ca ll’è caduto ‘o core ‘mmiez’â via?
– Bella figlió’ ccá nun ce sta nisciuno
va’, jatevenne cu Giesù e Maria…-

Se ne jette cantanno: Ammore, ammore…
cchiù nun te vò’ zi’ monaco vicino!
E pa muntagna se purtaje stu core,
arravugliato dint
o mantesino.

 

‘O padrone – Pino Daniele

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1977 Terra mia

Testo Della Canzone

‘O padrone – Pino Daniele

Canzoni Napoletane
Canzoni Napoletane O

‘O padrone nun dà duje sordi
Dice sempe ‘e faticà’
E nuie ce magnammo ‘o limone
Pe’ duje sordi ca ce dà
‘o padrone ogg’è venuto
Nce vuleva parlà’
Stateve accuorto ccà zompa tutt’e cose
E ‘na botta nce ha vugliuto dà
Quanta luce cchiù miseria nun ce stà
‘Mparadiso se sta buono
Senza nisciuno ca ce vo’ cumannà’
‘O Signore nun dà duje sordë
Dice sempe ‘e prià’
Ca prianno ‘a Maronna
Ca ‘ncoppa ‘a terra po’ cagnà
‘O Signore ogg’è venuto
Nce vuleva parlà’
Ma che ve site miso ‘ncapa
‘Mparadiso s’adda faticà’
Quanta luce ‘mparadiso nun se po’ stà’
Nemmeno ‘e muorti stanno buono
Manco ‘o limone nce putimmö magnà’.

 

.https://youtu.be/WZcxSH3jHj4

‘O pate – Nino D’Angelo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O pate –  Nino D’Angelo

‘O pate è ‘o pate
nun se po lamentà maje cu nisciuno
adda fà sempe ‘o forte, adda fà ‘o pate
è capo, ma nun sape cumannà.

‘O pate è ‘o pate
sempe annascuso, nun se vede maje
ma sape tutto chello ca succede
e quanno vò se sape fà sentì
e c’’a fatica ‘nfaccia e dint’ all’ossa
va cammenanno cu ‘e penziere appriesso
se cresce ‘e figli dint’’o portafoglio
sempe cchiù chino ‘e ‘sti fotografie
nisciuno ‘o sente quanno parla sulo
e se fa viecchio sestimanno e guaje
e si ‘o faje male s’astipa ‘o dolore areto a nu sorriso
e se va a ‘ppendere dint’ ’o scuro
a ‘na lacrema d’ ’o core
ca ogni tanto ‘o fa cadè.

‘O pate è ‘o pate
nun se po’ rassignà si ‘o juorno è niro
pe’ forza adda truvà nu piezze ‘e sole
pe’ scarfà ‘a casa soja primma ‘e partì;

‘O pate è ‘o pate
‘o primmo amico ‘e quanno si criaturo
ca fore ‘a scola nun ‘o truove maje
ma sta tutte ‘e mumente addò staje tu,
‘o truove sempe cu ‘o piacere ‘n mane
si nun vuò niente te vo’ dà coccosa
e se sta zitto pe’ guardà ‘e parole
ca so’ carezze ca isso t’ ’a ‘mparato,
acale l’uocchie quanno te saluta
e sott’ ‘e diente dice statt’accorto
e chella mano ca te tocca ‘a spalla è ‘o coraggio ca tiene
e nun te miette cchiù paura,
pecchè saje ca nun si sulo
quanno ‘a vita è contro a te.

https://www.youtube.com/watch?v=K9l-ZJhTtyg

‘O pezzente ‘e San Gennaro – Ferdinando Russo

Testo Della Poesia

‘O pezzente ‘e San Gennaro – Ferdinando Russo

I
—Che ffai, te lagne? ‘A sciorta è sempe sciorta!
Tu nasce quatro? E te ne muore tunno!
Fa’ comm’a chillo… Mo’ nce vo’… Nun ‘mporta;
‘o latro ncoppa e ‘o gualantommo ‘nfunno!
‘A vita è chesta! Accumpagnammo ‘a Morta!
Doj’ ove, nu paniello, e chist’è ‘o munno!
Nu muzzunciello ‘int’ a na pippa corta,
e cammina, e strascina, e vai ‘nzeffunno!
Po’ rìceno: ‘o Cuverno ‘e Taliane!
Bella cosa! E c’ha fatto? Ha fatto ll’uove
e nce ha rummase cu li mmane mmane!
Pe mme, me veco ‘int’ a nu munno nuove
quann’ appuro ca cierti crestiane
a botta ‘e mbroglie s’hanno fatto ‘e chiuove!

II
Io tenevo na casa ‘o Fiatamore,
na bella terra ncoppa Carvizzano,
cierti ggranelle… ero figlio ‘e signore!
Addimannate! Me chiammo Tizzano!
È nu casato c’ha fatto remmore!
Addimannate a quacche casertano!
Nu zio d’ ‘o nuosto è stato cunfessore
de Francischiello, e n’auto, capitano.
Embè, vene ‘o Sissanta… e comm’è stato?
Me trovo sulo: e na bella matina
trase na carta nzieme a n’avvucato…
— Che rrobb’è chesta? Che v’aggia servì?
Chillo risponne, tutto nfuriato:
— Me favurite! … Ve n’avite ‘a jì!
III
— Comme, comme? Ched’è? Nun ve capisco…
— Site Tizzano, vuie? — Gnorsì, Tizzano…
— E ve n’avite ascì! Simmo d’ ‘o fisco…
E se mpezzava cu sta carta mmano.
— ‘O sisco? facev’io… Ched’è stu sisco?
Vuie ve sbagliate… Fosse all’ato piano?
— Gniernò, Tizzano mio, ve cumpatisco,
ma ‘o fisco v’ha fiscato sano sano!
Va sapenno, chill’era, nientemeno,
nu siquesto de tutt’ ‘a rrobba mia!
Nun ne putette cchiù… Venette meno!
Da tanto, nun putette appurà niente,
stette vint’anne ‘int’a na pazzaria,
e mo’ m’hanno mettuto ‘int’ ‘e Pezziente!

‘O pparlà nfaccia – Eduardo De Filippo

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

‘O pparlà nfaccia – Eduardo De Filippo

(1971)

Io chesto tengo:
tengo ‘o pparlà nfaccia.
Pure si m’aggia fà nemico ‘ Ddio
e me trovo cu “isso”
faccia a ffaccia,
nfaccia lle dico chello c’aggia dì.
Se scummoglia ‘o fenucchio?
E se scummoglia!
Ccà, pè tenè cupierte st’altarine,
se sò mbrugliate ‘e llengue
e nun se sàpe
chi te fa bene
e chi
male te fa.
Si nun se mett’ ‘o dito ncopp’ ‘a piaga
e se pulezza scafutann’ ‘a rinto
fino a che scorre ‘o sango
russo e vivo
cumm’ a chello ‘e Giesù
nostro Signore
‘a piaga puzza!
E siente nu fetore
ca t’abbelena ll’aria
‘a terra
‘o mare.
E nuie vulimmo ll’aria fresca e pura
celeste e mbarzamata
e chillu viento
ca vulanno
e passànno
a rras’ ‘e mare
se piglia ‘addore
e ‘a mena int’ ‘e balcune
pè dint’ ‘e stanze
e arriva ncopp’ ‘e lloggie
d’ ‘e case noste.

‘O primmo ‘e ll’anno – Luciano Somma

Testo Della Poesia

‘O primmo ‘e ll’anno – Luciano Somma

Stu juorno nuovoCa ce sceta

Tene ‘o sorriso ‘e gioia

Che da’ speranza

Pe’ ll’aria tutt’attuorno

Nu prufumo d’alleria

‘o canto ‘e nu canario

ca vola verso ‘o cielo .

Napule mamma overa

E no matrigna

Dà latte a chistu figlio

Appena nato

‘o cunnulèa

s’’o vase e l’accarezza

po’ guarda l’orizzonte

e ‘ncopp’’o mare

finalmente

vede nu raggio ‘e sole

preputente .

‘O rre de’pazz – Poesia napoletana

Testo Della Poesia

‘O rre de’pazz – Poesie Napoletane

(di Mikele Buonocore)

Sotto ‘a chistu sole

Stammo a jezza’ sti prete

Povere ca saje

E ce arruvina l’aria

Povero ommo, scunsulato e triste

Dint’ ‘a nu penziero

Passarrà ‘a matina

L’evera ca pogne

Te ricorda ‘a vita

Povero ommo, e’ chisto ‘o re de’ pazz,

Pure ‘o scuorno fa cade’‘e palazz

E si te vuo’ scurda’

Va vicino ‘o mare

Ccu l’acqua e ‘o sole

‘O doce sta dint’ ’o core

E po’ pe cumpagnia chiamma ‘o re de’ pazz

‘O mare te ‘nfonna ‘a capa

‘O male, si tu ce pienze ‘o male

Nun te fa’ campa’ e scinne a fatica.

Sotto a chesta luna

Isso allucca sempe

Pure si nun parla

Pe da aretta a gente rire

È cumbattuto e rire.

 

‘O sarracino – Canzoni Napoletane

Testo Della Canzone

‘O sarracino – Canzoni Napoletane

(NisaRenato Carosone)
*Gigi Finizio
*Mary Boccia
* Renzo Arbore
* Fiorello
* Edoardo Bennato
* Orietta Berti
* Gigi D’Alessio

Tene ‘e capille ricce ricce…
Ll’uocchie ‘e brigante e ‘o sole ‘nfaccia…
Ogne figliola s’appiccia si ‘o vede ‘e passá…
Na sigaretta ‘mmocca…
Na mana dinta sacca…
e se ne va, smargiasso, pe’ tutt
a cittá…

‘O sarracino,
‘o sarracino,
bellu guaglione!
‘O sarracino,
‘o sarracino,
tutte ffemmene fa suspirá…
E’ bello ‘e faccia,
è bello ‘e core:
sape fá ‘ammore…
E’ malandrino,
è tentatore…
Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá.
E na bionda s’avvelena,
e na bruna se ne more…
E’ veleno o calamita?
Chisto a ‘e ffemmene che lle fa?
‘O sarracino,
‘o sarracino,
bellu guaglione…
E’ bello ‘e faccia,
è bello ‘e core:
tutt
e ffemmene fa ‘nnammurá!

Finale:

Ma na rossa, ll’ata sera,
cu nu vaso e cu na scusa,
t’ha arrubbato anema e core!
Sarracino nun si’ cchiù tu!…

‘O sarracino,
‘o sarracino’
bellu guaglione!
‘O sarracino,
‘o sarracino,
tutte ffemmene fa ‘nnammurá…

Sarracino, sarracino…

03

Accordi

   
       sol-                          re7
'o sarracino 'o sarracino bellu guaglione
'o sarracino 'o sarracino
                           sol-
tutte 'e femmine fa 'nnammurà

sol-
Tene 'e capille ricce ricce
do-
Ll'uocchie 'e brigante e 'o sole 'nfaccia
                  re7                     sol-
Ogne figliola s'appiccia si 'o vede 'e passà
                       do-
'na sigaretta 'nmmoca 'na mano dint''a sacca
sol-           do-        la7       re7
e se ne va smargiasso pe' tutt'a città

        sol-                          re7
'o sarracino 'o sarracino bellu guaglione
'o sarracino 'o sarracino
                         sol-
tutte 'e femmine fa suspirà
                                            re7
bello 'e faccia bello 'e core sape fa l'ammore
è malandrino è tentatore
                           sol-
si lo guardate ve fa 'nnamurà
                  do-
e'na bionda s'avvelena  e 'na bruna se ne more
               sol#7                          re7
è veleno o calamita? chisto 'e femmene che ll'fa?
        sol-                          re7
'o sarracino 'o sarracino bellu guaglione
bello 'e faccia bello 'e core
                          sol-
tutte 'e femmine fa 'nnamurà

sol- re7 sol-      sol- re7 sol-

        sol-                          re7
'o sarracino 'o sarracino bellu guaglione

'o sarracino 'o sarracino
                         sol-
tutte 'e femmine fa suspirà
                                            re7
bello 'e faccia bello 'e core sape fa l'ammore
è malandrino è tentatore
                           sol-
si lo guardate ve fa 'nnamurà
                   do-
ma 'a rossa ll'ata sera cu nu vaso cu na scusa
                   sol#7                      re7
t'arrubato anema e core sarracino nun si chiù tu

        sol-                          re7
'o sarracino 'o sarracino bellu guaglione
                                                    sol-
'o sarracino 'o sarracino tutte 'e femmine fa 'nnamurà
                     re7 sol-
sarracino sarracino

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Napoli: punto esclamativo! Internescional uei!
1997 Pecche’nun ce ne jammo
2006 Renzo Arbore l’Orchestra Italiana at carnegie hall New York
2007 Diciottanni di… “Canzoni Napoletane” (…quelle belle)

1999 Le classiche napoletane vol.1 – 2doardo Bennato2003 L’uomo occidentale

2008 Swing – Un omaggio alla mia maniera –   Orietta Berti

‘O scarrafone – Pino Daniele

Album

È contenuto nei seguenti album:

1991 Un uomo in blues
1993 E sona mo’
2008 Ricomincio da 30 (Cd 3)
2015 Nero a metà Live

Testo Della Canzone

‘O scarrafone – Pino Daniele

 

‘O scarrafone ‘o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Ho scoperto che Pasquale
forse è nato a Cefalù
si è sposato a Novedrate
è un bravo elettricista

fuma ppoco e ascolta i Pooh
‘o scarrafone ‘o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Accidenti a questa nebbia
te set adre a laurà
questa Lega è una vergogna
noi crediamo alla cicogna

e corriamo da mammà
Oggi è sabato
e domani non si va a scuola
oggi è sabato
se non chiami ho un nodo in gola
oggi è sabato
e forse è un giorno speciale
oggi è sabato meno male
‘O scarrafone ‘o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja
E se hai la pelle nera
amico guardati la schiena
io son stato marocchino
me l’han detto da bambino
viva viva ‘o Senegal
Oggi è sabato
e domani non si va a scuola
oggi è sabato
se non chiami ho un nodo in gola
oggi è sabato
e forse è un giorno speciale
oggi è sabato meno male
‘O scarrafone ‘o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja

https://www.youtube.com/watch?v=LCJKneAbHc8
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Mim    Lam7            Mim
'O scarrafone 'o scarrafone
Lam7                                       Mi10m
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Lam7                       Mi10m
Ho scoperto che Pasquale
Lam7                  Mi10m
forse è nato a Cefalù
Lam7
si è sposato a Novedrate
        Mi10m         Lam7
è un bravo elettricista
 
fuma ppoco e ascolta i Pooh
Sim7                       Fa#10m
'o scarrafone 'o scarrafone
Sim7                                       Fa#10m
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Lam7                       Mi10m
Accidenti a questa nebbia
Lam7               Mi10m
te set adre a laurà
Lam7
questa Lega è una vergogna
        Mi10m         Lam7
noi crediamo alla cicogna
 
e corriamo da mammà
Sim7       Sol7+
Oggi è sabato
   Fa#m7                  Sim7
e domani non si va a scuola
             Sol7+
oggi è sabato
             Fa#m7                  Sim7
se non chiami ho un nodo in gola
              Sol7+
oggi è sabato
Fa#m7                     Sim7
e forse è un giorno speciale
         Sol7+   Fa#m7   Sim7  Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m
oggi è sabato meno male
     Sim7                   Fa#10m
'O scarrafone 'o scarrafone
Sim7                                        Fa#10m
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Lam7                      Mi10m
E se hai la pelle nera
Lam7                        Mi10m
amico guardati la schiena
Lam7
io son stato marocchino
                Mi10m       Lam7
me l'han detto da bambino
 
viva viva 'o Senegal
 
Sim7       Sol7+
Oggi è sabato
   Fa#m7                  Sim7
e domani non si va a scuola
             Sol7+
oggi è sabato
             Fa#m7                  Sim7
se non chiami ho un nodo in gola
 Sim7        Sol7+
oggi è sabato
Fa#m7                     Sim7
e forse è un giorno speciale
         Sol7+   Fa#m7   Sim7  Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m
oggi è sabato meno male
     Sim7                   Fa#10m
'O scarrafone 'o scarrafone
Sim7                                        Fa#10m
ogni scarrafone è bello a mamma soja
Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m Lam7 Mi10m Sim7 Fa#10m Sim7 Fa#10m

‘O scartellato – Raffaele Chiurazzi

 

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

‘O scartellato – Raffaele Chiurazzi

Comm’ ‘a nu gliummariello arravugliato,
steva assettato, muorto ‘e friddo e famma,
nu povero guaglione scartellato.
— Signò, nu sordo, ca nce ‘o porto a mamma ! —
— Io lle menaie nu sordo e lle dicette:
— Ma mammeta te lassa mmiezo ‘a via? —
E isso, pronto pronto, rispunnette:
— Io so’ ll’uo’cchio deritto ‘e mamma mia!
Seh! Chesto ce mancava ! Che dicite?
‘A casa, manco ‘e frate mieie ce ponno…
Chi? Mammema? Signò, che nne sapite,
chella, ‘a notte, mme vasa pure ‘nzuonno! —
Mme ne jette. E vutaie p’ ‘o Mercatiello.
Ma ievo riflettenne, mmiez’ ‘a via,
chelli pparole d’ ‘o scartellatiello…
— Songo ll’uocchio deritt’ ‘e mamma mia !…
‘A mamma !… E ‘o scartellato mme parette
‘o guaglione cchiù bello e affurtunato,
‘ncunfronto a me, che a mammema perdette
d’ ‘o primmo iuorno niro che sso’ nato.

 

‘O sciore cchiù felice – Almamegretta

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Sanacore
1996 Indubb
2002 Venite! Venite!

Testo Della Canzone

‘O sciore cchiù felice – Almamegretta

Che suonno: cammenavo int’a nu prato
c’ ‘a cervella stevo assaje stunato
tutt’ ‘a campagna era nu raggio ‘e sole
nun se senteva manco nu rummore
sento ancora addure
tengo ll’uocchie chine ‘e tutti sti culure
me regne ‘o core stu paraviso
ce manche sulo tu vicino a me!

cammino ancora e veco mille sciure
n’arcobaleno ‘e mille culure
spartuto ogni culore uno cu n’ato
cu na gaiola ‘e fierro filato.

ce spiaje a nu sciore
pecchè nun ve piace ‘e sta tutt’ammiscate?
chillo ‘a copp’ ‘a mano me guardaje redenno
e accuminciaje a canta’:

“‘o sciore cchiù felice è ‘o sciore senza radice
corre comme ‘o cane senza fune, ‘o sciore senza padrune”.

all’intrasatta sponta n’ommo gruosso
me ne fujette ‘e pressa int’a nu fuosso
chist’ommo cu na favece affilata
tagliava ‘e sciure p’e ppurta’ ‘o mercato
si p’a primma vota
ncopp’ ‘ a bancarella stevano ammiscate
uè c’appiccecate uno cu n’ato pe se fa’ guarda’
e che dulore a essere tagliate,
che confusione a nu tene’ radice
però cà ncoppa simmo tutte eguale
senza culure, sulamente sciure.

ne fuje nu mumento
fujetteno ‘e sciure nunce vulette niente
primma spartute mo mano e mano
appizza ‘a recchia e sientece ‘e canta’:

“o sciore cchiù felice è ‘o sciore senza radice
corre comme ‘o cane senza fune ‘o sciore senza padrune”.
“o sciore cchiù felice è l’ommo senza radice
corre comme ‘o cane senza fune chist’ommo senza padrune
nuje simmo senza padrune
‘o sciore cchiù felice è ‘o sciore senza radice.

‘O scupatore – Raffaele Viviani

 

 

Testo Della Poesia

‘O scupatore – Raffaele Viviani

Mannaggia ‘a mazza ‘e scopa e quanno maie
patemo me menaje dint’ ‘a scupata!
Jette a du na perzona altilocata;
e chillo: “Vo’ nu posto? Ha da scupa’!”
Mo ca te lagne, parle d’aumento:
te faie nemice, pierde ‘e dignità;
e siente ‘e di’: ” Ccà n’ati cincuciento
già stanno pronte pe’ ve rimpiazza’!”
Tutte sti muorte ‘e famma
cresceno comm’ ‘e microbe:
so’ ‘a scumma d’ ‘a miseria
‘e tutt’ ‘a società!
‘Ngutte? T’abbutte ‘e collera.
Sfuoghe? Cu cchi? cu ll’aria?
‘A vocca ‘a tiene? E ‘nzerrala,
pecché nun puo’ parla’.
E scerùppate tutt’ ‘e pponte ‘e pietto,
tutte sti strate, sempe malamente!
E quanno è doppo vene nu sergente
e dice ca si’ muscio a fatica’.
È nu brutto mestiere, ‘o scupatore!
E i’ v’ ‘o dico cu tutta l’esattezza,
pecché ce songo nato ‘int’ ‘a munnezza;
e tengo competenza e serietà.
Sulo na cosa sta ‘int’ ‘a classa nosta:
ca tu nun truove nu privileggiato.
Nuje simmo tutte uguale, uno cu n’ato,
cu ‘a stessa scopa ‘mmano pe’ scupa’.
Comme a tutte nuje aute,
forze, ched’è, nun scopano
pure ‘ncoppa ” San Giacomo”
chille ca stanno llà?
Nuje pulezzammo ‘e vicule,
‘e strate, ‘e piazze ‘e Napule,
lloro, cu ‘a penna, scopano
‘e sorde d’ ‘a città.
Siente dint’ ‘e discurse: Scioperate!
E va buono, d’accordo, sissignore.
Ma che vuo’ sciopera’ si l’assessore
nun ce fa caso si scupammo o no?
Nun è comme a muglierema che, a’ casa,
quann’io ce vaco cu sti bbracce rotte,
è capace ‘e me di’ quase ogne notte:
– Ma comme, sulo ccà nun vuo’ scupa’?
E i’ po’ che aggi’ ‘a risponnere?
Me ‘nquarto, me murtifico,
ma è sempe tutto inutile:
a vita accussì va.
‘E fforze nun me rejeno
‘e fa’ chisti servizie.
Si a’ casa me sacrifico,
servo a ll’umanità.

 

‘O sole mio – Canzone Napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O sole mio – Canzoni Napoletane

(di: Giovanni Capurro – Eduardo Di Capua)
Interpretata da:

Andrea BocelliAngelo BranduardiAnna OxaBeniamino GigliBruno VenturiniClaudio VillaDalidaEttore BastianiniLina SastriLuciano PavarottiElvis PresleyEnrico CarusoFerruccio TagliaviniFranco CorelliFred BongustoGipsy KingIl Giardino dei SempliciIl VoloJosé CarrerasLuciano PavarottiMario Del MonacoMario LanzaMario TreviMassimo RanieriMichelangelo VersoMinaPlacido DomingoPietra MontecorvinoRenzo ArboreRobertino LoretiRoberto Murolo – Sal da VinciSergio Bruni

* Pietra Montecorvino2004 Napoli Mediterranea
Il Giardino dei Semplici – 2005
Gipsy King
Luciano Pavarotti
* Mina1968 Le più belle canzoni italiane interpretate da Mina
1969 I discorsi (Lato B)2003 Napoli secondo estratto
* Andrea Bocelli1995 Viaggio Italiano1997 A night in Tuscany
* Elvis Presley1977 Elvis in concert
* Renzo Arbore1995 Napoli: punto esclamativo! Internescional uei!
1997 Famose Canzoni Napoletane
2006 Renzo Arbore l’Orchestra Italiana at carnegie hall New York
2007 Diciottanni di… “Canzoni Napoletane” (…quelle belle)
* Sal da Vinci2008 Canto per amore
* Angelo Branduardi2009 Senza spina
* Il Volo2010 Il Volo
* Anna OxaFestival di Sanremo 20112011 150 anni dell’Unità d’Italia
Gianna Nannini – 2014 Hitalia

Che bella cosa
na jurnata ‘e sole!…
N’aria serena
doppo a na tempesta…
Pe’ ll’aria fresca
pare giá na festa…
Che bella cosa
na jurnata ‘e sole!…

Ma n’atu sole
cchiù bello, oje né’,
‘o sole mio,
sta ‘nfronte a te…
‘O sole,
‘o sole mio,
sta ‘nfronte a te…
sta ‘nfronte a te!

Lùceno ‘e llastre
da fenesta toja;
na lavannara
canta e se ne vanta…
e pe’ tramente torce,
spanne e canta,
lùceno ‘e llastre
d
a fenesta toja…

Ma n’atu sole
…………………
Quanno fa notte
e ‘o sole se ne scenne,
mme vène quase
na malincunia…
sotta fenesta
toja restarría,
quanno fa notte
e ‘o sole se ne scenne…

Ma n’atu sole

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
G   Am7  D7  G
 Cm7  G   D7  G
 D7

          G   /5+              Am    /7+ /7
Che bella cosa è na jurnata 'e sole
Am6      D    D7          G     /7+  /6
n'aria serena doppo na tempesta
D7          G     /5+          Am
Pe' ll'aria fresca pare già na festa
Cm7       G          D7      G
che bella cosa na jurnata 'e sole

         G
Ma n'atu sole
               Am7
cchiù bello oi nè
        D7
'o sole mio
              G
sta nfronte a te
   Cm7          G
'o sole 'o sole mio
              D7
sta nfronte a te
              G       C  Cm  G  D7
sta nfronte a te


          G   /5+               Am      /7+ /7
Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne
Am6     D    D7          G     /7+  /6
me vene quase 'na malincunia
D7         G     /5+        Am
Sotto 'a fenesta toia restarria
Cm7       G               D7    G
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne


         G
Ma n'atu sole
               Am7
cchiù bello oi nè
        D7
'o sole mio
              G
sta nfronte a te
   Cm7          G
'o sole 'o sole mio
              D7
sta nfronte a te
              G
sta nfronte a te
              D7
sta nfronte a te
              G        Cm7  G7+
sta nfronte a te...

‘O sole se ne jeva – Alunni Del Sole

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Di canzone in canzone

Testo Della Canzone

‘O sole se ne jeva – Alunni Del Sole

‘O sole se ne jeva a poco a poco
‘ncoppa ‘e campe ‘e cerase e rose.
Chi t’ha raccontato aiere chesta scusa
‘e dicere c’ammore è ‘nata cosa
e je porto chesta spesa tutte ‘e juorne
pe’ dicere si è overo ca nun tuorne
nun tuorne cchiù addu me.
Ammore quantu tiempo è passato
E tu si’ nato cchiù ‘e ‘na vota.
Ammore, dinte ‘e fronne ‘e limone
Ce sta ancora ‘n’ ammore
Che pensa a tte.
Tu nun me chiedarraje cchiù ‘e me.
E juorne doppe juorne ‘n ‘at’ammore
E stu sole luntano turnava.
Chi t’ha purtato aiere chesti rose
Pe’ dicere d’ammore è ‘nata cosa.
E je ca me sento sempe nu’ pensiere
Dimme si forse è overo o nunn’è overo
Si tuorne cchiù addu me, addu me.
Ammore quantu tiempu è passato…

 

‘O ssaje comme fa ‘o core – Pino Daniele

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Sotto ‘o sole

Testo Della Canzone

‘O ssaje comme fa ‘o core – Pino Daniele

Pino Daniele e Massimo Troisi

Canzoni Napoletane
Canzoni Napoletane O

Tu stive ‘nzieme a n’ato
je te guardaje
primma ‘e da’ ‘o tiempo all’uocchie
pe’ s’annammura’
già s’era fatt’ annanze ‘o core.
A me, a me
‘o ssaje comme fa ‘o core
a me, a me
quann’ s’è annamurato
. Tu stive ‘nzieme a me
je te guardavo
comm’è succiesso, ammore
ca è fernuto
ma je nun m’arrenn’
ce voglio pruva’.
Je no, je no
‘o ssaje comme fa ‘o core
je no, je no
quann s’è sbagliato


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
A6 Dm Dm6



A
Tu stive 'inzieme a n'ato e je te guardaje

F#m                                             A
primma 'e dai' tiempo all'uocchie pe s'annamura'

E                             F#m7
giai' s'era fatt'annanze 'o core

     D#7 G#m
A me a me

 F#m                 B   G#m7
'o ssaje comme fa 'o core

         F#m B
A me a me    

                    Em  A
quann' s'e' annamurato  

Tu stive 'nzieme a me je te guardavo

F#m
comm'e' succiesso ammore ca e' fernuto

E                                A
ma je nun m'arrenn' ce voglio pruva'

           G#m
je no je no

 F#m               B
'o ssaje comme fa 'o core

      G#m  F#m
je no je no

B                  Em
quann' s'e' sbagliato.



(Parlato) 

                        A#
Ossaje comme fa' o core 

                      Bm
quanno se sbagliato no

                 Em
Quanno se sbagliato


Dm D A Dm A F#m7 A Bm9 Bm E9



E                             A
ma je nun m'arrenn' ce voglio pruva'

   D#m     G#m F#m                 B7    G#m
je no je no     'o ssaje comme fa 'o core

           F#m
je no je no

B                    C
quann' s'e' sbagliato

D                  CM7
quann' s'e' sbagliato

D F C Dm D C Dm

***

‘O surdato ‘nnammurato – Canzoni Napoletane

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O surdato ‘nnammurato – Canzoni Napoletane

(di: Aniello CalifanoCannio)

Interpretata da:
Anna MagnaniAndrea BocelliCarmelo ZappullaClaudio VillaConsiglia LicciardiIl Giardino dei SempliciLina SeneseLuciano CaldoreLuciano PavarottiMario TreviMassimo LangellaMassimo RanieriPietra MontecorvinoRenzo ArboreRoberto MuroloRoberto VecchioniSal da VinciSergio Bruni

Anna Magnani – (nel Film: “La sciantosa” – 1970)
2005 – Il Giardino dei Semplici
* Massimo Ranieri1972 ‘O surdato ‘nnammurato1997 Grazie Massimo!
2001 Oggi o dimane
* Roberto Murolo1995 Anema e core1996 Antologia napoletana
* Pietra Montecorvino2004 Napoli Mediterranea
* Sal da Vinci2005 Anime napoletane
* Renzo Arbore2005 Finalmente Live!2006 Renzo Arbore l’Orchestra Italiana at carnegie hall New York
* Roberto VecchioniFestival di Sanremo 20112011 150 anni dell’Unità d’Italia
* Massimo Langella2011 ‘Na bruna

* Gigi D’Alessio2015 Malaterra

Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si’ sicura ‘e chist’ammore
comm’i’ só’ sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si’ stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me?!
Ma, scetánnome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te…

Oje vita….

Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola…
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me…
‘A cchiù bella ‘e tutte bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita….

 

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
FA      SIb         FA
Stai luntana da stu core
SOLm
e a te volo cu' 'o penziero
DO7                    REm 
niente voglio e niente spero
SOLm  FA            DO7      FA  
ca  tenerte sempe affianco a me
SIb                 LA
Si sicura e chist'ammore
REm                    LA   DO7
comm' i' so' sicuro 'e te.

   FA            DO7  
Oi vita, oi vita mia
                  FA6
oi core 'e chistu core,
   RE7              SOLm
si stata 'o primm'ammore
            FA          DO7     FA  
'o primmo e l'ultimo sarrai pe' mme

Quanta notte nun te veco,
nun te sento int'a sti braccia
nun te vaso chesta faccia
nun t'astregno forte mbraccia a me
Ma scetannome 'a sti suonne
me fai chiangnere pe' te.

Oi vita, oi vita mia  ...

Scrive sempe sta' cuntenta
io nun penzo che a te sola
nu penziero me cunsola
c' a tu pienze sulamente a me.
'A chiu' bella e tutt' e belle
nun e' mai chiu' bella 'e te.

Oi vita, oi vita mia ...

‘O tiempo se ne va – Squallor

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O tiempo se ne va – Squallor

‘Sta luna pare ‘na scorza ‘e limone
E
e comme è blu ‘sto cielo ‘e cartone’o mare me sciacqua ‘e palle Mariù

cu’nu vasillo se sceta o cardillo

e vulesse campà bella ‘e papà

‘o tiempo se ne va e tu nun vuoi chiavà

ma quanno ‘e chist’ammore sulo

‘o turzo resterrà

allora scoprirai la differenza che ce

sta

fra nu morso e nu bucchino

e almeno vuoi capì che ognuno

ha da campà

s’io pernacchio ‘no Vesuvio si’ na

gozza de diluvio

e si to mettesse ‘n culo che vuò fa

ma ‘o siempo se ne va dimane nun

si sa

se ‘a mazza me si arrizza

si nun te cala a zizza nun se sa

la vita è un varieté e’o

cazzo

e come un re

e io che sò guaglione te rompe

stu bastone

sott’a luna puttana

comme a tte

stanotte hanno fatto ‘e cinque ‘e matina

e a chi la do sta specie ‘e banana

è inutile ca me dici di no

ma che credisse carà vocagione

pe’ te violentà

aggià piscià

o tiempo se ne va e te ne pentirai

tu tiene ‘n miezze ‘e cosce ‘na

ferrai e non ci vai

i’te voglio bene ‘o stesso

perciò scusami se insisto

ie se te ‘o mettesse ‘n culo che vuò fa

ma ‘o tiempo se ne va

dimane nun se sa

se ‘a mazza me se arrizza

si nun te cala ‘a zizza nun se sa

la vita è un varieté

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
       A                         C#m
'Sta luna pare 'na scorza 'e limone
          D7+                   E
e comme è blu 'sto cielo 'e cartone
    Bm                       D   G
'o mare me sciacqua 'e palle Mariù
        D                   F7
cu'nu vasillo se sceta o cardillo
             E
e vulesse campà bella 'e papà
    A                C#m
'o tiempo se ne va e tu nun vuoi chiavà
    Em               F#7
ma quanno 'e chist'ammore sulo
    Bm
'o turzo resterrà
    Dm        C#7      F#m
allora scoprirai la differenza che ce
 A
sta
                B A  B      E
fra nu morso e nu    bucchino
   A                     C#m
e almeno vuoi capì che ognuno

ha da campà
        Dm             G
s'io pernacchio 'no Vesuvio si' na
C7+          F7+
gozza de diluvio
     Bb                Bm          E
e si t''o mettesse 'n culo che vuò fa
                   A  A7+ A6   F#7
ma 'o siempo se ne va     dimane nun
   Bm
si sa
      D             E7
se 'a mazza me si arrizza
   Bm7           E7           A7+  A
si nun te cala a zizza nun se sa   
Bm
   E7              A  A7+ A6
la vita è un varieté         e'o
  F#7
cazzo
           Bm
e come un re
             E7           Bm
e io che sò guaglione te rompe
       E7
stu bastone
        F7 E7
sott'a luna puttana
         A  F#m Bm E7
comme a tte        
   A                               C#m
stanotte hanno fatto 'e cinque 'e matina
           D7+                E
e a chi la do sta specie 'e banana
    Bm                D  G
è inutile ca me dici di no
          D              F7
ma che credisse carà vocagione
             E
pe' te violentà
E7
aggià piscià
   A                C#m
o tiempo se ne va e te ne pentirai
    Em                F#7
tu tiene 'n miezze 'e cosce 'na
    Bm
ferrai e non ci vai
       Dm               G
i'te voglio bene 'o stesso
        C7+           F7+
perciò scusami se insisto
      Bb                Bm            E
ie se te 'o mettesse 'n culo che vuò fa
                   A  A7+ A6
ma 'o tiempo se ne va     
 F#7          Bm
dimane nun se sa
      D              E7
se 'a mazza me se arrizza
    Bm7             E           A7+ Bm
si nun te cala 'a zizza nun se sa   
    A            A   A7+ A6
la vita è un varieté     

‘O trerrote – Tony Tammaro

Album

È contenuto nei seguenti album:

1997 Monnezzarium
1999 Tutto Tony Tammaro

Testo Della Canzone

‘O trerrote – Tony Tammaro

Testo: Tonitammaro – C.Finale Musica: Tonitammaro 

 

I’ port’ ‘o trerrote
Io guido l’Ape Car
‘o trerrote ra’ piaggio
l’Ape Car della Piaggio,
me sceto ‘e quatta matina
mi alzo alle quattro del mattino
e cocche vota pure
e quatte dieci
a volte mi sveglio più tardi
e po’ vago ‘o mercato
e poi vado al mercato
e me carco ‘e meluni.
e faccio il carico di cocomeri.

L’ ato jorno a Casoria
l’ altro ieri a Casoria, vicino Napoli
s’è schiattata na’ rota
ho forato un pneumatico
pecché ‘a strada fa’ schifo!
perché il fondo stradale non è dei migliori!
e se’ ammuccato ‘o trerrote
e si è ribaltato l’ Ape Car
e so’ caruti tuttee meluni!
e sono caduti tutti i cocomeri!
e me so cacato sott!
e io ho avuto molta, molta paura!

E tutte ‘e machine che passavano
e tutte le auto che transitavano per Casoria
jevano a fernì ‘ncoppe meluni
finivano sui miei cocomeri
e nescuno se fermava a vere’ a me che mera succiesso!
e nessuno mi soccorreva!
e cocche
runo se futteva pure ‘e meluni!
e qualcuno se ne approfittava!
io alluccavo tiratemi fuori ‘a into trerrote!
Io gridavo: -Aiuto!-
e ‘a gente si metteva ‘e meluni int
e bagagli dd’e machine e se ne foievano

Ieee! i’ port’ ‘o trerrote
i’ port’ ‘o trerrote
i’ port’ ‘o trerrote
i’ port’ ‘o trerrote
i’ port’ ‘o trerrote
i’ port’ ‘o trerrote
I’ portavo ‘o trerrote
Io guidavo l’ Ape Car

e mo’ porto ‘e stampelle
ed ora sono bloccato in ospedale
ma sé acchiappo ‘a quillo che s’a’ fottuto ‘e meluni
ma se trovo l’autore del furto dei miei cocomeri
m’faccio raareto pure ‘e scorze e sement!
mi faccio restituire le bucce e i semi
a’ gente fanno tant
e signori
la gente crede di essere per bene
e po’ se fottono’ ‘e melun

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

Accordi: SOL - LAm - MI (giro di blues)

I' port' 'o trerrote
Io guido l' Ape Car
'o trerrote ra' piaggio
l' Ape Car della Piaggio,
me sceto 'e quatt' 'a matina
mi alzo alle quattro del mattino
e cocche vota pure''e quatt' 'e dieci
a volte mi sveglio più tardi
e po' vago 'o mercato
e poi vado al mercato
e me carco 'e meluni.
e faccio il carico di cocomeri.
L' ato jorno a Casoria
L' altro ieri a Casoria, vicino Napoli
s'è schiattata na' rota
ho forato un pneumatico
pecché 'a strada fa' schifo!
perché il fondo stradale non è dei migliori!
e se' ammuccato 'o trerrote
e si è ribaltato l' Ape Car
e so' caruti tutti' 'i meluni!
e sono caduti tutti i cocomeri!
e me so cacato sott!
e io ho avuto molta, molta paura!
E tutte 'e machine che passavano
e tutte le auto che transitavano per Casoria
ievano a fernì 'ncoppa i meluni
finivano sui miei cocomeri
e nescuno se fermava a vere' a me che mera succiesso!
e nessuno mi soccorreva!
e cocche''runo: se futteva pure 'e meluni!
e qualcuno se ne approfittava!
io alluccavo tiratemi fuori 'a int''o trerrote!
Io gridavo: -Aiuto!-
e 'a gente si metteva 'e meluni int 'e bagagli dd'e machine e se ne foievano
Ieee! i' port' 'o trerrote
i' port' 'o trerrote
i' port' 'o trerrote
i' port' 'o trerrote
i' port' 'o trerrote
i' port' 'o trerrote
I' portavo 'o trerrote
Io guidavo l' Ape Car
e mo' porto 'e stampelle
ed ora sono bloccato in ospedale
ma sé acchiappo 'a quillo che s'a' fottuto 'e meluni
ma se trovo l' autore del furto dei miei cocomeri
m'faccio ra''areto pure 'e scorze e sement!
mi faccio restituire le bucce e i semi
a gente fanno tant 'i signori
la gente crede di essere per bene
e po' se fottono' 'e melun

‘O Vesuvio – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O Vesuvio – Canzoni Napoletane

(Giglio – Domenico Modugno)

Sergio BruniDomenico ModugnoMauro Nardi

CHI E’ CA’ CHIAGNE?

CHI E’ CA’ STA CHIAGNENNO

‘NCOPP’A MUNTAGNA?

PARE ‘NA VOCI’ANTICA

CA’ SE’ LAGNA

CHI E’? CA’ CHIAGNE?

E’ ‘O’O GIGANTE DA’ MUNTAGNA

MA COMME SE’ LAGNA

MA COMME SE’ LAGNA

MA COMME SE’ LAGNA

TENEV’O FUOCO

DINT’E VVENE

E MMO’ VIV’APPENA

E MMO’ VIV’APPENA

E MMO’ VIV’APPENA

TENEV’E CAPILLE

CA’ TUCCAVAN’O SOLE

CU’ NAPULE TUTTA

FACEVA LL’AMMORE

TENEVA ‘NA FORZA

CA’ SI’ S’ARRAGGIAVA

‘A GGENTE TREMMAVA

TREMMAV’E PAURA

PE’ ‘STU GIGANTE DA’ MUNTAGNA

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

E SCENNE DO’ CIELO

‘NA NUVOLA ROSA

SO’ PIGLI,INT’E BRACCIA

E MENTRE SO’ VASE

SE SENT’A LUNTANO

‘NA MANDULINATA

E’ NAPULE TUTTA

CA’ VEN’A CANTA’

AH, AH, AH

PE’ ‘STU GIGANTE

DA’ MUNTAGNA

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE

MO’ NAPULE CHIAGNE, AH.!!


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
A#m            Fm
CHI E' CA' CHIAGNE?

       A#m
CHI E' CA' STA CHIAGNENNO

              Fm
'NCOPP'A MUNTAGNA?

  F#M7
PARE 'NA VOCI'ANTICA

    A#m9
CA' SE' LAGNA

        Fm      A#m9
CHI E'? CA' CHIAGNE?

F            Fsus4  Fm
E' 'O'O GIGANTE DA' MUNTAGNA


MA COMME SE' LAGNA

A#m9
MA COMME SE' LAGNA

Fm
MA COMME SE' LAGNA

A#m9 F          A#m9
     TENEV'O FUOCO

   Fm
DINT'E VVENE

E MMO' VIV'APPENA

A#m9
E MMO' VIV'APPENA

Fm             A#m9
E MMO' VIV'APPENA

          C#M7
TENEV'E CAPILLE

      Fm         G#6
CA' TUCCAVAN'O SOLE

      Fm7    F#M7
CU' NAPULE TUTTA

    A#m9      F
FACEVA LL'AMMORE

              C#M7
TENEVA 'NA FORZA

        Fm        G#6
CA' SI' S'ARRAGGIAVA

       Fm7      F#M7
'A GGENTE TREMMAVA

   A#m       Fsus4 F A#m
TREMMAV'E PAU        RA

                          Fm
PE' 'STU GIGANTE DA' MUNTAGNA

MO' NAPULE CHIAGNE

A#m
MO' NAPULE CHIAGNE

Fm
MO' NAPULE CHIAGNE

A#m
MO' NAPULE CHIAGNE

Fm
MO' NAPULE CHIAGNE



A#m7 C#6 A#m7 Fm Fm A#m7 Fm A#m7 C#6 A#m7 C#6 Fm Fm A#m7 Fm A#m7 C#6 A#m7





Fm   G#         C#M7
E SCENNE DO' CIELO

      Fm     G#
'NA NUVOLA ROSA

                   F#9
SO' PIGLI,INT'E BRACCIA

               Fm
E MENTRE SO' VASE

F Fm           C#M7
  SE SENT'A LUNTANO

       Fm    G#
'NA MANDULINATA

            F#9
E' NAPULE TUTTA

CA' VEN'A CANTA'

Fm
AH, AH, AH

PE' 'STU GIGANTE

         Fm
DA' MUNTAGNA

MO' NAPULE CHIAGNE

A#m            Fm
MO' NAPULE CHIAGNE

MO' NAPULE CHIAGNE

A#m
MO' NAPULE CHIAGNE

Fm
MO' NAPULE CHIAGNE

A#m9
MO' NAPULE CHIAGNE

Fm
MO' NAPULE CHIAGNE

A#m
MO' NAPULE CHIAGNE

Fm                  A#m
MO' NAPULE CHIAGNE, AH.!! 

***

‘O viulino – Canzone napoletana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘O viulino – Canzoni Napoletane

Fred Bongusto – Luciano Tajoli – Rino Salviati – Tonino Apicella

Da vintanne tatillo teneva
nu viulino di sua proprieta’
cu mammella c’appriesse li jeva
cunsumavano e vie da citta’.
e tatillo sunava ‘o viulino
e mammella cantave a canzona
e nennillo passava o piattino
liriuli’ liriuli’ liriula’
e tatillo sunava ‘o viulino
e mammella cantava a canzona
e nennillo passava o piattino
liriuli’ liriuli’ liriula’
ma nu juorne tatillo dicette
nun ci’a faccio
so’ stanco e suna’…
e pusanne o viulino
murette….
e mammella fernette ‘e canta’
po’ mammella vennette ‘o viulino
e cagnaje pur’essa ‘o padrone
a nennillo e’ rimasto ‘o piattino
liriuli’ liriuli’ liriula’
p’accattarse ‘o viulino
e tatillo
sta cantanne migliare e canzone
dammuncella na lira a nennillo
liriuli’ liriuli’ liriula’
mparavise se sona ‘o viulino
n’coppa terra
tenimme o padrone
dammuncella na lira a nennillo

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
A#m F

A#m
DA VINTANNE TATILLO TENEVA

F
NU VIULINO DI SUA PROPRIETA'

A#m
CU MAMMELLA C'APPRIESSE LI JEVA

A#7 D#m                         A#m F
    CUNSUMAVANO E VIE DA CITTA'.    

A#
E TATILLO SUNAVA 'O VIULINO

F
E MAMMELLA CANTAVE A CANZONA

A#
E NENNILLO PASSAVA O PIATTINO

G Cm                         A#sus4 F
  LIRIULI' LIRIULI' LIRIULA'        

A#                          Cm
E TATILLO SUNAVA 'O VIULINO 

F7                           Cm F7
E MAMMELLA CANTAVA A CANZONA    

A#                            G
E NENNILLO PASSAVA O PIATTINO 

Cm                         A# F7 A# Cm F Dm Gm Cm F A# A#m F
LIRIULI' LIRIULI' LIRIULA'                                 



A#m                          F               D#m6
MA NU JUORNE TATILLO DICETTE NUN CI'A FACCIO 

F                      A#m A#7
SO' STANCO E SUNA'...      E PUSANNE O VIULINO MURETTE....

D#m                           A#m F A#
E MAMMELLA FERNETTE 'E CANTA'       


                                 Cm
PO' MAMMELLA VENNETTE 'O VIULINO 

F                             Cm F
E CAGNAJE PUR'ESSA 'O PADRONE    

A#                                G
A NENNILLO E' RIMASTO 'O PIATTINO 

Cm                         A#sus4 F
LIRIULI' LIRIULI' LIRIULA'        

A#                                Cm7 F9
P'ACCATTARSE 'O VIULINO E TATILLO   
  
Cm7                             F9
STA CANTANNE MIGLIARE E CANZONE 

A#                             G G7
DAMMUNCELLA NA LIRA A NENNILLO   

Cm                         A# Cm6 A# Cm F7 Cm A# G Cm A#sus4 F A#
LIRIULI' LIRIULI' LIRIULA'                                     



Cm7                          F A#
MPARAVISE SE SONA 'O VIULINO   N'COPP''A TERRA

Gm7               F                              A#
TENIMME O PADRONE DAMMUNCELLA NA LIRA A NENNILLO 

***

‘Pe telefono – Gianni Celeste

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Profumo di…

Testo Della Canzone

‘Pe telefono – Gianni Celeste

CIAO AMORE MIO
COMME STAIE
É TANTO TIEMP CA NUN TE SENTEV
SCUSA LO SÓ CHE É TARDI
MA TE PREG
SE TU RIATTACC NUN TROV CCHIÚ A FORZ

RIT: PE TE CHIAMMÁ
PE TE PARLÁ
PE DÍ CA SO STAT NU SCEM
NUN AGG CAPIT MAI NIENT
MA SENZ E TE IJ STÓ MURENN
NON DÍ CHE TARD
E TE AGGIO BISOGN
T’AGGIA VEDÉ
DIMAN AE TRE
LASSAL A CAS ST’ORGOGL TE PREG
CURR ADDU ME

SAI AMORE MIO
IJ STÓ MAL
NUN STÓ DURMENN PE TE STÓ SUFFRENN
T’AMO CUMM A NA VOLT
IJ TO GIUR
SI TU RIATTACC NUN TROV CCHIÚ A FORZ

RIT: PE TE CHIAMMÁ
PE TE PARLÁ
PE DÍ CA SO STAT NU SCEM
NUN AGG CAPIT MAI NIENT
MA SENZ E TE IJ STÓ MURENN
NON DÍ CHE TARD
E TE AGGIO BISOGN
T’AGGIA VEDÉ
DIMAN AE TRE
LASSAL A CAS ST’ORGOGL TE PREG
CURR ADDU ME

T’AGGIA VEDÉ
DIMAN AE TRE
LASSAL A CAS ST’ORGOGL TE PREG
CURR ADDU ME

AMMORE MIJ TE CERC SCUS PE TUTT O MALE CA T’AGG FATT
PE N’AVVENTUR T’AGG PERS E NUN ME RENDEV CONT
CA NAT COMM A TE IJ NUN A TROV CCHIÚ TU SI UNICA
E SE ME PERDON NUN TE LASS CCHIÚ NO NUN TE LASS CCHIÚ

‘Sta cità – Alberto D’Amico

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

‘Sta cità – Alberto D’Amico

‘Sta cità xe ricamada
imperlada de bomboni
xe un sucaro de galani
el dialeto venesian

La xe bela no se discute
la xe proprio ‘na gran Dama
che Firense ma che Roma
la più bela xe ‘sta qua

La più bela de tutto el mondo
xe Venesia co le so rive
ma la zente che ghe vive
ga paura de ‘sto mar
mar che cresse mar che cala
co’ le piove coi sirochi
‘sta cità ne casca in tochi
la xe tuta da salvar

A San Marco in agosto
se ti vien come turista
i colombi te fa festa
i te speta par magnar

Ma che bela la Ca’ D’Oro
co’ i so marmi che se specia
anca l’aqua la xe vecia
qua xe tuto antichità

La più bela de tuto el mondo
xe Venesia co la so storia
ma le case fa miseria
quanti busi che le ga
sarà bei i palassi
xe magnifiche le cese
ma se casca zo le case
dime dove ‘ndemo star

Sarà bela la Regata
quando passa le Caorline
le Sampierote le Bissone
el Bucintoro col leon

Sarà beli i vogadori
col costume de ‘na volta
par che el tempo se revolta
che no’l sia mai passà

La più bela de tuto el mondo
xe Vensia co’ le so barche
ma la ga le onde sporche
el palugo incatramà
l’aqua ciara de ‘na volta
gera come madreperla
dovaremo ben netarla
se volemo ‘ndar pescar

Sarà beli i gondolieri
co le magete bianche e rosse
tuto el mondo li conosse
come el simbolo de la cità

Ma però in fotografia
no gavemo visto mai
quarantamila operai
de la zona industrial

La più bela de tuto el mondo
xe Venesia in cartolina
ma mostré anca Fusina
Ca’ Emiliani e Macalè
la più bela de tuto el mondo
xe Venesia che lavora
xe le lote de Marghera
che fa granda ‘sta cità
che fa granda ‘sta cità

‘Sti du’ còri – Poesie Romane

Testo Della Poesia

‘Sti du’ còri delle Poesie Romane

Perché ‘sti du’ còri innamorati stanno uniti e batteno assieme
Se se ferma uno se ferma anche l’altro, aricordatelo
Se solo potessi sentire ciò che er còre mio te vorebbe da dì
Nun staresti un’attimo de più li pe’ scappà subito
Qui amo’, t’ho donato er còre dar primo giorno che t’ho vista.
Come vorrei aritornà addietro ner tempo
A quanno t’aspettavo cor fremito nell’anima,
Cor còre che batteva, solo vederti me piava o scompenso
‘A gioia de abbracciatte, de parlatte.
De sentitte, de fa’ l’amore co’ te,
De rivedé l’occhi tua verdi, che cianno ‘no sguardo particolare
Cianno ‘o sguardo den’innamorata.
Quaa volta che stavamo sur ponticello der lago,
Pijatte in braccio pe’ poi poggiatte sur muricciolo,
Nemmeno l’occhiali tua coprivano ‘sta bellezza de madre natura,
Perché traspariva dar còre e dall’anima tua solo ‘na parola: “so’ tua”.

 

‘U nnamureatu pazzu – Canzoni Calabresi

 

 

Testo Della Canzone

‘U nnamureatu pazzu – Canzoni Calabresi

Mi signu ‘nnamurèatu ‘e’ ‘na guagliuna,
‘a vij’ tutt’i juarn’e d’u barcunu,
mi guarda e ffa lla mossa ch’u mmi vida
e dinthr’e illa pu’ si nni rida.
Ed ij’ch’e’ pers’u sùann’ e ll’allegria,
‘a pèacià d’appitittu e lla fantasia;
quannu parru ccu’ lla cumpagnia,
ij’ parru, sempi,…e ssudament’e tia.
Ritornello
Ti vùagliu beni cchjù dd’a vita mia,
‘ca ij’ senza ‘e tia ‘un pùazzu cchjù campèari;
ti vùagliu beni, Rosa ‘e ‘d’a vita mia
‘ca ij’ senza de tia ‘un pùazzu cchjù campà’.

Tu si’ ‘u cchjiù biallu jurnu mèaj’ jurutu,
ma ‘ssu profumu tua ‘u’ll’ ‘è’ mèaj’ aavutu,
‘ca’ t’u’ tìani sudu ppe’ ttia:
famm’ordureari ‘na zica pur’ a mmia.
Ti cantu ‘ssa canzuna e tti la cantu
ppe’ ffèari ‘nu dispìattu a ttutti quanti;
ma si tu ‘na paroda mi dici
ppè ttutt’a vita mi fa’ fedici.
Ritornello

 

‘U Santu Bambinu – Canzoni Calabresi

 

 

Testo Della Canzone

‘U Santu Bambinu – Canzoni Calabresi

Santu bambinumiu,
pruviditi tutti i piccirilli,
manna loru: (uogliu e farina)

chista eí la festa e duí principali:
bonu venutu lu santu Natali!.
santubambinu miu,
chissu munnu eí chyiína e míbroglia
tutta a genti síeí stancata
e tíadurari unníha chíjuí voglia!.

lu patrunu della tavula
eílu: (baccalaígrispiellu)
puri i vruocculi ammullicati
i turruni,i susumielli;
e spianni ëa nnuí spuntunu:
cíeí nuí piattu e capitunu!.
supra a tavula e duí mípiegatu
chilla sira cíeí tutibeni:
a tridicesima eí spitiata
amaru chilli cuuí la teni!.

lu tíaduru,bambiniellu,
ricchizzunu,troccaniellu,
allu munnu porta a paci
ccuí venissi ëncunu ribiellu!!.
níchjnocchiatu avanti a grutta
e nuí presepiu e povariellu
San Giuseppe fatigava,a Madonna
líanninnava, cum dormia lu bambiniellu!.

chista eí la festa e du principali
eí bonu venutu lu Santu Natali!!!

 

 

‘U zitu – Canzoni Calabresi

 

Testo Della Canzone

‘U zitu – Canzoni Calabresi

Ohi mammà lu zitu vè
ccu lu ëndindirindì,ccu lu ëndindirindè.
(si ripete due volte)
Oi mammà venutu è…eh..eh..eh..
(si ripete due volte)
Rapa la porta e fallu trasì
ccu lu ëndindirindì,ccu lu ëndindirindi.
(si ripete sempre due volte)
Oi mammà trasutu è…eh..eh..eh..

Piglia ëna seggia e fallu assettà
ccu lu ëndindirindì ccu lu ëndindirindà.

Oi mammà sedutu è…eh..eh..eh..

Conza la tavula e fallu mangià
ccu lu ëndindirindì ccu lu ëndindirindà.

Oi mammà mangiatu ha…ah..ah..ah..

Conza lu liettu e fallu curcà
ccu lu ëndindirindì ccu lu ëndindirindà.

Oi mammà curcatu è…eh..eh..eh..

Stuta la luce ca vò ripusà
ccu lu ëndindirindì ccu lu ëndindirindà.

Oi mammà cumíhaiuíe fa…ah..ah..ah..

Su bellu guagliune mi vuogliu piglà
ccu lu ëndindirindì ccu lu ëndindirindà.

 

(À des enfants soldats) – Adamo

Album

È contenuto nei seguenti album:

1979 Pauvre liberté…

Testo Della Canzone

(À des enfants soldats) – Adamo

 

Paysages d’abandon
Où la guerre fait ronron
Mais on ne perd la main
Un faux rideau
Et on recommence
Et ces maisons de carton
Alignées pour l’occasion
Comme les wagons d’un train
Comme des ragots
En éternelle partance

J’ai vu des villes blessées
Et de boue
Vaille que vaille
Devant l’étranger afféré
A piller leurs entrailles
J’ai chanté la liberté
A des enfants soldats
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas

La misère est au fronton
Chez les marchands d’illusion
On fait la lutte à la mort
Oui, mais on ri
Beaucoup trop fort
Et la fille est dans la jonque
Et la mère fait le guet
Pendant qu’un client quelconque
Se la paie
Pour sa menue monnaie
Et dans la ville aux aguets
J’ai vu pleurer mon guide
Quand le Père Noël est passé
Avec sa hotte vide
Mais j’ai chanté la liberté
A des enfants soldats
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas
Qui m’ont souri remercié
Et sont rentrés au pas

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale
con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

(As Long As They’ve Got) Cigarettes In Hell Oasis – Testo con accordi e traduzione in italiano

(As Long As They’ve Got) Cigarettes In Hell – Oasis Testo, Traduzione e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

Trascorri i tuoi giorni semplicemente camminando e facendo compere,
a seconda di quanto la fortuna sia dalla tua parte
Sprechi la vita notturna saltellando da un tavolo all’altro
e cercando di tenere in buono stato il tuo sacco di ossa
Non mi interessa essere immortale
poiché non è gran che per quel che posso dire
Non mi importa di andare in Paradiso
finché ci saranno sigarette
finché ci saranno s –> Continua su Testitradotti <–

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

Strum: Re7 Soladd9/Re Re Re Doadd9 Sol/Si Re Re
Re9 Re6/9
spend your days just working and shopping
Resus2b5 Sol6/Re Re
depending on how much your luck is in
Re9 Re6/9
spend your night life table hopping
Resus2b5 Sol6/Re Re
and trying to keep that bag of bones in trim
Do Sol–> Continua su Accordi per Chitarra <–

 

TESTO

Il Testo della della canzone Di: (As Long As They’ve Got) Cigarettes In Hell – Oasis

Spend your days just working on shopping
dependin’ on how much your look is in
spend your nightlife table hopping
and trying to keep that bag a bones in trim

i don’t mind not feelin’ immortal
cause it ain’t all that as far as i can tell
i don’t mind not going to heaven
as long as they’ve got cigarettes
as long as they’ve got cigarettes in hell

by the time we start getting used to
the dirt that’s forming on the window sill
now we know we’ve got ourselves into
the cage that keeps the mice on their treadmill

i don’t mind not feelin’ immortal
cause it ain’t all that as far as i can tell
i don’t mind not going to heaven
as long as they’ve got cigarettes
as long as they’ve got cigarettes in hell

i don’t mind not feelin’ immortal
because it ain’t all that as far as i can tell
and i don’t mind not going to heaven
as long as they’ve got cigarettes
as long as they’ve got cigarettes in hell

(noel coughing and puffing on a cigarette)

 

Ecco una serie di risorse utili per Oasis in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Oasis

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di Oasis

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di Oasis

(D)istinti di felicità – Affranti

Album

È contenuto nei seguenti album:

2003 Ciò che rimane

Testo Della Canzone

(D)istinti di felicità – Affranti

Istanti di felicità lasciano in bocca
un acre e dolciastro sapore di oblio, inconsapevolezza.
Ma sento che dentro di me tutto rimane in estrema tensione
Sono molti i punti dove mi puoi colpire
Ognuno di voi può colpirmi
come e quando vuole
Nessuno di voi può colpirmi
come e quando vuole
Mi chiedo quanti soffitti
ci separino dal cielo
e quali spazi
separino i nostri corpi

 

(I got) the fever Oasis – Testo con accordi e traduzione in italiano

(I got) the fever – Oasis Testo, Traduzione e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

(Io ho) La febbre

Sono stanco della mia vita, ma la mia testa sta bene
Ho la febbre di un uomo che conosco
Posso sentirlo arrivare nell’aria stasera
E lo so, io non sono solo

Sudando la mia anima alla radio
il mio cuore sta ridendo verso me
posso vederlo arrivare ma non lo so
Se sta andando, se sta andando, mi lascerà essere

Mentre salgo sulla brezza
posso vedere i segni di quelli che sono venu –> Continua su Testitradotti <–

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

[Re- Sol Re- Sol Re- Sol Do La
Re- Sol
I’m tired of the love but it’s all right
Re- Sol
I got the fever of a man that I know
Re- Sol
I can feel it coming in the air tonight
Do La
and I know, I know, I know, I’m not alone
Re- Sol
Swaying to th–> Continua su Accordi per Chitarra <–

 

TESTO

Il Testo della della canzone Di: (I got) the fever – Oasis

I’m tired of my life but my head’s alright
I got the fever of a man that I know
I can feel it comin’ in the air tonight
And I know I’m not alone

Sweatin’ out my soul on the radio
My heart is laughing back at me
I can see it comin’ but I just don’t know
If it’s gon’, it’s gon’, it’s gonna let me be
As I soar on the breeze
I can see the signs of those who came before me
And it’s got me on my knees
What you say anyway
Will not last, it’ll pass in a flash right there before me
And it’s got me on my knees

Cos I got the fever
Yeah I got the fever
Cos I got the fever

I’m tired of my life but my head’s alright
I got the fever of a man that I know
I can feel it comin’ in the air tonight
And I know I’m not alone

Sweatin’ out my soul on the radio
My heart is laughing back at me
I can see it comin’ but I just don’t know
If it’s gon’, it’s gon’, it’s gonna let me be

As I soar on the breeze
I can see the signs of those who came before me
And it’s got me on my knees
What you say anyway
Will not last, it’ll pass in a flash right there before me
And it’s got me on my knees
It’s got me on my knees
It’s got me on my knees
It’s got me on my knees

As I soar on the breeze
I can see the signs of those who came before me
And it’s got me on my knees
What you say anyway
Will not last, it’ll pass in a flash right there before me
And it’s got me on my knees
It’s got me on my knees
It’s got me on my knees
It’s got me on my knees
It’s got me on my knees

 

Ecco una serie di risorse utili per Oasis in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Oasis

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di Oasis

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di Oasis

(Not) The Love Of My Life Yuna – Testo con traduzione in italiano

(Not) The Love Of My Life – Yuna Testo e Traduzione in Italiano. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

A BREVE LA TRADUZIONE –> Continua su Testitradotti <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: (Not) The Love Of My Life – Yuna

Been holdin’ on these years
It’s bittersweet, these tears
Sayin’ to know what love is
You wanna move so fast
But I know we won’t last
Gotta let go of all the memories
You may be hurtin’ now
But once you understand why we can’t hold it out
I’m gon’ shed a new skin, babe
You say, “Just hang around
Just give me some time
Oh, give me some time to find my way”
But, baby, I know…

Our love is broken
My heart has frozen
You’re not the love of my life
I love my moments
Let me compose it (Yeah)
You’re not the love of my life

I no longer feel it linger in my soul
Nothing here feels right with you no more
No more, ayy
I no longer feel it linger in my soul
Nothing here feels right with you no more
No more

Don’t wanna reminisce the past (Hey)
‘Cause I don’t wanna look back
Let bygones be bygones, baby
You said, “Let’s work it out”
But I can’t seem to get rid of all the doubt
You reap what you sow, babe
Because you messed around
I gave you my trust, but you weren’t honest
And now you wish (Now you wish)
That things were the same

Our love is broken
My heart has frozen
You’re not the love of my life
I love my moments
Let me compose it (Yeah)
You’re not the love of my life

I no longer feel it linger in my soul (In my soul)
Nothing here feels right with you no more
No more, ayy
I no longer feel it linger in my soul (In my soul)
Nothing here feels right with you no more
No more, yeah

Our love is broken (Our love is)
My heart has frozen (Yeah)
You’re not the love of my life (You’re not)
I love my moments (You’re not)
Let me compose it
You’re not the love of my life

You ain’t the love of my life
You ain’t the love of my life
You ain’t the love of my life
You wanna… (Love me)
You wanna… (Love me)
You wanna… (Love me)
You wanna… (Love me)
(You wanna love me)
(You wanna love me)

 

Ecco una serie di risorse utili per Yuna in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Yuna

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di Yuna

(Now and then there’s) a fool such as I – Elvis Presley

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

1959 50,000,000 Elvis fans can’t be wrong
1970 Worldwide 50 gold awards hits vol.1 (disco 1)
1974 Elvis: a legendary performer vol.1
1976 Great country songs
1980 Elvis Aaron Presley (cd 1)
1987 The top ten hits
1991 Essential Elvis vol.3-hits like never before
1992 The king of rock ‘n’ roll: the complete 50’s masters (cd 4)
1992 From the heart
1997 50,000,000 Elvis fans can’t be wrong
2000 That’s the way it is (disco 3)
2002 ELV1S 30 #1 hits
2005 History (cd 1)
2007 Elvis the king (cd 1)

Testo Della Canzone

(Now and then there’s) a fool such as I – Elvis Presley

Now and then there’s a fool such as I
Pardon me, if I’m sentimental
When we say goodbye
Don’t be angry with me should I cry
When you’re gone, yet I’ll dream
A little dream as years go by
Now and then there’s a fool such as I

Now and then there’s a fool such as I am over you
You taught me how to love
And now you say that we are through
I’m a fool, but I’ll love you dear
Until the day I die
Now and then there’s a fool such as I

Now and then there’s a fool such as I am over you
You taught me how to love
And now you say that we are through
I’m a fool, but I’ll love you dear
Until the day I die
Now and then there’s a fool such as I
Now and then there’s a fool such as I
Now and then there’s a fool such as I

 

(Per La) Via Di Casa La Rappresentante Di Lista – Testo con accordi

(Per La) Via Di Casa – La Rappresentante Di Lista Testo e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

Verse 1
Sib
La spesa, amore
Do- Fa
nei sacchi bianchi cosa hai dimenticato
Do- Mib-
i cerotti per tutte le botte
Sib
che ti darò
Sib
tornando a casa cos’hai scordato?
Fa
Il lenzuolo bianco
Do- Mib- Fa Sib
per coprirti quando morto a terra ti lascerò
Sol-
appesi i panni lavati e stirati
Re-
nelle tasche cos’hai trovato?
Do- –> Continua su Accordi per Chitarra <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: (Per La) Via Di Casa – La Rappresentante Di Lista

La spesa, amore
Nei sacchi bianchi cosa hai dimenticato
I cerotti per tutte le botte
Che ti darò
Tornando a casa cos’hai scordato?
Il lenzuolo bianco
Per coprirti quando morto a terra ti lascerò
Appesi i panni lavati e stirati
Nelle tasche cos’hai trovato?
I piccoli chiodi che tengono al muro
Le fotografie
Che mi ritraggono felice
Mentre i tuoi occhi mi guardano triste
E mi ritrovo qui felice
Mentre i tuoi occhi mi guardano

Tra i fornelli spenti dei chicchi di riso
Bianchi come te
Macino tra i denti
Per limare il morso che ti ferirà
A tavola c’è un piatto un po spizzicato
Di tre giorni fà
È tanto amore che a cena
Non abbiamo un po di serenità
Il fuoco che scalda il caffè del mattino
Che sapore ha?
Devi saperlo se vivi come papà

Mi ritrovo qui felice
Mentre i tuoi occhi mi guardano triste
E mi ritrovo qui
Mentre i tuoi occhi mi guardano
E mi ritrovo qui
Mentre i tuoi occhi mi guardano
E mi ritrovo qui felice
Mentre i tuoi occhi mi guardano
Triste.

Ecco una serie di risorse utili per La Rappresentante Di Lista in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di La Rappresentante Di Lista

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di La Rappresentante Di Lista

(Set me free) remotivate me – single version – Depeche Mode

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

(Set me free) remotivate me – single version – Depeche Mode

Set me free
Set me free

Remotivate me
Set me burning
After years in deep freeze
My body is yearning
For a new lease of life
And a little spice
Set me free
Remotivate me

Give me a reason
To scream and shout
Give me something
To get excited about
When everything is looking dull
I’m sure it isn’t impossible to
Set me free
Remotivate me

Remotivate me
Set me burning
After years in deep freeze
My body is yearning
For a new lease of life
And a little spice
Set me free
Remotivate me

Don’t think I’m impatient
Because I’m willing to wait
But something must must happen
Before it gets too late
It could be my imagination
But wasn’t there more than this dull sensation
Set me free
Remotivate me

 

 

(You Make Me Feel Like) A Natural Woman – Giorgia Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali,BPM e molto altro.

https://www.youtube.com/watch?v=8ujVeGUN1b4

TESTO

Il Testo della della canzone Di: (You Make Me Feel Like) A Natural Woman – Giorgia

Looking out on the morning rain
I used to feel so uninspired
And when I knew I had to face another day
Lord it made me feel so tired
Before the day I met you my life was so unkind
You’re the key to my peace of mind

‘Cause you make me feel you make me feel
You make me feel like a natural woman

When my soul was in the lost-and-found
You came along to claim it
I didn’t know just what was wrong with me
Till your kiss helped me name it
Now I’m no longer doubtful of what I’m living for
And if I make you happy I don’t need to do more

‘Cause you make me feel you make me feel
You make me feel like a natural woman

Oh baby what you’ve done to me
You made me feel so good inside
And I just want to be close to you
You know you make me feel so alive

‘Cause you make me feel you make me feel
You make me feel like a natural woman

Oh you make me feel you make me feel
You make me feel like a natural woman

Yeah you make me feel you make me feel
You make me feel like a natural woman
Yeah

Ecco una serie di risorse utili per Giorgia in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Giorgia

– e Feat – Testo e Traduzione in Italiano

– e Feat  Testo e Traduzione in Italiano. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –  Feat 

 

Ecco una serie di risorse utili degli artisti in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutti i TESTI delle canzoni di 

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di 

– Testo con accordi

Testo e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

–> Continua su Accordi per Chitarra <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di

– Testo con accordi

Testo e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

–> Continua su Accordi per Chitarra <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di

– Testo con accordi

Testo e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

–> Continua su Accordi per Chitarra <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di

– Testo con accordi e traduzione in italiano

Testo, Traduzione e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

–> Continua su Accordi per Chitarra <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

 

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di

– Testo con accordi e traduzione in italiano

Testo, Traduzione e accordi per chitarra. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

ACCORDI PER CHITARRA

Accordi per Chitarra

–> Continua su Accordi per Chitarra <–

 

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

 

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

Tutti gli ACCORDI PER CHITARRA delle canzoni di

– Testo con traduzione in italiano

Testo e Traduzione in Italiano. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

 

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

– Testo con traduzione in italiano

Testo e Traduzione in Italiano. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

 

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

– Testo con traduzione in italiano

Testo e Traduzione in Italiano. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO 

Traduzione in Italiano

–> Continua su Testitradotti <–

TESTO

Il Testo della della canzone Di: –

 

Ecco una serie di risorse utili per in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di

Tutte le TRADUZIONI IN ITALIANO  delle canzoni di

…E dopo dormirò

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

…E dopo dormirò di Bambini

Nicoletta Cataldo, Valentina Ambrosio e Anita Panella
(Sterpellone – Pagano)

Ancora una favola mamma
Poi faccio la nanna… ah ah ah
Ancora una favola mamma
Raccontami un po’…
E dopo dormirò
La la la la
E dopo dormirò…

Raccontami la fiaba della viola
Che sposa il grillo e non è più sola,
O quella della bella contadina
Che poi alla fine era una regina…
Racconta quella buffa
Del sole con i baffi
Che va a braccetto con la luna piena…

Ancora una favola mamma
Poi faccio la nanna… ah ah ah
Ancora una favola mamma
Raccontami un po’…
E dopo dormirò
La la la la
E dopo dormirò…

Raccontami la storia della rana
Che la magia trasformò in farfalla,
E quella della stella con la coda
Che in cielo tutti chiamano cometa…
Racconta di quel mago
Che appena alza un dito
Il mondo fa di zucchero candito…

Ancora una favola mamma
Poi faccio la nanna… ah ah ah
Ancora una favola mamma
Raccontami un po’…
E dopo dormirò
La la la la
E dopo dormirò…

Ti prego su raccontami la storia
Di quel gigante che sposò una rosa,
Oppure quella della buona fata
Discesa da una nuvola di luce
Che dopo si innamora
Del principe più bello
E insieme se ne vanno in un castello…

Ancora una favola mamma
Poi faccio la nanna… ah ah ah
Ancora una favola mamma
Raccontami un po’…
E dopo dormirò
La la la la
E dopo dormirò…

Ancora una favola mamma
E dopo dormirò…!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

…E la barca tornò sola – Festival di Sanremo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

…E la barca tornò sola – Festival di Sanremo 1954

(di: Ruccione)
Gino Latilla & Franco Ricci
Altri interpreti: Renato Carosone

E la barca tornò sola.

Erano tre fratelli pescatori
con una mamma bianca
con una barca nera
e co tre cuori ancora da creatura.

Il mare urlana acuto quella sera
e il legno dell’incognita straniera
cercava aiuto in tutto quell’orrore
il rischio era la vita per salvare
la bionda forestiera… chi sarà.

Mare, mare crudele
come puoi cantare nelle notti scure
quando piange il cuore,
mare sei di un amore
soffocarsi in gola
l’ultima speranza
l’ultima parola.

E la barca tornò sola.

Della leggenda dei tre pescatori
resta un mamma bianca
ed una barca nera
che in fondo al molo
a tutti fa paura,
le vele si raccontano tra loro
che la sirena dai capelli d’oro
serba il segreto dei tre pescatori
ma quel segreto chi potrà svelare
se l’onda indifferente viene e va.

E la barca tornò sola.


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Am F A G Am


G9                      F
ERANO TRE FRATELLI PESCATORI

                         E
CON UNA MAMMA BIANCA CON UNA BARCA NERA

      F                       Am
E CON TRE CUORI ANCORA DA CREATURA

   Dm                        G
IL MARE URLAVA CUPO QUELLA SERA

     G7                           C
E IL LEGNO DELLA INCOGNITA STRANIERA

           Am                  E
CERCAVA AIUTO IN TUTTO QUELL'ORRORE

      E7                      E
CHI RISCHIERA' LA VITA PER SALVARE

LA BIONDA FORESTIERA CHI SARA'

  Am                             Am9
MARE MARE CRUDELE COME PUOI CANTARE

               Em               A#
NELLI NOTTI SCURE QUANDO PIANGE IL CUORE

Dm               Dm9
MARE SE DI UN AMORE

Dm            Dm6                   Am
SOFFOCASTI IN GOLA L'ULTIMA SPERANZA

                E                     F Am
L'ULTIMA PAROLA E LA BARCA TORNO' SOLA  

G9                          F
DELLA LEGGENDA DEI TRE PESCATORI

                          E
RESTA UNA MAMMA BIANCA ED UNA BARCA NERA

    F                              Am
CHE IN FONDO AL MOLO A TUTTI FA PAURA

   Dm                     G
LE VELE SI RACCONTANO FRA LORO

    G9                       C
CHE UNA SIRENA DAI CAPELLI D'ORO

         Am                   E
SERBA IL SEGRETO DEI TRE PESCATORI

        E7                    E
MA QUEL SEGRETO CHI POTRA' SVELARE

                               Am  FM7
SE L'ONDA INDIFFERENTE VIENE E VA

Am
E LA BARCA TORNO' SOLA

***

…E non aver paura di vivere – Le Vibrazioni

 

Album

È contenuto nei seguenti album:
2005 Le Vibrazioni II

Testo Della Canzone

…E non aver paura di vivere – Le Vibrazioni

Scriverò le mie paure,
le mie preghiere su di un foglio,
che bianco come il latte scorre,
sulle pagine di ciò che ho dentro,
non vuoi sapere se
fuori c’è il sole
o ancora un altro giorno di pioggia!
In questi giorni di pioggia,
In questi giorni di pioggia
c’è chi fa della sua vita
un’arte antica,
o c’è chi dice che prevenire
è più sicuro,
ma non sarò, di certo, io a criticare
quel vecchio Dio che,
con tutti i suoi problemi,
ascolta me e non avrà,
di certo, tempo per dire
se ho sbagliato io,
io che non ho mai capito
perchè l’hanno ucciso,
Lui che amava l’uomo
in tutta la sua imperfetta esistenza,
ma ore è tardi e preghiamo
perchè abbiamo paura di morire!
E non sarò, di certo, io a criticare
quel vecchio Dio che,
con tutti i suoi problemi,
ascolta me e non avrà,
di certo, tempo per dire
se ho sbagliato io,
io che non ho mai capito
perchè l’hanno ucciso,
Lui che amava l’uomo
in tutta la sua imperfetta esistenza,
ma ore è tardi e preghiamo
perchè abbiamo paura di morire!
E non aver paura di vivere,
e non aver paura di vivere,
e non aver paura di vivere,
e non aver paura di vivere!

 


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Re           Sol-
Scriverò le mie paure,
                           Re
le mie preghiere su di un foglio,
      Sol-
che bianco come il latte scorre,
Si-     La           Sol
sulle pagine di ciò che ho dentro,
                           Si-
non vuoi sapere se
         La
fuori c'è il sole
   Sol                                                Re  Re9  Re
o ancora un altro giorno di pioggia!
                Sol-                    Re  Re9 Re
In questi giorni di pioggia,
               Sol-
In questi giorni di pioggia
Re               Sol-
c'è chi fa della sua vita

un'arte antica,
Re                      Sol-
o c'è chi dice che prevenire

è più sicuro,
Re                  Sol-
ma non sarò, di certo, io a criticare
Re
quel vecchio Dio che,
Sol-
con tutti i suoi problemi,
                  Si-           La
ascolta me e non avrà,
               Sol
di certo, tempo per dire
                         Si-
se ho sbagliato io,
           La        Sol
io che non ho mai capito

perchè l'hanno ucciso,
Si-          La
Lui che amava l'uomo
    Sol
in tutta la sua imperfetta esistenza,

Si-           La
ma ore è tardi e preghiamo
Sol                                    Re-   Sol-  Re  Sol-  Re-  Sol-  Re  Sol-
perchè abbiamo paura di morire!
Re                Sol-
E non sarò, di certo, io a criticare
Re
quel vecchio Dio che,
Sol-
con tutti i suoi problemi,
            Si-            La
ascolta me e non avrà,
              Sol
di certo, tempo per dire
                         Si-
se ho sbagliato io,
           La         Sol
io che non ho mai capito

perchè l'hanno ucciso,
Si-         La
Lui che amava l'uomo
Sol
in tutta la sua imperfetta esistenza,
Si-           La
ma ore è tardi e preghiamo
Sol                                    Re-  Sol-  Re  Sol-  Re-  Sol-  Re  Sol-
perchè abbiamo paura di morire!
Re Sol-                          Re  Re9 Re
E non aver paura di vivere,
   Sol-                            Re  Re9 Re
e non aver paura di vivere,
   Sol-                            Re  Re9 Re
e non aver paura di vivere,
   Sol-                             Re
e non aver paura di vivere!

…E parlarle d’amore sarà  imbarazzante

Album

È contenuto nei seguenti album:

1973 Poesia

Testo Della Canzone

…E parlarle d'amore sarà imbarazzante di Riccardo Cocciante

(Riccardo CocciantePaolo CassellaMarco Luberti)

Forse sarà il vestito
chissà nuda com’è?
Strano non ci ho mai pensato
lei a letto con me

Come mai proprio lei
che fra tutte le donne è la più distante
Come mai proprio lei
che credevo soltanto la più sconcertante

Forse questa atmosfera
voglio stare con lei
strana la primavera
sento molto di più

Come mai proprio lei
che conosco da tanto
improvvisamente
voglio lei proprio lei

…E parlarle d’amore sarà imbarazzante

Ti accompagno io se vuoi
tanto passo di lì
lei mi ha detto di sì

Rosso il tuo vestito
che ai tuoi piedi restò
bianco il corpo nudo
quando si abbandonò
Cosa sei, cosa sei
questo amore improvviso
adesso è già importante

Cosa sei, cosa sei
questo amore bambino
adesso è già un gigante

Tu più delle altre
tu sei molto di più
tu così distante ami molto di più

Cosa sei, cosa sei…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

…E penso a te – Ricchi e Poveri

Album

È contenuto nei seguenti album:

1981 E penso a te
1994 I grandi successi

Testo Della Canzone

…E penso a te – Ricchi e Poveri

(PaceMinellonoBalducci)

Chu chuchuchu…

Questa notte vestita di lacrime d’argento
E una notte che tutti aspettavano da tano
E alla radio daranno una musica di quelle
Fatte apposta perche si innamorino le stelle (le stelle)

Le finestre si accendono e sbattono le ciglia
E la luna va dietro a una nuvola e si spoglia
Il tuo viso ritorna e mi penetra nel cuore
Manchi tu questa notte per essere d’amore (d’amore)

E penso a te
Perche tu sei la cosa piu bella e per questo che io
Penso a te
Perche in cielo e caduta una stella e mi accorgo che io
Penso a te
E un pensiero che non fa rumore
E un pensiero d’amore

E penso a te
Anche in mezzo a un casino di gente mi accorgo che io
Penso a te
Perche tu sei una cosa talmente importante che io
Penso a te
E un pensiero che non fa rumore
E una prova d’amore

Meno male che avevo una lacrima da parte
Io ti amo ma devo gridartelo piu forte
Una zingara ha detto: “Non piangere, e destino
Questo amore non riesce a rubartelo nessuno”
Quando torno vedrai che ne parlano i giornali
Perche due che si amano sembrano speciali
E alla radio daranno una musica di quelle
Fatte apposta perche si innamorino le stelle (le stelle)

E penso a te
Perche tu sei la cosa piu bella e per questo che io
Penso a te
Perche in cielo e caduta una stella e mi accorgo che io
Penso a te
E un pensiero che non fa rumore
E un pensiero d’amore

E penso a te
Anche in mezzo a un casino di gente mi accorgo che io
Penso a te
Perche tu sei una cosa talmente importante che io
Penso a te
E un pensiero che non fa rumore
E una prova d’amore

Chu chuchuchu…

https://youtu.be/oV73Uk8leV8

…E poi mi parli di una vita insieme – Vasco Rossi

Album

È contenuto nei seguenti album:

1978 Ma cosa vuoi che sia una canzone
2005 Canzoni al massimo
2006 Ti amo

Testo Della Canzone

…E poi mi parli di una vita insieme – Vasco Rossi

E poi mi parli di una vita insieme
di una casa di bambini
del nostro amore
e di me che vado a lavorare
Ma che ne sai tu
di un mondo
che si può vivere
soltanto se stai attento
a dove metti i piedi
e ogni volta
che usciamo
mi dici che tuo padre
vuole sapere
che cosa intendo fare

Ma che ne sa lui di fare
se tutta la vita
non ha fatto altro
che stare a guardare

Io vorrei che tu
che tu avessi qualcosa da dire
che parlassi…di più
che provassi una volta a reagire
ribellandoti a quell’eterno incanto
per vederti lottare
contro chi ti vuole
così innocente e banale donna
donna sempre uguale donna
donna per non capire donna
donna per uscire
donna da sposare

No senti
stammi a sentire un po’
non è te che detesto in fondo sai
la colpa non è tua
la verità è che al mondo
tu servi così


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
C  Dm  C  Dm

C                                   
  E poi mi parli di una vita insieme
Dm
  di una casa di bambini
  del nostro amore
                             C
  e di me che vado a lavorare
C
  Ma che ne sai tu
  di un mondo
Dm
  che si puo' vivere soltanto
  se stai attento   
                      C                   
  a dove metti i piedi
C
  e ogni volta
  che usciamo
Dm
  mi dici che tuo padre
  vuole sapere                     
                       C
  che cosa intendo fare
C                          
  Ma che ne sa lui di fare
Dm  
  se tutta la vita
  non ha fatto altro
                       C
  che stare a guardare  

C              G
Io vorrei che tu
F         G                  C    G
  che tu avessi qualcosa da dire
F         G           C    G
  che parlassi...di più
F         G                        C    G
  che provassi una volta a reagire
F       G     
  ribellandoti
C           G        F
  a quell'eterno incanto
       G        C
per vederti lottare
        G              F
contro chi ti vuole così
     G         C       
innocente e banale donna
G                 F
  donna sempre uguale
       G              C
donna per non capire donna
G                  F
  donna per uscire
G                  C
  donna da sposare

C   
No senti
Dm
  stammi a sentire un po'
non è te che detesto in fondo sai
la colpa non è tua
la verità è che al mondo
            C
tu servi così

…E sì arrivata tu… – Angelo Miele

Testo Della Poesia

…E sì arrivata tu… – Angelo Miele

Sapevo ca l’ammore fa ascì pazze,
sapevo ca puteva esse accussì…
Però nun m’aspettavo ca stà rézza
ca m’attanaglia ‘o core
me facesse murì….

Sapevo ch’è nu sentimento forte,
sapevo ca nun fa cchiù arraggiunà…
Ma nun credevo ca restavo spierto
a chiagnere e a sperà
ca me dicisse “si” !

Sapevo ca l’ammore, dinto core
me se sarria ‘mpizzato, qualche ghiuorno,
pe nun me lassà cchiù.
Sapevo, l’aspettavo,….
… e sì arrivata tu !

 

1 2 3 138